Menu

af1.it

Uno che scrive

Come scegliere l’olio per il motore dell’auto

4 minuti
aggiornato il
Cartoon car: scegliere l'olio più adatto per il motore della propria auto e anticiparne il cambio di duemila chilometri circa, può contribuire ad allungare la vita del motore

Cartoon car

La scelta dell'olio per il motore non deve mai essere sottovalutata se si intende mantenerlo al meglio e più a lungo.
La durata del motore e le sue prestazioni dipendono molto dalla qualità dell'olio e dai cambi periodici.
Non improvvisare mai nella scelta, e in caso di dubbi rivolgiti al tuo meccanico di fiducia.

Non improvvisare nella scelta dell'olio per il motore dell'auto

La prima cosa da fare è di consultare il libro delle istruzioni dell'automobile, dove viene indicato con precisione quale tipo di olio lubrificante usare per mantenere il motore efficiente e farlo durare più a lungo.

Cambiare la marca dell'olio non rappresenta un problema, tuttavia le specifiche devono essere quelle consigliate dalla casa costruttrice dell'auto.

Dall'olio dipende in gran parte la vita del motore, 2 cose da evitare:

● puntare su di un olio eccessivamente economico;

● ritardare il cambio periodico.

Un olio eccessivamente economico (made in ?! E come ?!) non potrebbe garantire prestazioni ottimali di lubrificazione, potrebbe surriscaldare e non svolgere più il suo ruolo come dovrebbe, perderebbe ben presto la sua ideale viscosità e il motore ne risentirebbe.

Ritardare il cambio periodico dell'olio non fa risparmiare denaro come qualcuno potrebbe pensare, andrebbe solo a compromettere la vita e le prestazioni del motore; un olio esausto, o quasi, va sostituito, meglio 1.000 km prima che dopo.

Sempre sul libretto di uso e manutenzione viene indicato ogni quanti km l'olio è da sostituire.

Si va indicativamente dai 15.000 km per motori a benzina e 30.000 per quelli Diesel.

Però anticipare queste tempistiche può favorire il motore in durata e prestazioni.

Altro aspetto importante è mantenere regolare il cambio periodico; non cambiare l'olio una volta dopo 15.000 km, la volta successiva dopo 10.000 km, etc.

Deciso un periodo quello rimane.

Non è finita qui: se l'automobile non viene usata molto non significa che sia necessario aspettare il chilometraggio prefissato per cambiare olio, bensì è da sostituire 1 volta l'anno.

Tipologie di olio per il motore

Praticamente l'olio lubrificante per il motore si classifica in:

● olio minerale

Quello minerale è per lo più indicato per i mezzi agricoli.

olio sintetico

Il sintetico è largamente utilizzato, sia per i motori benzina che Diesel, è in grado di fornire buone prestazioni in un ampio range di temperature, e produce pochi residui dato che è particolarmente raffinato.

olio sintetico long life.

Utilizzato per motori particolarmente potenti, ha un notevole potere lubrificante e per lunghe percorrenze.

Cosa indicano le sigle dell'olio per il motore dell'auto

Tra gli aspetti da considerare per scegliere con criterio l'olio del motore dell'auto, ci sono la percorrenza chilometrica ed in quali condizioni: freddo e temperature rigide, o in zone calde.

Ricorda ancora che il consiglio presente sul libro di uso e manutenzione dell'auto dalla casa costruttrice, è un consiglio ben ponderato frutto di molteplici prove.

Puoi pensare che sia solo un'operazione commerciale frutto di un accordo tra la casa costruttrice ed i produttori di oli lubrificanti.

Forse non è il caso di pensarla così comunque nel dubbio chiedi consiglio al tuo meccanico di fiducia, ti saprà dire con precisione quello che vuoi sapere.

SAE si occupa di classificare gli oli in base alla loro viscosità, esempio: SAE 5W50.

Il primo numero (5) indica la viscosità dell'olio alle temperature più fredde, la W sta per Winter, mentre il secondo numero (50) indica le temperature più calde.

Praticamente viene consigliato quale olio usare in base alle temperature, ed il range di azione dell'olio.

Gli oli utilizzati oggi hanno raggiunto prestazioni altamente performanti in qualunque utilizzo, grazie anche all'evoluzione tecnologica dei motori, che risultano testati anche con lo stretto e specifico utilizzo di un altrettanto specifico olio.

ACEA definisce una classificazione delle prestazioni degli oli lubrificanti per motori.

Il cambio di olio al motore dell'auto (e la sostituzione filtro ad ogni cambio) è un'operazione periodica che prevede sempre la stessa tipologia di olio, a meno che non si cambi zona climatica e il cambio di temperatura è notevole, dove allora facendoti consigliare dal tuo meccanico di fiducia scegli l'olio più adatto.

Ricorda anche che se esegui il cambio olio da te, l'olio esausto è da portare negli appositi centri di smaltimento, ovvero in discarica dove hanno i contenitori per gli oli motore.

Controlla spesso il livello dell'olio (sempre a motore spento e almeno 1 volta al mese) con l'asta presente nel motore.
In alcune autovetture si rende necessario il rabbocco di olio, prima del cambio periodico; in questo caso assicurati di avere olio identico a quello già presente nel motore.

 

               

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.
Dona con PayPal