Olio lubrificante motore: scegli quello di buona qualità

Olio lubrificante motore: perché questo sia sempre efficiente serve olio lubrificante di alta qualità
(photo by Mike Photos on Pixabay)

Olio lubrificante motore: meglio se di buona qualità per preservare dall'usura le parti meccaniche che creano attrito.

Caratteristiche dell'olio lubrificante per il motore

La basilare funzione dell'olio nel motore, è di lubrificare, e raffreddare le superfici che creano attrito, cercando di ridurre quanto possibile l'usura, dovuta allo sfregamento sulle parti metalliche.
Nei pistoni ad esempio, non arriva il liquido di raffreddamento, quindi la duplice funzione dell'olio nel motore, che svolge anche il suo ruolo raffreddando, comunque mantenendo a temperature accettabili le parti meccaniche.

L'olio lubrificante, può essere minerale, o sintetico: minerale quando ottenuto raffinando petrolio greggio, sintetico quando costituito da composti chimici, ovvero realizzato per sintesi di determinate sostanze chimiche.

Il componente basilare dell'olio lubrificante quindi, è quanto ottenuto da questi procedimenti, addirittura può essere un miscuglio di olio minerale e sintetico, ottenendo così un olio semisintetico.

Oltre alla base, vengono aggiunti gli additivi, che in precise quantità migliorano sensibilmente le prestazioni dell'olio nel motore.

La viscosità

Riveste particolare importanza ai fini dell'utilizzo del lubrificante.
Viscosità che diminuisce con l'aumentare del calore, facendo diventare l'olio più fluido, e tende ad aumentare via via che la temperatura scende, diminuendo anche la fluidità.

Praticamente, la viscosità dell'olio lubrificante del motore misura quanto sia efficiente e resistente il prodotto (l'olio) allo scorrimento.

L'acronimo SAE (Society of Automotive Engineers), rappresenta l'ente che stabilisce le normative nell'industria motoristica, e viene usato anche come classificazione che misura sostanzialmente la viscosità di un olio lubrificante.

In questo articolo su newsauto․it, puoi trovare altre informazioni utili, per comprendere come sia importante scegliere il giusto olio lubrificante per ogni veicolo.

• Un olio multigrado, è capace di lavorare a diversi regimi di temperatura, riesce cioè a ottenere buone prestazioni, sia a caldo che a freddo.

La sigla SAE è seguita da due cifre, divise dalla lettera W.

Esempio: SAE 10W 50

• la prima cifra (10), rappresenta la viscosità a freddo (W sta per winter), più il numero è basso, maggiormente l'olio lubrificante riuscirà a mantenere una certa fluidità, nonostante l'abbassarsi della temperatura.

• La seconda cifra (nel nostro esempio 50), indica quanto l'olio sia capace di ottenere prestazioni ottimali, lavorando alle alte temperature.

Ciascuna casa produttrice di auto/motoveicoli, stabilisce chiaramente quale debba essere il prodotto più indicato per ogni specifico motore.

Olio lubrificante motore: la qualità

API (American Petroleum Institute) e ACEA (Association des Constructeurs Europeans d'Automobiles), sono i due principali enti che si occupano di studiare uno specifico prodotto, e attribuirgli un indice qualitativo.

Per quanto riguarda API troviamo sull'etichetta del prodotto determinati caratteri:

S che sta per service, ovvero motori a benzina, C sta per Commercial ovvero motori Diesel.

• La lettera che segue, indica poi la qualità espressa, progressivamente in ordine alfabetico.

Troveremo quindi:

(S oppure C, uso la S per esempio dimostrativo) SE, SF, SG, SH, SJ.

Per quanto riguarda ACEA, troviamo indicazione in un codice alfanumerico:

A motori a benzina;

B motori diesel;

E diesel industriali.

Il numero che segue la lettera, indica le prestazioni dell'olio lubrificante.
Esempio: A1, A2, A3.

Anche in quest'altro articolo, su bardahl․it, se desideri puoi chiariti ulteriormente le idee.

Importante, se fai da te a sostituire l'olio del motore, portare l'olio esausto negli appositi centri di smaltimento, come le discariche comunali, dove sono previsti appositi contenitori.