Menu

af1.it

Scrivo sul mio blog

  | 

Lamette da barba, storia e caratteristiche

9 minuti
aggiornato il
La qualità delle lamette da barba va di pari passo a quella del rasoio, che deve esaltare il lavoro delle lamette a favore di un'ottima rasatura

Rasoio da barba

Le lamette da barba sono una soluzione economica, rapida ed efficace per la rasatura, usa e getta, anche se ovviamente possono essere utilizzate qualche volta a secondo del tipo di barba e conseguente rasatura, rappresentano un modo efficace e veloce di radersi con buoni risultati.

Storia delle lamette da barba

Sebbene la rasatura della barba sia un'usanza molto antica, la storia prettamente legata alle lamette da barba appartiene ad un periodo storico recente, dove si è vista iniziare la commercializzazione dei prodotti usa e getta.

Fu King Camp Gillette a comprendere che il concetto di usa e getta poteva andare forte anche per quanto riguardava le lamette per la rasatura della barba, nel 1901 fondò la American Safety Razor Company che l'anno successivo cambiò nome in favore di Gillette Safety Razor Company e nel 1903 iniziò la vendita di lamette e rasoi: ecco l'altra idea geniale associata alle lamette da barba, che sono sì usa e getta, ma necessitano per forza di un rasoio (idea due volte geniale per via del rasoio, destinato a diventare oggetto di culto per molti collezionisti, alcuni modelli di rasoio sono davvero belli e destinati a durare nel tempo, praticamente indistruttibili alla faccia dell'usa e getta).

Il primo anno di vendita non fu particolarmente prolifico, del resto la pubblicità non era certo facile come può esserlo oggi, ma nel 1905 riuscì ad incrementare notevolmente le vendite grazie ad un processo di produzione ben automatizzato ed una buona pubblicità.

Ben presto vennero stabilite aziende anche in Canada, Inghilterra, Francia, il successo del prodotto era quindi ottenuto; durante il tragico periodo della prima guerra mondiale il governo americano diede un rasoio ad ogni soldato (era importante la rasatura in quanto la barba avrebbe compromesso l'efficiacia della maschera a gas).

Vennero prodotti milioni di pezzi che decretarono, una volta di più, il successo definitivo del prodotto, un marchio che ancora oggi è altamente rappresentativo nella rasatura, il nome è quasi diventato un sostantivo nel linguaggio comune prettamente associato alla rasatura. Anche altri produttori ovviamente, dopo il successo dei primi esemplari, iniziarono la produzione delle lamette usa e getta e rispettivi rasoi.

Quando nel 1921 il brevetto scadde iniziarono battaglie non indifferenti per accaparrarselo. Dato che la battaglia fu troppo aspra questo comportò dei problemi, in quanto un'altra azienda, la Probak, iniziò a produrre lamette compatibili con i rasoi Gillette, mentre i rasoi Probak erano compatibili solo con lamette Probak! Iniziarono una serie di vere e proprie ripicche commerciali, cercando di ostacolarsi a vicenda, producendo lamette compatibili esclusivamente con un tipo di rasoio, che puntava ovviamente a vendere rasoi e lamette dello stesso produttore.

Qualche tempo dopo la questione venne risolta, la Probak venne acquisita dalla Gillette ponendo fine ad una serie di controversie legali, vennero prodotte lamette che si adattavano ai rasoi ed Henry Jacques Gaisman, fondatore della Probak, divenne direttore della Gillette nel 1931.

Le lamette fino alla fine degli anni '50 circa vennero prodotte utilizzando acciaio al carbonio, che mostrava la problematica di presentare ruggine pochissimo tempo dopo il primo utilizzo. L'azienda inglese Wilkinson Sword pensò allora di produrre lamette da barba in acciaio inox, vera e propria innovazione al tempo.

Questo rese possibile utilizzare più a lungo le lamette, sostanzialmente fino a quando non perdevano la loro affilatura. Il marchio britannico grazie a questa innovazione obbligò di fatto anche gli altri produttori a produrre lamette simili, se non volevano restare tagliati fuori (…) dal mercato.

Ancora oggi l'acciaio inox è quello più utilizzato per produrre lamette da barba e può rappresentare, se si fa un suo corretto delle lamette, un aspetto importante dal punto di vista igienico.

Rasoio regolabile per le lamette da barba

Il rasoio regolabile è davvero bello, ce ne sono ancora un'infinità di modelli veri e propri oggetti da collezione ma perfetti da utilizzare, come ad esempio il modello Gillette fatboy.

Pur consapevole che ogni oggetto ha la sua storia, capita spesso quando inizio a scrivere un articolo di non immaginare quanta storia ed informazioni ci possano essere: questo è uno di quei casi. Si potrebbe scrivere un romanzo di ragguardevoli dimensioni, data la mole di informazioni che riguardano la rasatura ed il rasoio.

Altro modello bellissimo della Gillette è l'Aristocrat, con tanto di placcatura in argento o oro, modello davvero bello, come gli altri del resto, anche solo per il design, e la possibilità (via via che i modelli seguivano l'evoluzione della rasatura) di regolare la lama per ottenere una rasatura più dolce o più aggressiva.

L'Aristocrat fu introdotto nel mercato nel 1934 è ancora oggi uno dei pezzi più ambiti nelle collezioni, le lamette usa e getta non sono più in produzione da parte della Gillette ma i rasoi continuano ad essere oggetti di culto da parte degli appassionati, anche perché comunque le lame si trovano comunque in commercio, anche di marchi diversi.

L'evoluzione di diversi modelli ha avuto sull'impugnatura zigrinature verticali, a forma di rombo, etc. con tanto di confezioni in pelle foderata con buona stoffa dai colori diversi in base anche ai modelli, questo ha fatto sì che degli oggetti destinati a diventare oggetti da collezione fossero ancora più ambiti.

Il tal modello, nella tal confezione con il tessuto interno del tal colore… roba da collezionisti appunto, che amano comunque la rasatura dettata da rasoi che sono un anche pezzo di storia.

Interessante poi notare come fossero prodotte lamette doppio filo (DE: double edge) e lamette a filo singolo (SE: single edge), caratterizzate da uno spessore maggiore e quindi minore flessibilità, più rigide per esigenze soggettive di rasatura.

Qui ancora si parla di rasoi con testina fissa, in quanto solo la lametta è intercambiabile, posizionata tra la piastra superiore e inferiore della testina stessa, il rasoio prevedeva anche un dispositivo di sicurezza in molti modelli, in grado di proteggere la pelle dall'uso non corretto della lama, ed a questo proposito impossibile non citare l'open comb, che ha un pettine (sempre di metallo come il rasoio) ai bordi della testina di modo che sia necessario usare con una determinata inclinatura il rasoio per permettere alla lama di radere correttamente senza tagliarsi.

I rasoi più moderni hanno adottato poi la testina intercambiabile, usa e getta, invece che solo la lametta. Niente a che vedere con i vecchi rasoi, in quanto i moderni altro non hanno che l'impugnatura, all'estremità superiore della quale è previsto un meccanismo di aggancio, con semplice pressione, della testina munita di lame. Lame, in quanto una sola si è deciso che non bastava più (!!!). Addirittura si è arrivati al sei lame, non so a cosa servano obiettivamente nemmeno a chi ha una barba folta e ispida, io mi sono prudentemente fermato al bilama, ho ancora un Gillette sensor.

Sono disponibili anche strisce lubrificanti per le lame, o meglio per i rasoi multilama: ma se una lama, o tutte le lame, hanno la giusta affilatura, a cosa serve il lubrificante oltre alla schiuma da barba ?!

La testina è oscillante grazie alla base plastica realizzata in modo da ondeggiare in alto e in basso quanto montata sul manico, questo accorgimento permette alla testina di seguire la pelle per una più o meno ottimale rasatura. Quando le lame sono montate su molle è per far sì che si adattino alla pressione esercitata mentre ci si rade. Anche le micro pulsazioni, ottenute con vibrazioni date da un dispositivo alimentato a batteria, dovrebbero agevolare la rasatura.

Dico dovrebbero perché da questo punto di vista io non ho mezze misure: il rasoio è elettrico l'ho utilizzato per un breve periodo ma sono affezionato al rasoio a mano con lamette. Rimango convinto che la differenza tra una buona rasatura ed una mediocre è sempre data dalla mano di chi si rade e dalla sua intenzione di fare le cose bene, oltre che ovviamente avere una lametta bene affilata.

Esistono anche i rasoi usa e getta (minimo sotto tutti bilama), molto comodi, tutti in plastica con tanto di testina oscillante e impugnatura gommata antiscivolo del manico; per essere rasoi in plastica usa e getta sono un buon prodotto, comodi, pratici, sufficientemente economici.

I vecchi rasoi dotati di testina dove solo la lametta è intercambiabile restano oggetti straordinari per qualità, e perché no, anche design, tanto che mi è venuta l'idea di acquistarne uno, perché no un bel kit per rasatura.

Rasatura con rasoio a mano e lamette da barba

La rasatura deve essere piacevole. Anzi, deve essere un piacere. Se non si è dell'umore giusto, e a meno che si sia vincolati da esigenze irrinunciabili, meglio rimandare.

Alcuni negozi di barbiere ancora oggi prima di radere la barba, posizionano un panno caldo sul volto del cliente per far ammorbidire la pelle e renderla predisposta alla rasatura, nonché dilatare i pori della pelle che meglio si prestano ad accogliere saponi e schiume specifiche per la rasatura.

Il panno caldo può essere scaldato a vapore ed addirittura contenere sostanze emollienti, anche in questo caso sarebbe possibile aprire un capitolo a parte.

Inumidire comunque la pelle, anche con acqua tiepida, prima di radersi è fondamentale; poi si procede con l'insaponatura e lasciar agire qualche minuto il sapone, o schiuma, utilizzato.

Ma come si può stendere bene la schiuma?! Anche in questo caso potrebbe essere un capitolo a sé. Si possono usare le mani, ma i più perfezionisti forse inorridiscono a questa pratica e non possono fare a meno di utilizzare un pennello, con il quale attingere la schiuma da barba (precedentemente preparata e mescolata) da un'apposita ciotola, e per quanto riguarda il pennello è bene che sia realizzato con setole di qualità. Le setole di tasso sono molto apprezzate per la loro morbidezza, buone anche quelle di cinghiale o cavallo, meno pregiate di quelle di tasso ma egualmente apprezzate.

Stendere in maniera ottimale la schiuma sulla pelle è un'operazione importante che determina la qualità finale della rasatura. Uno, e solo uno, dei vantaggi di usare un buon pennello da barba è che quando lo si adopera sulla pelle con i pori dilatati, ammorbidisce ulteriormente la pelle e solleva i peli favorendo la più facile rasatura senza necessità di esercitare una pressione inopportuna (mi chiedo inoltre a cosa servano effettivamente le molle per distanziare le lamette, o addirittura il dispositivo che regola la distanza tra le lame).

Poi si procede alla rasatura risciacquando spesso la testina del rasoio, che deve scorrere sulla pelle come un velluto. Alla fine ci si risciacqua con abbondante acqua fredda che richiude i pori della pelle, asciugare tamponando e non sfregando per evitare irritazioni, poi si può applicare una lozione dopo barba.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it dai il tuo contributo.
PayPal.me af1it

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi dare un contributo, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi