Il Doge – Sigaro Nostrano del Brenta: il mio ritorno alle origini

Il Doge: Antico Sigaro Nostrano del Brenta 1763: il sigaro che per me rappresenta molto
Il Doge (foto da SlowWorld on YouTube)

Il Doge è stato il mio primo sigaro di alta qualità che ho provato: pochi giorni fa ne ho fumato uno dopo diversi mesi di tabacco Kentucky.


Il Doge: Incipit

E mi ha piacevolmente sorpreso e appagato, come sempre, si tratta davvero di sigari di alta qualità quelli del Nostrano del Brenta.

Il mio ritorno alle origini, perch´ ho iniziato a fumare il sigaro proprio con i Nostrano del Brenta, quelli del Consorzio tabacchicoltori Monte Grappa.

Ho iniziato con il Casanova, ma al Doge sono particolarmente affezionato: il primo bitroncoconico è stato proprio questo, ed è anch'esso un sigaro di ottima qualità, prerogativa degli NdB.

Il primo sigaro, nella fattispecie il primo bitroncononico che ho fumata alla maremmana; da poco avevo iniziato a fumare il sigaro, e come logico per me ci andavo con i piedi di piombo, senza esagerare; se l'età serve a qualcosa, porta un po' di esperienza.

E quando ho iniziato il mio viaggio emotivo nel mondo dei sigari, davvero volevo che fosse un valore aggiunto, un momento piacevole in più da dedicare a me stesso, per gustare, meditare, e fare puff.

Il Doge Nostrano del Brenta, rimane ad oggi uno dei miei sigari preferiti, una fumata che non delude mai; al contrario, mi sorprende sempre piacevolmente ogni volta che lo fumo, anche dopo lunghi intervalli di tempo.

Il sigaro

La Compagnia Antico Sigaro Nostrano del Brenta 1763 ha iniziato, se non erro, ad affacciarsi sul mercato nel 2012, anche se la sua storia della affonda le sue radici nei secoli.

Il Doge è stato il primo sigaro prodotto e messo sul mercato dalla prestigiosa manifattura di Bassano del Grappa (guarda la sua pagina facebook), dunque, anche la stessa azienda è particolarmente legata a questo sigaro, per tutta una serie di motivi importanti.

La confezione in cartone che contiene 3 sigari, la trovo particolarmente elegante, ciascuno avvolto nel suo involucro protettivo.

A crudo

Il Doge è un bel sigaro bitronconico, piuttosto panciuto nella parte centrale, e di un discreto diametro anche alle estremità.

Corretta consistenza del ripieno, lieve al tatto, morbida la fascia; blend di tabacchi Nostrano del Brenta di ottima qualità, e di differenti stagionature, il cui invecchiamento è di almeno 3 anni.

Fascia, sottofascia, e ripieno NdB: un “puros” italiano.

Il colore è marrone chiaro, ed a crudo emana sentori erbacei di erbe aromatiche, mielosi, di frutta secca, si avverte anche il fieno.

Dando qualche puff a crudo, al palato si rafforzano le sensazioni percepite dall'olfatto; ed è un piacere.

La fumata

L'accensione è facile, la morbidezza del tabacco ha anche questa caratteristica, fin dalle prime boccate si sente il dolce, e quanto percepito a crudo, un'evoluzione che parte piano e aumenta nel crescendo, oltre la metà della fumata si percepiscono anche sentori balsamici di erbe officinali.

La forza non va mai oltre il 3, e la soddisfazione di fumata è particolarmente gradevole.
La cenere ha un bel colore grigio chiaro, morbida.

Una fumata di gran classe, con un tabacco di alta qualità.

Valutazione

Un ottimo sigaro, capostipite del Consorzio, mai una sbavatura produttiva da me riscontrata in tutti gli esemplari che ho comprato.

4,00 € a sigaro, 12,00 € la confezione da tre.
Un sigaro che non smette mai di sorprendermi e apprezzo sempre in modo particolare.
Tanto di cappello al Consorzio Tabacchicoltori Monte Grappa.

Il mio voto: 4,43 su 5