Menu

af1.it

Uno che scrive

 

Cerchi in lega: pro e contro, riparazione

8 minuti
aggiornato il
I cerchi in lega sono di serie su tantissime autovetture e veicoli in genere, offrono sicuramente molti vantaggi ma occorre anche valutare quelli che possono essere gli svantaggi

Cerchi in lega

I cerchi in lega (alluminio, magnesio) o in fibra di carbonio per le vetture super sportive, presentano diversi vantaggi rispetto ai cerchi in acciaio.
Acciaio, lega (di alluminio e di magnesio), fibra di carbonio.
Questi sono i 3 tipi di materiale impiegati per realizzare i cerchi per automobili, motoveicoli, veicoli in genere (anche per le biciclette).

Caratteristiche dei cerchi in lega

Da 20 anni circa a questa parte i cerchi in lega hanno praticamente sostituito, nelle automobili nuove, i vecchi cerchioni in acciaio anche sulle autovetture di serie.
Quelli in fibra di carbonio invece sono spesso presenti nelle vetture (super)sportive dei grandi marchi, come Ferrari, Maserati, Jaguar.

Negli anni 30 del secolo scorso grazie alle competizioni automobilistiche si iniziarono a realizzare cerchi utilizzando il magnesio; semplicemente rivoluzionari per l'epoca, molto più leggeri di quelli in acciaio, e cambiavano totalmente la tenuta di strada, l'assetto dell'autovettura, la taratura delle sospensioni, l'impatto sugli pneumatici (usura e tenuta di strada), la frenata.

Dando una maggiore ventilazione al sistema frenante, i freni potevano durare più a lungo.
Insomma una vera rivoluzione di tecnica e meccanica per l'intero veicolo.
Il magnesio tuttavia dimostrò anche una certa vulnerabilità; poca resistenza agli urti, sensibilità alla corrosione, materiale infiammabile, le sollecitazioni meccaniche li provarono parecchio, duravano poco.

Non dimentichiamo che molto spesso le competizioni automobilistiche forniscono grandi indicazioni per quelle che saranno poi le meccaniche da utilizzare nella realizzazione di autovetture di serie, indipendentemente dalle diverse fasce di prezzo.
Grazie alle più recenti tecnologie i passi in avanti sono stati notevoli, anche per la composizione delle leghe, tanto che oggi i cerchi in lega di magnesio sono destinati alle autovetture sportive di lusso, sono leggeri e molto performanti (e costosi).

L'impiego delle leghe ha permesso una certa malleabilità dei cerchi tanto che (anche) esteticamente si sono ottenuti risultati molto apprezzabili, con disegni talvolta molto ricercati e personalizzati.
La presenza delle razze nel cerchione, più o meno compatte ed in quantità diverse (esempio: 4 razze, 3 doppie razze, etc.), conferiscono all'intero veicolo un aspetto totalmente nuovo.

Sia negli anni '50 che '60 del secolo scorso modelli di cerchi in lega erano presenti su automobili prestigiose come Corvette, Cadillac, Ferrari, con design davvero molto accattivanti, talvolta espliciti richiami dei modelli con raggi tipici della auto del passato, oggi auto d'epoca.
Borrani è uno storico e prestigioso costruttore di cerchi per auto dove i raggi delle ruote sono sempre stati il punto focale.

Oggi i cerchi in lega sono disponibili senza difficoltà alcuna anche sulle automobili di serie, sulle utilitarie, anche laddove il prezzo del mezzo è economico (cerchi in lega di alluminio).
I cerchi in lega sono esteticamente belli, sono leggeri, e questo come abbiamo compreso ha rivoluzionato la meccanica dei veicoli.

Un peso inferiore complessivo del mezzo incide anche sul risparmio di carburante e sulle prestazioni in generale; ovviamente a grandi linee in quanto ogni mezzo di trasporto ha un progetto preciso e specifico a sé stante quindi le prestazioni ed i consumi, nonché le sollecitazioni meccaniche, etc. incidono in maniera diversa su ogni autovettura o motoveicolo.
Ridurre il peso complessivo del veicolo a favore dei consumi significa di conseguenza ridurre anche le emissioni di scarico, oltre ad avere buone prestazioni meccaniche.
Maggiore aerazione dei freni, quindi migliore resa frenante.

● La lega di alluminio è largamente utilizzata per la produzione di cerchi, tanto per auto che per moto, sono forse più economici degli altri (lega di magnesio) ma sempre costosi, si tratta sempre di prodotti che hanno un certo prezzo.
Sono leggeri, robusti, offrono un ottimo compromesso tra peso e prestazioni.

● I cerchi in lega di magnesio hanno fatto notevoli passi in avanti rispetto alle caratteristiche anche problematiche degli esordi, sia nei veicoli stradali che in quelli da competizione questo cerchio presenta il vantaggio di essere leggero.
Presenta tuttavia difficoltà nel processo di lavorazione, questo aumenta i costi, ed altro limite è dato dalla corrosione.
Nonostante i cerchi vengano opportunamente preservati dalla verniciatura e da una superficie protettiva, se questa venisse a mancare per via dell'usura, o anche per scarsa manutenzione, la corrosione potrebbe attaccare il cerchio, quindi è sempre opportuno controllare periodicamente che la struttura protettiva superficiale sia intatta, e quando il cerchio è pulito si notano meglio eventuali imperfezioni.

● I cerchi in fibra di carbonio li si può trovare su vetture (comunque veicoli) super sportive (anche da competizione), rappresentano il nec plus ultra per tanti appassionati di tuning.
Leggerezza, malleabilità ne fanno un prodotto di altissima qualità ed altissimi costi.
Leggeri, elastici, resistenti. Per veicoli mirati.

Pro e contro dei cerchi in lega

Pro e contro: il vantaggio principale dei cerchi in lega è il peso ridotto rispetto a quelli in ferro, con i vantaggi che conosciamo in quanto il peso dei cerchi influisce sulle prestazioni dell'auto, presentano una maggiore rigidità, e hanno la evidente capacità di modificare l'aspetto estetico dell'auto.
Uno specifico disegno del cerchio rispetto ad un altro può letteralmente rivoluzionare l'estetica del mezzo; dato che cerchi con disegni diversi ce ne sono un'infinità, è possibile trovare quelli che possono conferire al proprio veicolo quello che è l'aspetto preferito.
Rispetto ai cerchi in acciaio hanno una rigidità maggiore che influisce positivamente sul consumo regolare delle gomme, se bilanciatura e convergenza sono sempre ottimali.

Come contro si ha la spiacevole possibilità di rovinare il cerchio… e l'ammaccatura rimane !!! A meno che non si intenda affrontare la spesa della sostituzione.
Ovviamente non vale la pena; il cerchio sicuramente deve essere sostituito se compromesso nella sua integrità, diversamente, se per un difetto estetico provocato da un urto, di certo non conviene sostituirlo e spendere un sacco di soldi.
Perché se con il vecchio cerchio in acciaio qualche martellata poteva riportare la forma originaria in caso di un cerchio ammaccato (ovviamente se si tratta di piccole ammaccature che non compromettono in nessuna misura l'integrità del cerchio e la sicurezza di utilizzo), con quello in lega non è davvero possibile, a meno che si tratti di piccole ammaccature.
Non è un contro da poco, tuttavia urtare (seppur in maniera lieve) il cerchio è una cosa che può capitare, ma certo non abitualmente; in caso contrario occorre rivedere il proprio stile di guida (… !!!).

Il grande vantaggio dei cerchi in lega si ha nelle vetture sportive, vanno a migliorare sensibilmente le prestazioni; anche le vetture di serie ormai, oggi, hanno prestazioni piuttosto buone, quindi i cerchi in lega risultano facilmente integrati fornendo buon rendimento ed un gradevole aspetto estetico.
Anche nelle autovetture nuove più economiche, quando non in dotazione di serie, avere i cerchi in lega non è affatto difficile, vale la pena di pensarci quando si acquista l'auto, spendere qualche centinaio di € in più ed avere cerchioni leggeri ed esteticamente apprezzabili.

Riparazione dei cerchi in lega

È anche possibile procedere alla riparazione dei cerchi in lega, se non risultano particolarmente danneggiati, è anche possibile ripararli quando presentano problemi (non eccessivi) di mancata sfericità dove avere subito un urto.
Sempre in caso di rigature, graffi, piccoli solchi, è possibile eseguire riparazioni fai da te (sono disponibili anche dei kit), pulendo accuratamente con alcol denaturato prima di procedere ad applicare la resina per la riparazione, con una piccola spatola si va a modellare il cerchio dove risulta rovinato.
Poi si passa alla carteggiatura e verniciatura.

La rigidità è un altro punto di forza dei cerchi in lega, e se rovinati da urti piuttosto forti, purché non vi siano incrinature e relativi pericoli per la sicurezza, è possibile la rigenerazione.

● Centratura;

● Diamantatura dei bordi;

● Verniciatura.

Il costo complessivo per queste operazioni si aggira intorno ai 140,00 € circa per un cerchio di 16".

Considerazioni sui cerchi in lega

Ogni cerchio è studiato ad hoc per ogni specifico modello di veicolo.
Prima di sostituire i cerchioni dell'automobile, o della motocicletta, è sempre necessario consultare il libretto di circolazione del veicolo dove è scritto quali cerchi può montare il mezzo, se previsto (per quanto riguarda le misure), oltre quelli in dotazione (di fabbrica).
Questo è già di per sé un indicatore per sapere se uno specifico modello può montare cerchi di diversa misura (es. più larghi) oppure no.
Rispetto ai vecchi cerchi in acciaio, quelli in lega rappresentano indubbiamente dei vantaggi, come sopra elencato.

Quindi, al di là del fattore estetico indubbiamente importante, migliorano le prestazioni ed il rendimento del veicolo, e possono contribuire al risparmio di carburante ed usura degli pneumatici e dei freni.
La maggiore facilità infatti dei vecchi cerchioni in acciaio di deformarsi, può incidere su di una uscita di asse della convergenza ed una errata taratura della bilanciatura, con conseguente consumo irregolare e veloce delle gomme.

I cerchi in lega si possono acquistare anche nelle offerte che vengono fatte dai rivenditori specializzati; dal momento che i modelli nuovi sono sempre in evoluzione, modelli già vecchi ma ancora molto belli possono far risparmiare denaro.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi