Menu

af1.it

Uno che scrive

Rasoio trilama vs. bilama

7 minuti
aggiornato il
Immagine vettoriale di rasoio con testina usa e getta: meglio bilama o trilama ?

Rasoio con testina usa e getta

Rasoio trilama vs. bilama: con il trilama la rasatura risulta migliore, più facile, precisa e veloce ? Non necessariamente …
Penso che mi fermerò al trilama e non andrò oltre… ho sempre usato il bilama, ebbene sì, e lo uso ancora. Poi, un giorno mi sono detto: perché non provare il trilama ed entrare così nel futuro ?!!!

Confronto tra testina usa e getta bilama e trilama per rasoio

Con il rasoio bilama mi sono sempre trovato bene, ma dopo qualche utilizzo devo ammettere che il trilama va anche meglio.
La rasatura è più veloce perché con una passata sola prepara bene la pelle al contropelo, praticamente la prima passata rade molto bene, di conseguenza la finitura è ancor più semplice.

Viso bagnato con acqua tiepida, o pelle preparata con panno caldo e umido, schiuma da barba lasciata agire per qualche minuto, prima passata col rasoio: buona sensazione. Pelo e contropelo. A posto.

Sì, il trilama non l'avevo mai provato fino a qualche mese fa, una certa pigrizia e comunque buoni risultati mi avevano fatto fermare al bilama, tuttavia 3 lame sono meglio di 2 per quanto mi riguarda, la rasatura risulta migliore, più precisa, veloce, facile.

Come se non bastasse ho utilizzato il rasoio (Sensor 3 Sensitive usa e getta) già 3 volte e ancora risulta come fosse quasi nuovo. Mi sono spinto fino ai 6 utilizzi per provare la durata della lametta, l'ultima rasatura però ha iniziato a perdere colpi; dalla 4a a dire il vero qualche imperfezione si è rilevata.

Non sono mai solito andare oltre il terzo o quarto utilizzo, ma ho voluto verificare la durata, in quanto se il lavoro di rasatura è distribuito su 3 lame invece che 2, la lametta dovrebbe durare un po' di più.

Rispetto al bilama la prima passata è più morbida, ed il lavoro nel contropelo si riduce parecchio, lasciando la pelle liscia e ben rasata. È la prima passata che mi ha piacevolmente sorpreso, che con tre lame esegue gran parte della rasatura.

Con il Gillette Sensor 3 Sensitive mi trovo bene, particolarmente comodo l'inserto in gomma morbida rigorosamente antiscivolo presente sull'impugnatura;

● La preparazione della pelle con la schiuma da barba è sempre fondamentale, come altrettanto fondamentale è che questa abbia il tempo di agire; 3 – 4 minuti. Non meno.

● Prima ancora della stesura della schiuma con pennello da barba, preparare la pelle o con acqua tiepida, o se possibile con un panno caldo e umido, se scaldato con il vapore è l'ideale.

Diverse volte mi è capitato di andare di fretta nel radermi, ma non mi piace.

…che poi mi chiedo perché radersi debba essere considerata tra quelle cose che devono essere fatte di fretta, quando si ha poco tempo; ho imparato che se non ho tempo, rimando la rasatura, che deve sempre essere un piacere, non una cosa che va fatta di fretta.

Se si stende la schiuma da barba e poco tempo dopo, 1 minuto forse ma certo meno di 2, la rasatura non paga; il tempo di azione della schiuma che deve preparare la pelle alla rasatura è essenziale, e come e non bastasse poi la rasatura, se la schiuma ha tempo di agire, manco a dirlo, è anche più veloce, perché le passate delle lame rendono meglio.

Il trilama ovviamente è comunque e sempre un rasoio usa e getta, come tutte le lamette del resto; tuttavia con lamette di qualità superiore sarei davvero curioso di provare la rasatura con un vecchio (ma mai obsoleto) e semplice rasoio monolama (molto spesso sono contemporaneamente pezzi da collezione certi rasoi datati), e confrontare la rasatura del vecchio stile rispetto al nuovo.

● Le lamette da barba sono realizzate in acciaio inox per conferire un'ottimale affilatura, essendo però così sottili il filo della lama non può durare a lungo; sono 2 caratteristiche che dipendono l'una dall'altra per la buona riuscita della rasatura, ovvero: lame sottili e affilate.

Per questo le lamette da barba non durano molto, quando sono state eseguite al massimo 4 rasature (indicative) la vita della lametta termina lì o quasi, con il bilama arrivavo al massimo a 4 rasature ma sovente la quarta non era buona come la prima o la seconda. Già alla terza mi accorgevo dell'usura delle lamette.

Il tipo di acciaio utilizzato deve essere particolarmente resistente per resistere alla facile corrosione, data dalla presenza di acqua quando la lametta viene utilizzata per la rasatura. Inoltre l'acciaio deve essere particolarmente duro da mantenere una forma ben precisa, e contemporaneamente sufficientemente duttile per poter essere lavorato.

Tungsteno, carbonio, molibdeno, silicio, cromo, vengono aggiunti al composto nella lavorazione per formare un acciaio capace di interpretare le esigenze delle lamette da barba. Questo composto viene sottoposto a trattamenti termici con temperature elevate, oltre i 1.000°C, poi raffreddato velocemente in acqua per passare alla tempra.

I procedimenti termici servono a conferire alle lame durezza, quindi maggiore durata dell'affilatura, e resistenza.

Giudizio del trilama: ottimo.
Ho sinceramente intenzione di provare quello con 4 lame (e non oltre …).

Disinfettare le lame del rasoio

Non ho mai provato personalmente, ma passare la lama sul jeans dovrebbe aumentare l'affilatura quando questa inizia a consumarsi, e ne prolunga la vita, oppure anche con un pezzo di cuoio come facevano, e fanno ancora alcuni barbieri, che affilano la lama del rasoio a mano libera.
Non dimenticare però di mantenere la lama pulita e disinfettata, soprattutto se si intende usarla per molte volte, dopo le affilature.

Parecchi anni or sono mi recai dall'otorinolaringoiatra per una visita, prese lo strumento metallico che serve per tenere ferma la lingua per vedere la gola, e prima di utilizzarlo lo passò brevemente sulla fiamma viva di un accendino per disinfettarlo prima di utilizzarlo.
Il passaggio sulla fiamma ovviamente è stato sufficientemente per (mi auguro;;; !!!) disinfettarlo, ma non ovviamente per scaldare il metallo di modo che potesse dare fastidio alla lingua.

Quando lavoravo in meccanica ed avevo quotidianamente a che fare con piccole schegge metalliche nelle mani, utilizzavo uno spillo, lo passavo sulla fiamma dell'accendino per disinfettarlo, e procedevo a togliere la scheggia.
Una passata veloce della lama del rasoio sulla fiamma viva, lo disinfetta.

È ovvio che si tratta di passate veloci, sufficienti a disinfettare vecchio stile; il rasoio usa e getta ha anche la testina in plastica, quindi occorre prestare attenzione a non bruciarla.
Questa operazione è definita “flambaggio”, metodo utilizzato anche in laboratorio per disinfettare utensili in acciaio.
Anche l'alcool etilico o denaturato può essere utilizzato come disinfettante, tuttavia potrebbe rovinare l'affilatura dell'acciaio della lama se il contatto con l'alcool è prolungato.

L'alcool denaturato altro non è che quello etilico (per uso alimentare) a cui vengono aggiunti additivi per impedirne il consumo alimentare, serve solo per usi sanitari.
Dopo la disinfezione con alcool è meglio pulire la lama con acqua calda e provvedere ad asciugarla; come quando si smette di utilizzarla dopo la rasatura, è sempre bene non lasciare la lama bagnata per mantenerla in modo più igienico.

Sebbene usa e getta è possibile provare ad affilare le lamette del rasoio, e probabilmente il flambaggio è la soluzione migliore per disinfettare la lama, e occhio alla plastica, sebbene i passaggi sulla fiamma devono essere abbastanza veloci da non creare problemi di questo tipo.

In quanto usa e getta, personalmente non eccedo con gli utilizzi del rasoio, per una questione igienica; sempre per questo il flambaggio potrebbe essere una soluzione utile anche se non si intende tentare l'affilatura delle lame, ma semplicemente per disinfettarle dopo avere utilizzato il rasoio e pulito con acqua.

Mantenere le lamette igienicamente pulite è importante, forse molto più di quanto si possa pensare, anche semplici graffi già presenti sul viso prima della rasatura potrebbero andare incontro ad infezioni utilizzando lamette non pulite come si deve; non dimentichiamo che l'umidità è terreno di coltura ideale per le muffe.

Per questo asciugare le lame è sempre importante prima di riporle al posto.
L'asciugatura con l'aria calda del phon può essere un metodo rapido per togliere umidità residua dalle lame, quando sono state accuratamente pulite.

Non è ovviamente il caso di andare in paranoia per le lame del rasoio domandandosi come pulirle correttamente.
Semplice.
Accurata pulizia sotto acqua tiepida, lasciarle asciugare per bene dall'acqua (per chi non utilizza in alternativa l'asciugacapelli), un flambaggio veloce, ed il gioco è fatto.
Vale la pena di prestare la giusta attenzione alla pulizia delle lame, sempre.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!