Quale dentifricio scegliere: quello meno aggressivo possibile

  
aggiornato il
Immagine vettoriale di un tubetto di dentifricio iniziziato: il dentifricio dovrebbe essere il meno aggressivo possibile nel pulire i denti
Tubetto di dentifricio (image by Clker-Free-Vector-Images on Pixabay)

Dentifricio: il migliore è quello più semplice e che contiene meno sostanze medicali possibili: serve solo a pulire e null'altro.

  1. Il meno aggressivo possibile
  2. La pubblicità
  3. Come orientarsi nell'acquisto
    1. Scegli un prodotto semplice
  4. Composizione: gli ingredienti
    1. Foglia di salvia
    2. Azione astringente delle gengive
    3. Ingredienti da evitare
    4. Triclosan
  5. Azione sbiancante
    1. Macchie sui denti
  6. Quanto tempo attendere per lavarsi i denti dopo i pasti

Il meno aggressivo possibile

Miracoli non ne può fare, e sarebbe assurdo pretenderli.

Il dentifricio meno aggressivo possibile, insieme allo spazzolino da denti, sono i migliori alleati per la cura dell'igiene orale.

La pubblicità

Dentifricio al fluoro, sbiancante, un che di miracoloso a vedere i sorrisi degli spot pubblicitari…

La pubblicità ci bombarda parecchio, promettendo denti bianchi in un batter d'occhio…

Tuttavia, non è corretto aspettarsi risultati mirabolanti, non possono essere risolti anche problemi che solo il medico dentista può risolvere, tanto ai denti quanto alle gengive.

Come orientarsi nell'acquisto

Il dentifricio può essere semplice, oppure medicato, ed in questo caso contiene sostanze antibatteriche, disinfettanti, etc.

Il prodotto in sé, non può fare miracoli: i luminosi sorrisi che si notano nelle relative pubblicità con denti bianchi e perfetti, certo rappresentano il massimo in fatto di perfetta dentatura.

Ma è pubblicità, non dimenticarlo mai.

Qual è il dentifricio migliore? Quello più semplice che contiene meno sostanze medicali possibili: serve solo a pulire.

Scegli un prodotto semplice

Semplice, come ad esempio il sapone neutro, eventuali problemi alla pelle non possono essere risolti dal sapone, a meno che non siano specifici consigli medici.

Il dentifricio può essere pasta, liquido, dai sapori più diversi, menta, arancia, limone, anche per renderlo più gradevole.

Un semplice dentifricio senza additivo alcuno (fluoro, etc.), se coadiuvato da una corretta pulizia dei denti può essere più che sufficiente per una corretta igiene orale.

In caso di ipersensibilità individuale di denti e gengive, solo il medico dentista può consigliare quale sia il prodotto specifico da usare.

Composizione del dentifricio

Conoscere quali ingredienti contiene, risulta importante per la salute e salvaguardia dei denti e dell'igiene orale.

Componenti di base, normalmente sono:

saponi;

detergenti cationici (guarda): che sviluppano schiuma al contatto con acqua;

che favoriscono una pulizia più accurata emulsionando, polvere inerte che può rimuovere, grazie all'azione meccanica dello spazzolino, la placca batterica.

Poi coloranti, deodoranti, si possono trovare sostanze ad azione astringente per migliorare la tenuta delle gengive.

Azione astringente delle gengive

Dato che le soluzioni più semplici spesso sono le migliori, anche il succo di limone può avere un'azione astringente, disinfettante, antibatterica, sulle gengive.

La foglia di salvia

In tempi antichi, si usava una foglia di salvia per pulire i denti, azione efficace grazie all'azione antisettica dell'olio essenziale.

Ingredienti da evitare

Alcuni ingredienti, sarebbero da evitare: è il caso ad esempio del triclosan (leggi), un antibatterico utilizzato anche come conservante, che risulta presente anche in detersivi e detergenti per igiene personale.

Questa sostanza, attraverso un effetto cumulativo nei tessuti, può causare seri danni all'organismo.

Questo argomento è fonte di discussione e pareri contrastanti.

In diversi paesi tra i quali l'Italia, l'impiego del triclosan è permesso nei cosmetici, collutori, in quantità minime, poco superiori allo 0% (0,2%, 0,3%).

Sebbene sia stato bandito negli U.S.A nel 2016, alcune comunità di consumatori ritengono questa percentuale ancora troppo elevata, e preferirebbero fosse escluso dai composti.

Meglio evitarne la presenza, e ancora una volta: fidati del tuo medico dentista, non di un articolo letto su internet.

Cos'è il Triclosan

Il triclosan è un clorofenolo ad azione antisettica, capace di sconfiggere molti batteri, ha capacità disinfettanti.

Le sue proprietà possono però venire alterate, e quindi risultare potenzialmente nocive, se non vengono rispettati determinati criteri di lavorazione.

Quali l'impiego di materie prime di scarsa qualità, non rispettare le temperature di lavorazione, questo potrebbe innescare processi che alterano le proprietà buone della sostanza.

Azione sbiancante: è vera o è un'illusione?

L'azione sbiancante spesso pubblicizzata, è un'azione abrasiva effettuata sullo smalto dei denti.

Ergo, ne consegue che;

1) può non essere necessaria;

2 può rovinare lo smalto.

Il dentista serio esegue, con metodi ed apparecchiature professionali, il lavoro di sbiancatura: ma solo quando lo ritiene necessario, nemmeno lui può abusarne solo perché il paziente lo desidera.

Può sembrare banale; ma se ti rivolgi ad esempio al carrozziere per chiedere consiglio su quale prodotto sia più indicato per pulire la carrozzeria della tua auto nuova, cui tieni tanto; perché non chiedere al medico dentista quale può essere il dentifricio migliore da usare con tranquillità?

Macchie sui denti

Ingiallimento dei denti, o comunque presenza di macchie, chiare o scure, è dovuto a problemi da risolvere dal medico dentista; il dentifricio non fa miracoli.

L'azione del dentifricio non deve essere aggressiva, ma essere un prezioso supporto dell'azione meccanica di pulizia possibile grazie allo spazzolino.

Serve solo a pulire, non rende i denti più belli di come siano, se non per il fatto che dopo lavati risultano puliti.

Quanto tempo aspettare dopo i pasti per lavarsi i denti

Io aspetto sempre circa 1 ora, dopo i pasti principali.

Dopo qualche spuntino, uso lo spazzolino, l'acqua del rubinetto, ed il filo interdentale.


 

Vuoi cercare un articolo?