Menu

af1.it

Uno che scrive

 

Uscire a camminare anche con la nebbia … ooh yeah …

4 minuti
aggiornato il
Uscire a camminare anche con la nebbia … ooh yeah … uomo che cammina in una intensa coltre di nebbia

Camminare nella nebbia

Se hai l'obiettivo di uscire a correre o camminare tutti i giorni non prendere scuse: esci anche quando c'è la nebbia …
Se hai la fortuna di abitare dove esiste ancora la nebbia, non lasciare che ti fermi per uscire di casa quando fai la tua sana passeggiata quotidiana; anche la nebbia ha il suo perché.

La nebbia e il suo fascino: esci comunque a camminare

Non ci sono più le stagioni di una volta.
Sì, lo già sentita; ma nemmeno la nebbia è più quella di una volta.
Ricordo che dalle mie parti quando ero più giovane di adesso (…) ogni inverno, tanto era fitta che la potevi tagliare con il coltello; è la traduzione di un un modo di dire dialettale.

C'era da stare molto attenti nel circolare con qualsiasi mezzo*, perché non si vedeva oltre pochissimi metri, in bici, in moto, in macchina.
Col parabrezza in moto testa fuori dal parabrezza o naso attaccato per vedere meglio, in auto non era raro abbassare il finestrino e sbirciare fuori, oppure naso quasi incollato al vetro che non era mai troppo pulito nonostante i tergicristalli.

L'(in)evoluzione climatica del globo ha fatto quasi scomparire la nebbia nella mia zona, ma aveva il suo perché:

1) ti obbligava ad andare lentamente con i mezzi;

2) vivevi in un'altra dimensione;

3) quel forte odore di umidità fresca, recente, presente, un po' come il napalm al mattino per il Colonnello Kilgore (Apocalypse now – Francis Ford Coppola – 1979), e come non ricordare Impressioni di settembre della PFM (1971): respiro … la nebbia … penso a te …

Ha un suo fascino anche la nebbia, sarebbe superfluo e banale non apprezzarlo.
Il sole (che adoro) non sarebbe così bello se non ci fosse anche Lei: sua Maestà la Nebbia.

Pochi giorni fa sono uscito a camminare in mezzo ai campi di mattina presto: c'era anche Lei. Figata.

Chi va a camminare di mattina presto nei campi quando c'è la nebbia ?!
Io sì e non mi è dispiaciuto non incontrare nessuno per un bel po'.
Gli esseri umani li ho incontrati dopo, quando il sole iniziava a scaldare questa parte del globo, anche dopo e nonostante la nebbia.
Ri-figata.

Copriti bene ed esci lo stesso: anche con la nebbia !!!

Quando ti piace uscire a camminare, a correre, tutti i giorni o quasi, se ti ripari per bene puoi farlo anche quando piove, o c'è la nebbia, e fa freddo.
Perché mai si dovrebbe rinunciare ad uscire, per fare una bella, sana passeggiata per il tempo che cambia ?!

È una cosa normale, di stagione in stagione, di passo in passo, di corsa in corsa.
Abbigliamento adeguato, sufficientemente pesante ma in grado di farti muovere bene, senza impedimento alcuno.
Copriti la gola (con la fascia copricapo su fino al naso per non respirare aria gelida), usa una cuffia copricapo che ti ripari anche la fronte e le orecchie.

La cosa bella è che in breve ti scaldi, muovendoti e correndo, ma non prendere freddo, nemmeno alle mani; guanti, comodi e tattili, sempre.
Sei in sempre in tempo a togliere copricapo e guanti quando la temperatura cambia e diventa più calda, ma se il freddo dovesse continuare, sei a posto, non ti fai trovare impreparato e non ti devi preoccupare di null'altro che goderti la tua camminata.

Quando ti copri bene non senti freddo, nemmeno se questo punge, forse un po' agli occhi ma puoi metterti un semplice paio di occhiali da running, quelli che hanno le visiere colorate, anche trasparenti, intercambiabili.
Se invece porti gli occhiali da vista (anche con lenti fotocromatiche) per una volta almeno nella vita sarai contento di averli, riparano dall'aria in modo notevole; quando il freddo picchia, picchia davvero.

Indossa un abbigliamento sufficientemente impermeabile

È piuttosto facile trovare indumenti sufficientemente impermeabili per proteggersi, non solo dall'acqua, bensì anche dalla nebbia, la forte umidità bagna i vestiti.

Senza mai eccedere, perché la traspirazione è molto importante soprattutto quando si produce uno sforzo fisico piuttosto prolungato.

Un giubbotto (anche smanicato, che preferisco), o giaccone sufficientemente impermeabile, va più che bene.
Si trovano in materiali sintetici, molto leggeri nel peso ma molto confortevoli nel riparare dal freddo, traspiranti (lo smanicato inevitabilmente in questo aiuta molto) e l'acqua, o l'intensa umidità della nebbia, praticamente scivola via.

Quando esci a camminare o fare jogging sicuramente hai gli indumenti appositi, quando torni ti lavi e ti cambi, idem per i vestiti.
Esistono in commercio copripantaloni impermeabili, semplici, economici (praticamente un paio di pantaloni impermeabili da indossare sopra gli altri) e in caso di umidità intensa, o pioggia, possono tornare molto utili.

Continua a camminare, non ti fermare …

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi