Tastiere meccaniche, domande frequenti

Aggiornato:
Tastiere meccaniche, domande frequenti
(Image by Tommmy_ from Pixabay)

Tastiere meccaniche, le domande frequenti per trovare la risposta e fare la scelta giusta se intendi comprarne una.


Tastiere meccaniche, le domande frequenti per trovare le risposte che cerchi

Se hai deciso il grande passo di passare dalle tastiere a membrana a quelle meccaniche, qui puoi trovare diverse risposte alle domande più frequenti, soprattutto per chi è alle prime esperienze.

Domande frequenti

Cos'è la tastiera meccanica?

È una tastiera per PC differente da quella a membrana, le più comuni e le più economiche in generale. Si differenzia per avere ogni tasto indipendente, a differenza di quelle a membrana dove tutti i tasti fanno capo a un solo circuito stampato.

Quando premi un tasto, questo deve essere cercato, prima di inviare il segnale al dispositivo. Nella tastiera meccanica ogni tasto fa storia a sé, quindi la velocità è maggiore e più precisa, anche se si tratta di pochi millisecondi. La precisione di battitura inoltre nelle tastiere meccaniche è molto più elevata.

Che differenza c'è tra tastiera meccanica e a membrana?

La grande differenza è data dagli switch, ovvero dall'interruttore che si trova sotto ogni tasto. Questo va premuto fino al punto di attuazione, che è diverso per ogni tipologia di switch; ogni tastiera ha un unico tipo di switch, al massimo 2; possono essere differenti ad esempio quelli della barra spaziatrice che potrebbero richiedere una maggiore pressione per essere pigiati.

Cosa cambia concretamente tra tastiere meccaniche e quelle a membrana?

Anche se ci sono ottime tastiere a membrana, e le esigenze soggettive sono diverse, le tastiere meccaniche hanno una risposta nell'utilizzo (feedback) molto più precisa, tanto per la velocità di battitura, soprattutto nella scrittura veloce, gli errori sono più bassi rispetto a quelle a membrana.

Altra grande differenza nelle tastiere meccaniche è il responso tattile e uditivo, che dipende in gran parte dagli switch che scegli, oltre che dai keycaps, ovvero il tasto che ha impresso i caratteri, sebbene vi siano anche blank keycaps, ovvero anonimi senza alcun carattere impresso; roba da appassionati.

Quale tastiera è migliore, meccanica o a membrana?

Domandona.In linea di massima la tastiera meccanica è migliore di una a membrana, per diversi motivi, alcuni dei quali scritti sopra. Dipende molto dal tipo di utilizzo che tu fai della tastiera; saltuario, costante, la usi tante ore al giorno, per scrivere, o giocare.

Sebbene ogni buon prodotto viene costruito per durare a lungo, questo è un aspetto tenuto in alta considerazione per le tastiere meccaniche, che sovente hanno una robusta costruzione, e gli switch sono pensati e realizzati per supportare milioni di battute con qualità costante nel tempo.

Come si distingue una tastiera meccanica da una a membrana?

Se sollevi e togli un keycap, un tasto, o più d'uno, nella tastiera meccanica vedrai sotto uno switch per ogni tasto, a differenza di quelle a membrana dove i contatti del tasto sono appoggiati sul circuito stampato.

Non in tutte le tastiere meccaniche risulta così semplice togliere i keycaps con le mani, serve l'apposito estrattore spesso in dotazione quando ne compri una. Un esempio è dato dalla tastiera KBParadise Matias Click Switch, dove i keycaps sono molto ben ancorati agli switch.

Nelle tastiere a membrana non è possibile togliere i keycaps, io almeno non ho mai viste con tale possibilità, è necessario smontarla.

Cosa cambia passando a una tastiera meccanica da una a membrana?

Come sempre, è una questione soggettiva. Personalmente uso la tastiera parecchie ore al giorno esclusivamente per scrivere sul mio sito, e il passaggio dalla tastiera a membrana a quella meccanica per quanto mi riguarda è stato semplicemente notevole, le tastiere meccaniche hanno cambiato il mio approccio di scrittura al PC, in particolar modo le tastiere 60 percent.

