Menu

af1.it

Scrivo sul mio blog

 

Macinacaffè: se ami il caffè in grani è indispensabile

6 minuti
aggiornato il
Macinacaffè manuale in legno, ceramica e metallo per caffè fresco macinato al momento

Macinacaffè

Macinacaffè: se ami il caffè in grani non puoi farne a meno. Macinacaffè elettrico o manuale (hand-grinders) ?!
Per quanto possano sembrare solamente vecchi oggetti usati come soprammobili, i vecchi macinacaffè manuali conservati in ottime condizioni sono ancora pratici e utili per chi ama preparare il caffè macinato al momento.

Il fascino indiscusso e la sua praticità

Non sono affatto oggetti obsoleti a tal punto che se ne costruiscono di nuovi, anche stilizzati secondo il design contemporaneo, tuttavia ricreati per sostituire quei vecchi hand-grinders che sfortunatamente non funzionano più, vuoi per il meccanismo inceppato, deterioramento dell'oggetto, etc.

Non solo design contemporaneo, bensì anche modelli nuovi realizzati con lo stile degli anni passati, in legno con parti metalliche per manovella, lame, manopola cassetto, oppure interamente in metallo.

Se ne trovano anche completamente in acciaio inox, oppure in materiali plastici, sia elettrici che manuali.

C'è chi ama macinare il caffè al momento, esattamente prima di inserirlo nella caffettiera, e ne macina solo la quantità che serve; 8 grammi a persona per un buon caffè espresso ben equilibrato per aroma e intensità.

Macinacaffè manuale o elettrico ?!
Se decido di acquistarne uno punterei sul manuale, mi dà l'idea di godermi il caffè in modo completo perché ne andrei a macinare solo quello che va bevuto in base alle persone presenti.
Ma questa è solo la mia idea.

Questo però probabilmente rappresenta un vantaggio del macinino manuale rispetto a quello elettrico, rispetto a macinacaffè elettrici con grandi contenitori.

Macinacaffè manuale

E non è un vantaggio da poco per un sano e corretto utilizzo casalingo del caffè.
Macinare solo quello che serve per essere bevuto al momento.

● I chicchi comunque si conservano meglio del macinato, sempre ovviamente nelle ideali condizioni di conservazione del caffè.

Il macinino manuale penso debba essere ancora più robusto e stabile rispetto ad uno elettrico, che comunque non può essere troppo poco solido.

Quello manuale deve avere un discreto peso di suo per risultare fermo e solido soprattutto ovviamente durante l'utilizzo.

Legno ?! Mi ispira.
Robusto acciaio temperato per le parti metalliche come lame interne e manovella.

Altrettanto robusta la base di appoggio, anche se durante il suo utilizzo una mano tiene ben fermo il macinino appoggiato al tavolo e l'altra aziona la manovella per macinare il caffè.

Non è una di quelle cose da fare di fretta, la velocità di rotazione delle lame deve sicuramente risultare energica e adeguata ma non si fa a gara con nessuno per arrivare prima.

Non riuscirei onestamente a pensare a materiali diversi da legno e acciaio (ottone, rame) per un macinino manuale.

Il legno non è così facile da pulire come l'acciaio inox; questo può essere un vantaggio del macinino elettrico rispetto a quello manuale.

Tuttavia sempre e solo il caffè andrà a sporcare il legno, quindi è sufficiente munirsi di un semplice pennello e pulire ogni tanto il cassetto che raccoglie il caffè macinato e l'alloggiamento interno dove presenti le lame.

Il fatto di mantenere sempre l'aroma del caffè non può che arricchire il legno, a differenza dell'acciaio inox che quando completamente pulito riparte sempre da 0.

● L'aspetto igienico è sicuramente importante ma non è un problema applicare una corretta igiene nemmeno nel macinino manuale che oltre al fascino di un gusto antico vive con il legno.

Il grado di macinatura è certamente un punto importante.
Ci sono macinini manuali che hanno 2 livelli di regolazione, uno particolarmente fine e l'altro fine.
In parole povere sono tarati per dare la corretta granulometria al caffè macinato, senza provare e perdersi inevitabilmente in inutili arrovellamenti cerebrali provando e riprovando decine di granulometrie differenti tentando di raggiungere il gusto perfetto che ancora non è stato inventato semplicemente perché non esiste.

A cosa servono decine di opzioni se poi ne usi sempre e solo 1 o massimo 2 ?!
Alla risposta ci arrivi da te, a nulla.
Ottimizzare, in un acquisto, significa proprio questo, investire il capitale economico per avere il miglior utilizzo possibile dall'acquisto effettuato.

Il contenitore (tramoggia) sarà all'incirca di 100 gr.

Macinacaffè elettrico

Un macinino elettrico con un piccolo contenitore (esempio 40 grammi) può essere l'ideale per macinare il caffè nell'immediato per essere bevuto da 5 persone circa.

C'è anche chi preferisce acquistare il caffè in grani e poi macinarne discrete quantità e conservato in contenitore ermetico di modo che duri qualche giorno, quindi il contenitore sarà in grado di contenere anche oltre 300 grammi.

In questo caso l'efficienza del prodotto dev'essere buona, anzi ottima, non si deve verificare un eventuale surriscaldamento del caffè, e avere a disposizione 20 gradi di macinatura mi chiedo onestamente a cosa serva.

2 o massimo 3 sono già più che sufficienti, averne tanti e poi non utilizzarli non vedo a cosa possa servire, almeno nell'utilizzo domestico del macinino.

Materiale: acciaio inox, senza compromessi, indicativamente 100 – 150 Watt di potenza.
La cosa importante è che la macinatura sia veloce e meno traumatica possibile per il caffè (eccessivo surriscaldamento).

Come sempre, occhio alla garanzia.

Granulometria ideale del caffè macinato

La tramoggia conica garantisce buoni risultati.
La macinatura deve indicativamente essere:

● piuttosto fine per il caffè espresso.

Se il caffè viene erogato con una certa velocità e la schiuma risulta troppo chiara, la macinatura non è sufficientemente fine, ma piuttosto grossa.

  • In condizioni ideali 8 grammi di caffè vengono erogati in circa 25 secondi per produrre 30 ml di bevanda.

Se la schiuma invece è troppo scura la granulometria dei chicchi macinati è troppo fine e l'erogazione troppo lenta.
Un buon caffè espresso mantiene una corretta cremosità e un intenso e gradevole aroma.

● Granulometria media per quello con la caffettiera (moka).

Di modo che l'acqua possa passare senza difficoltà attraverso il caffè, processo che dura circa 60 secondi per produrre 45 ml circa per una tazzina di caffè sempre partendo dagli 8 grammi (+ o ) di macinato.

● Medio/grossa per quello americano (caffè filtro).

Nord America, Nord Europa e Asia prediligono questo tipo di caffè, 40 grammi circa di macinato per litro di acqua.

La macinatura per ogni specifico tipo di caffè, e la pressatura, devono risultare adeguate, mai esagerare con troppo o troppo poco.

Gusti a parte, quando assaggi il caffè non puoi non accorgerti se qualcosa non va.
Quindi quando hai trovato il giusto grado di macinatura, e meno regolazioni ci sono meglio è perché si devono per forza avvicinare a quello ideale, lo mantieni e goditi un buon caffè.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi