Menu

af1.it

Uno che scrive

Tastiera per pc: perché avere una tastiera meccanica ?

7 minuti
aggiornato il
Immagine vettoriale di una mitica tastiera meccanica Commodore: la tastiera meccanica offre feedback tattile e uditivo particolarmente interessanti

Tastiera meccanica

Scrivere è un piacere, e lo sono anche gli strumenti per scrivere, la matita, la penna stilografica, la macchina per scrivere e la tastiera meccanica.
Le tastiere meccaniche possono essere validi strumenti per chi scrive molto, sia articoli che codice di programmazione, e chi scrive molto è perché ama scrivere, e con la tastiera meccanica è molto piacevole.

Caratteristiche principali della tastiera meccanica

Il piacere di scrivere passa anche da qui, dagli strumenti utilizzati, dalla sensibilità della matita con la punta ben affilata che scorre sul foglio, la penna stilografica che sfiora appena la carta, il rumore deciso e meccanico della forza dei tasti della macchina per scrivere, e anche dal suono piacevole dei tasti digitati sulla tastiera del pc.

Le tastiere meccaniche per pc sono strumenti molto validi, e hanno una storia che può risultare molto interessante, soprattutto per chi è appassionato di informatica e di hardware in generale, nella fattispecie di periferiche, e quasi inevitabilmente anche di scrittura.
Le tastiere meccaniche infatti possono migliorare notevolmente il rendimento, la precisione della scrittura, nonché il piacere di scrivere premendo i tasti.

Contenuto non disponibile
Per visualizzare correttamente af1.it sono necessari i cookies.
Puoi dare il consenso anche cliccando qui e aggiornando la pagina se non si aggiorna automaticamente.

La sensazione tattile che infatti si può avere con la tastiera meccanica, risulta sicuramente più precisa, coinvolgente, piacevole, durante la scrittura.
Questo perché, a differenza delle tastiere a membrana dove tutti i tasti sono praticamente appoggiati su di un unico supporto, nelle tastiere meccaniche i tasti sono indipendenti ed ogni tasto ha il suo supporto, lo switch, che può arrivare a livelli di qualità e di prestazioni parecchio elevate, e vedere la progettazione e realizzazione di uno switch è davvero interessante, con molla di precisione sotto ogni tasto.

Il fatto che poi le tastiere meccaniche siano (non è una regola, anzi, i puristi le preferiscono senza) anche retroilluminate, le esalta ancora di più agli occhi di chi le utilizza.

Feeling touch, switch type, sensitive response, acoustic & auditive feedback.

Tipologie di switch della tastiera meccanica

Le diverse tipologie di switch della tastiera meccanica, sono sicuramente uno degli aspetti in assoluto più interessanti, perché proprio dagli switch dipende il meglio della tastiera meccanica.

Tra i più conosciuti ci sono quelli realizzati dalla Cherry (MX Technology), ci sono poi altri switch di altri marchi, in questo caso cloni dei Cherry in quanto realizzati con lo stesso disegno, come Kailh, Outemu, Gateron, Greetech, poi Razer, e altri switch differenti invece per progettazione come Matias, che praticamente ha sostituito gli Alps (alias Fuhua, Fukka, come riferimento alla Forward Electronics), Topre (usati dalle Happy Hacking keyboards e da alcune tastiere Leopold), e gli switch si dividono in differenti colori in base alla tipologia, prevalentemente per quelli realizzati in stile Cherry MX, in altri casi invece dei colori per distinguere le diverse tipologie di switch vengono utilizzate sigle differenti (es. click, quiet click, linear), senza dimenticare le mitiche buckling springs delle vecchie tastiere IBM in dotazione alle tastiere meccaniche Unicomp.

Ogni produttore realizza prodotti specifici che corrispondono alle precise linee di progettazione, sta poi a chi acquista una specifica tastiera meccanica scegliere la tipologia di tasti che meglio si integra con le soggettive esigenze.
Ogni produttore inoltre ha le sue specifiche, ed ogni prodotto ha le sue differenze, sebbene sostanzialmente si parla di switch.

Gli switch, in base alle differenti colorazioni si distinguono in diverse caratteristiche, che fanno praticamente capo a:

1) pressione necessaria per il funzionamento del tasto (attuazione), espressa in CN;

2) profondità di corsa del tasto, espressa in mm (es: 2 mm);

3) responso tattile, in base al quale può migliorare o peggiorare, anche notevolmente, l'utilizzo della tastiera, che sia per scrittura, gaming, etc.

4) responso uditivo; ebbene sì, per chi ama sentire il suono dei tasti premuti sulla tastiera, non quello di software che lo riproducono.
In alcuni casi, come ad esempio nel gaming professionale, sentire il rumore del tasto premuto potrebbe anche fare la differenza nella competizione.
Senza dimenticare che comunque è anche una questione di gusto, personalmente mi piace sentire il rumore dei tasti premuti, con un deciso clic.

Blue switch sono probabilmente quelli maggiormente utilizzati, in quanto forniscono buone risposte di ritorno (feedback), positive sia dal punto di vista tattile che uditivo.
Il clic sonoro ben distinguibile alla pressione dei tasti è, e risulta essere, una delle caratteristiche più importanti in questa tipologia di switch.

Chi ama scrivere molto con la tastiera, anche chi lo fa piuttosto velocemente, predilige questa precisa tipologia di switch, molto precisi e che hanno una risposta tattile particolarmente apprezzabile.
Sul sito della Cherry, allo switch blue viene attribuita una forza necessaria di 60 cN (50 cN per l'attuazione quindi circa 51 grammi) e 2,2 mm di corsa per il punto di attivazione del tasto (distance to actuation point).

Brown switch, tattili, più silenziosi dei Blue, hanno maggiore resistenza nel punto intermedio quando il tasto viene premuto, serve una pressione leggermente inferiore rispetto ai Blue.

Red switch, hanno la caratteristica principale di essere lineari quando il tasto viene premuto, la pressione necessaria è di poco inferiore ai Brown.

Black switch, molto simili ai Red, serve però maggiore pressione.

Queste sono solo alcune delle tipologie di switch, ce ne sono diverse varianti (gray, clear, etc,), anche se ci si può rendere l'idea conoscendo anche un paio di switch diversi, e poi trarre le dovute conseguenze nella scelta.

Il fatto che gli switch, di marchio diverso, abbiano lo stesso colore, non significa comunque che siano tutti identici, ogni prodotto ha caratteristiche univoche, sebbene similari, e ci sono diversi confronti in merito da parte degli appassionati.

Quale tastiera meccanica scegliere

feeling touch, switch type, sensitive response, acoustic & auditive feedback … ovvero il piacere di scrivere con la tastiera meccanica ascoltando anche il rumore dei tasti, oltre che naturalmente trovare la giusta risposta in termini di resa: precisione, velocità di scrittura, feeling.

La tastiera meccanica, più ancora di quella a membrana, è qualcosa che deve risultare molto personalizzata, particolarmente tattile, estremamente comoda da utilizzare.

● Vale sempre la pena dare un'occhiata alla tipologia di tasti, che ovviamente non sono tutti uguali, e mi riferisco alla forma del tasto; piatto sulla superficie, o leggermente concavo.

● Poi, sotto il tasto, lo switch, l'interruttore vero e proprio sotto l'involucro, cioè quello che si preme sulla tastiera.

● Altro aspetto interessante è il materiale dei tasti, l'ABS, largamente utilizzato, sufficientemente resistente ed economico, poi il PBT molto resistente, non solo per robustezza del materiale, bensì anche al calore ed a prodotti usati per pulire le tastiere, in versioni di tastiere particolarmente ricercate possono essere disponibili tasti in metallo, dipende molto anche dai gusti e dalle soggettive esigenze in termini di sollecitazione dei tasti.

Se risulta importante il materiale dei tasti, lo è anche il metodo di stampa utilizzato per i caratteri sopra i tasti, esistono diverse tipologie, quello più economico è il pad printing, utilizzato nelle tastiere più economiche, dove praticamente viene applicata un'etichetta sopra il tasto, e successivamente una pellicola protettiva non dovrebbe mancare per proteggere meglio l'etichetta sottostante dall'usura, facendo diventare quasi illeggibili i caratteri.

Il laser engraving è un altro metodo largamente utilizzato, si trova spesso su tastiere meccaniche di livello medio.

Il double shot injection molding è spesso utilizzato per le tastiere di fascia medio/alta, metodo più sofisticato dove la scritta del carattere ed il tasto vengono fusi insieme, questa tecnica di stampa è molto resistente all'usura.

● Quindi, tasti in abs e con laser engraving come metodo di stampa dei caratteri, rappresentano già un buon compromesso per qualità/prezzo, nella fascia medio/alta però sono spesso presenti tasti con il metodo di stampa double shot injection molding.

● Le tastiere meccaniche possono essere sottoposte anche a sollecitazioni piuttosto pesanti, come nel gaming professionale ad esempio, quindi in questo caso si cercano i materiali più robusti e resistenti, sebbene anche nelle tastiere meccaniche di fascia medio/alta si trovano anche prodotti con base metallica, in alluminio, o in acciaio.

La solidità della base della tastiera meccanica risulta sicuramente importante, per evitare inopportuni spostamenti della tastiera, specialmente quando la digitazione è veloce e la pressione necessaria sui tasti deve essere ben assorbita dalla struttura.

Dove acquistare le tastiere meccaniche

Una buona, od ottima, o anche superlativa tastiera meccanica la si può comprare: sicuramente online dove, perlomeno in Italia, si ha una maggiore scelta disponibile, non sono poi così tanti i negozi specializzati dove vedere, toccare con mano, o provare una tastiera meccanica.
Non ultimo, ai giorni nostri, acquistare online da venditori seri ed affidabili, include la garanzia del prodotto e la sostituzione di questo in caso fosse necessario.

Contenuto non disponibile
Per visualizzare correttamente af1.it sono necessari i cookies.
Puoi dare il consenso anche cliccando qui e aggiornando la pagina se non si aggiorna automaticamente.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari, per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa. Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi