Menu

af1.it

Uno che scrive

Spugna effetto spazzola per pulirsi la pelle

5 minuti
aggiornato il
Fibre di Luffa aegyptiaca e cotone della spugna in fotografia piuttosto ravvicinata, rendono bene l'idea di quanto possano essere ruvide se usate con una certa energia, e soffici ma decise se utilizzate con una leggera pressione

Fibre di Luffa aegyptiaca e cotone della spugna

Quando faccio la doccia o il bagno l'idea di darmi una bella, sana e vigorosa spazzolata mi è sempre piaciuta molto.
Una spazzola semplice, anche morbida ma sufficientemente ruvida, come quella ottenuta dalla Luffa aegyptiaca, utilizzandone la fibra vegetale unita a cotone per crearne la spugna, che ha una superficie morbida ma con la giusta ruvidità che permette di avere un ottimo effetto spazzola.

L'interessante effetto spazzola della spugna in luffa e cotone

è anche un simpatico e vecchio modo di dire, darsi una spazzolata, darsi una ripulita, come una strigliata per i cavalli.
Il movimento energico di una spugna con effetto spazzola, risulta fondamentale e sano per rimuovere correttamente le cellule epiteliali, la classica pelle morta che se ne va ogni volta che ci si lava e ci si strofina quando ci si deterge.

La spugna di questo tipo, che ha un semplice cinturino nella parte posteriore dove praticamente si infila la mano, sotto il palmo rimane la spugna da utilizzare, e sopra il dorso della mano il cinturino che la regge.
Strofinando la pelle va a svolgere una semplice ma efficace azione meccanica, esfoliante se vogliamo, oggi si dice così, una volta ci si lavava con una vigorosa e sana spazzolata, e punto.

Ma l'effetto è sempre stato questo, giustamente, un sano ricambio di cellule del tessuto, la pelle, che avviene quotidianamente.
Questa spugna può essere utilizzata con successo anche laddove si vengono a creare zone di ispessimento di pelle localizzate, dove praticamente il tessuto diventa più spesso del dovuto, ed assume un colore bruno, qualcosa che si verifica anche con l'invecchiamento.

Ovviamente è sempre doveroso rivolgersi al medico per fugare ogni dubbio; io ad esempio pensavo di avere un neo piuttosto visibile sulla schiena, così sono andato dal medico per farlo visionare, fortunatamente si trattava solamente di una piccola zona in cui le cellule vecchie avevano ispessito la pelle, in una zona della schiena magari di meno facile arrivo con le mani, ho iniziato ad utilizzare questa spugna strofinando energicamente per qualche giorno, e la pelle è tornata a posto come prima.

Come usare la spugna leggermente abrasiva per un'azione meccanica esfoliante della pelle

1) Non esagerare mai.
Personalmente, da quando ho iniziato ad utilizzarla, la uso tutti i giorni, solo nei primi tempi, e un po' alla volta, insistevo, senza eccedere, sul punto in cui era presente quella pelle ispessita che avevo scambiato per un neo, ed in poco più di 6-7 giorni la macchia era scomparsa completamente grazie alla leggera abrasione quotidiana, con la spugna insaponata, mentre facevo la doccia.

Da quanto la utilizzo, una passata tutti i giorni quando mi lavo, aiuta a mantenere la pelle maggiormente pulita, libera dalle cellule di pelle morta che quotidianamente si perdono anche se non ce ne accorgiamo.

Le cellule delle pelle infatti, via via che maturano, si spostano verso la superficie, perdono il loro nucleo ed acquisiscono cheratina, e quando raggiungono la superficie muoiono per essere sostituite da quelle nuove.
Vengono solitamente spazzate via dalla semplice azione meccanica del lavaggio, tuttavia in alcuni punti magari più difficili da raggiungere, come ad esempio in alcuni punti della schiena, potrebbero depositarsi, ispessire la pelle, e formare delle piccole zone in cui la pelle ispessita assume colore più scuro e diventa più secca.

Anche usare una spugna di questo tipo quotidianamente può contribuire a mantenere la pelle pulita, andando a favorire il naturale ricambio di cellule della pelle.

Una semplice passata con la spugna ben insaponata può essere salutare e sufficiente, serve insistere di più solo dove e quando necessita, e basta, per il resto una sana passata con la spugna sulla pelle insaponata aiuta in modo considerevole l'azione meccanica di esfoliazione, conviene ricordarlo.

Altro aspetto che vale la pena di ricordare, è l'igiene della spugna: dopo ogni utilizzo è bene lavarla sotto acqua corrente, e poi sbattere energicamente con la mano la spugna sul lavandino, in modo da farle perdere la maggior parte di acqua presente, poi semplicemente lasciarla appesa ad asciugare, meglio se in un posto ventilato.
Le prime volte, nel tentativo di asciugarla di più e più velocemente, la strizzavo, tuttavia così facendo ho rovinato e rotto le fibre in breve tempo.

Le caratteristiche importanti della spugna in luffa e cotone

Tra le caratteristiche importanti della spugna realizzata con fibra di Luffa aegyptiaca e cotone, rientra senza ombra di dubbio quella dell'effetto spazzola che ancora vale la pena di ricordare, del resto è il suo grande punto di forza: ricordi il film di e con Carlo Verdone, Bianco, rosso e Verdone, quando il grande Mario Brega (er principe) mostrando la mano con il pugno chiuso a Mimmo gli disse: a giovanò, 'sta mano po' esse fero e po' esse piuma, oggi è stata 'na piuma …

Non c'è descrizione migliore, o almeno quasi per quanto riguarda questa spugna, che sa essere particolarmente ruvida quando si rende necessario sfregare energicamente zone in cui le cellule di pelle che dovevano essere rimosse hanno formato parti secche e spesse da esfoliare, e sa essere piuma quando la usi per la normale, e leggera, detersione quotidiana, che proprio grazie a questa caratteristica ruvida delle fibre, riesce a prevenire il formarsi di eventuali zone di cellule ispessite e secche.

Per un buon utilizzo preventivo, occorre arrivare anche nei punti che possono essere di maggiore difficoltà, come ad esempio sulla schiena nella zona sotto le scapole e sopra la zona lombare.

Con un po' di pazienza risulta possibile, e molto piacevole quando si fa la doccia, o chi preferisce il bagno, raggiungere con la giusta sensibilità e maggiore forza quando serve, mantiene la pelle pulita dalle cellule che quotidianamente vengono rinnovate.

Good brushed & stay in touch.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!