Rispetto a quelle a membrana, con le tastiere meccaniche per me è un altro mondo, molto meno stressante di prima, molto più produttivo e divertente.
Anche nelle tastiere meccaniche si apre un mondo a sé, ci sono tanti tipi di switch; tattili, rigidi, rumorosi, lineari, soffici, silenziosi.
Poi altro capitolo i keycaps, che possono contribuire notevolmente al diverso feedback, a prescindere dagli switch usati.
Le maggiori soddisfazioni nell'usare le tastiere meccaniche sono:

1) minor errori durante la battitura, quindi maggior precisione impartita ai tasti e al loro responso;

2) nessun affaticamento in mani, polsi e avambraccio nemmeno dopo parecchie ore di scrittura;

3 precisione di utilizzo e soddisfazione.

Tastiere gaming, domande frequenti
(Photo by RODNAE Productions from Pexels)
Tastiere da gaming

Se vuoi saperne di più sulle tastiere da gaming < ti segnalo l'articolo che ho scritto in proposito, dove sono spiegate le diverse funzioni: anti-ghosting, keyroll over, polling rate, macro, e tutte le altre caratteristiche.

Quali sono le principali differenze degli switch?

Esistono diversi tipi di switch, e altrettanti marchi, alcuni più conosciuti di altri.
Cherry MX sicuramente li avrai sentiti nominare, sono validi, molto usati, e, come per quasi tutti gli switch, si distinguono per colore in base alle caratteristiche, ti segnalo questo paragrafo relativo al colore degli switch.
Brevemente possiamo riassumere così:

• " tattili e uditivi;

• • " tattili silenziosi;

• " lineari silenziosi;

• " lineari con responso marcato, ma silenziosi.

Gli switch Cherry MX sono quelli che hanno fatto molti proseliti, esistono tanti altri marchi con la stessa tipologia di struttura, come Gateron, Zealio, etc.

Gli switch Matias, che mi piacciono molto, sono invece i prosecutori degli storici Alps, e in quanto a responso tattile secondo me non hanno rivali, a meno che si passi alle storiche Buckling Spring, le celeberrime molle deformanti.

Quali sono i migliori keycaps?

Quelli di buona qualità. Non è una risposta scontata anche lo può sembrare; teoricamente, i keycaps in PBT sono migliori quando di qualità medio'alta, tuttavia, ci sono anche ottimi keycaps in ABS.
Sulle tastiere meccaniche in cui la qualità, e il prezzo, sono alti, solitamente vengono usati quelli in PBT.
Indicativamente, il responso dei keycaps i PBT è più tattile di quelli in ABS, indipendentemente dagli switch impiegati.

Le tastiere meccaniche sono compatibili con ogni sistema operativo?

Pressoché sì, se così non fosse il sistema operativo sarebbe parecchio obsoleto. Funzionano tranquillamente sia su Windows che Apple, anche quando sono specificamente pensate per l'uno o l'altro OS, le uniche cose che cambiano sono le differenze nei tasti legati al sistema operativo in uso.

Quale tastiera meccanica scegliere?

Non hai che l'imbarazzo della scelta. Se ami il feedback tattile e uditivo, che in qualche modo ricorda quello della macchina per scrivere, puoi orientarti su switch tattili, come Matias Click, o Cherry MX Blue, o Buckling Spring.
Se invece preferisci un feedback soffice al tatto e silenzioso, puoi scegliere Matias Quiet, Cherry MX Red (o equivalenti per tipo di struttura ma Gateron, Zealio, etc.)

Tipi di tastiere meccaniche, domande frequenti
(Photo by Shri . on Unsplash)

Se hai l'abitudine di usare le tastiere full sizee hai la consuetudine di usare molto i tasti funzione posti sulla destra dei caratteri, e il tastierino numerico, la soluzione standard è quella più appropriata.
Personalmente preferisco le tastiere compatte, 60 percent, in quanto ho tutti i tasti presenti letteralmente sotto le dita, senza dover spostare la mano verso destra dove nelle tastiere standard sono presenti i tasti funzione e il tastierino numerico.

Oppure, ci sono anche le tastiere meccaniche tenkeyless, prive del solo tastierino numerico.
Su Deskthority Wiki puoi trovare tante informazioni sulle tastiere meccaniche, e trovare anche le risposte alle domande frequenti che ti fai quando cerchi di acquisire maggiori informazioni riguardo una specifica tastiera, o uno specifico switch, o determinati keycaps.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho conosciuto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.
Invecchiando, ho scoperto che mi piace portare il cappello.