Menu

af1.it

Uno che scrive

La candeggina come detergente per le pulizie domestiche

6 minuti

Si tratta dell'ipoclorito di sodio, che non viene mai commercializzato puro ma diluito in soluzione acquosa, e quando per uso domestico non supera mai la percentuale del 5%, in caso contrario diventa particolarmente corrosivo e pericoloso.
In parole povere: candeggina.
Uno dei migliori detergenti per pavimento diluita con acqua ha anche un'azione disinfettante; attenzione però, non dimenticare mai che à irritante, fai sempre attenzione al suo utilizzo, ed evita qualsiasi tipo di contatto.

Azione disinfettante della candeggina

In dosi specifiche sotto controllo di ispettori sanitari la candeggina viene inserita anche negli acquedotti per rendere l'acqua potabile libera da batteri.
Paradossalmente talvolta l'acqua che arriva da depuratori (domestici o nell'ambito della ristorazione) è molto peggio di quella dell'acquedotto che comunque è potabile (indicazioni specifiche e diverse da parte del Comune di pertinenza permettendo).
Perché gli impianti di depurazione necessitano di manutenzione periodica piuttosto frequente (quotidiana ?) per mantenerne l'efficienza, quindi fornire realmente acqua potabile.

In caso contrario, se si omette la manutenzione del depuratore, oppure non la si esegue con la competenza e la frequenza necessarie, le sostanze potenzialmente nocive proliferano a dismisura, senza contare che per fare le cose per bene dovrebbero essere eseguite analisi chimico-fisiche sull'acqua per comprendere quale sia la reale situazione dopo la depurazione.
Perché se l'acqua viene depurata ma non conosci i suoi valori chimico-fisici potrebbe essere anche molto peggio di quando la depurazione è iniziata, ovvero partendo dalla'acqua di acquedotto.
E siccome l'acqua di acquedotto contiene cloro (semplificando candeggina) inibisce la formazione di batteri nocivi e inquinanti dell'acqua, se viene tolta con la depurazione i batteri tornano a proliferare se non viene eseguita una rigorosa e attenta manutenzione degli impianti di depurazione dell'acqua.

Questo è uno dei motivi per i quali non ho molta fiducia nei depuratori d'acqua, mi sembra un fai da te eccessivo che esula dalle competenze individuali, soprattutto se non si hanno competenze specifiche nella conoscenza dei parametri biologici dell'acqua che possono scaturire dopo il trattamento di depurazione.

Divagazione a parte per comprendere quanto l'uso corretto e mirato della candeggina da parte di persona competente possa essere importante per il suo potere disinfettante, per quanto riguarda la pulizia del pavimento e dei sanitari la candeggina diluita con acqua risulta uno dei detergenti più economici ed efficaci.
Negli ultimi anni, forse decenni, è entrata nel commercio la tendenza di profumare prodotti come candeggina, ammoniaca, insetticidi, etc.
Cerchiamo di capire una cosa: il profumo gradevole non può cancellare e far scomparire eventuali effetti nocivi o tossici sull'organismo, quindi non è mai corretto esporsi inutilmente ed eccessivamente ad esalazioni di qualsivoglia prodotto che sicuramente rischi li comporta se non viene utilizzato correttamente.

Come la candeggina, infatti chissà quante volte avrai notato sull'etichetta le avvertenze, il simbolo e la dicitura di prodotto irritante, i consigli in caso di contatto che indicano di rivolgersi al medico in modo molto veloce.
Non dimentichiamo mai quando abbiamo a che fare con prodotti (come la candeggina) che devono sempre essere utilizzati con attenzione e con misura, mai sottovalutarne l'impiego.

Detto ciò, l'uso modico e corretto della candeggina che praticamente va ad eseguire una correzione dell'acqua nel secchio, si rivela un ottimo detergente con azione disinfettante, e anche economico.

I diversi usi per le pulizie

● Per il suo efficace potere disinfettante e inibizione dei batteri la candeggina è indicata per molteplici usi di pulizia anche in ambito domestico; pulizia di sanitari, superfici in genere, davanzali delle finestre, lavello della cucina, pavimenti, ovunque sia necessario utilizzare un detergente capace di pulire e disinfettare.

● Usata anche per pulire a fondo supporti di pulizia (come gli stracci, le spugne) lasciati in immersione, oi accuratamente risciacquati sotto acqua corrente prima di procedere a lavaggi più leggeri, dato che una buona disinfezione è stata eseguita con l'immersione in candeggina, ricordiamo però sempre diluita con acqua.

● Raramente viene utilizzata pura, sempre però con le dovute attenzioni: ancora è giusto ricordare la protezione delle mani con guanti protettivi, non è assolutamente necessario entrare in contatto con la candeggina nemmeno quando la si usa come detergente.

● Se utilizzata pura e si eseguono applicazioni veloci, come usando un panno imbevuto poco prendendo direttamente la candeggina dal suo contenitore, poi con il panno imbevuto di liquido puro si tampona o si strofina la parte da pulire, npn troppo perché inevitabilmente ha un potere decolorante, e se non si presta la giusta attenzione va a togliere colore, a sbiadire le superfici con le quali entra in contatto, tant'è che viene utilizzata anche specificamente proprio per schiarire determinati supporti.

● Per il bucato: può essere utilizzata direttamente in lavatrice, una piccola parte di candeggina inserita ad esempio nello scomparto del detergente per il bucato della lavatrice destinato all'ammorbidente (ovviamente senza mescolare, quando questo non viene usato), disinfetta i panni lavati e toglie eventuali macchie più difficili da togliere.

● Quando i panni sono particolarmente macchiati, li si può lasciare in ammollo in un contenitore con poca acqua e una dose di candeggina che, meno risulta diluita più è potente nella sua azione, senza dimenticare che se troppa potrebbe decolorare e lasciare macchie chiare togliendo completamente il colore.

● Occorre sempre avere il senso della misura quando la candeggina viene usata, senza mai esagerare; al limite si può ripetere il trattamento una volta in più invece che voler risparmiare tempo compromettendo però in modo indelebile l'integrità del supporto da pulire, sia esso una superficie, un capo di abbigliamento, o altro.

È un prodotto economico, efficace, con importante azione disinfettante, funziona molto meglio di altri prodotti molto più costosi, più pubblicizzati quindi inevitabilmente il prezzo aumenta.
Si tratta di un prodotto scoperto da Antoine Germain Labarraque, chimico e farmacista francese che nel 1825 mescolando acqua e cloro iniziò a studiare l'uso del composto diluito.
Da allora è sicuramente uno dei prodotti maggiormente utilizzati ed efficaci.

Precauzioni d'uso

Non mescolare mai la candeggina con altri prodotti detergenti in quanto i prodotti mescolati potrebbero generare gas anomali ed essere dannosi alle vie respiratorie ed all'organismo in generale, non improvvisare mai, nemmeno per sentito dire.

● Conservarla sempre in luogo asciutto, al riparo da fonti di calore, con la confezione ben chiusa.

Utilizza sempre i guanti protettivi, anche per ulteriore regola igienica quando si puliscono i sanitari, superfici particolarmente sporche (come potrebbero essere i pianerottoli, che comunque sono luoghi di pubblico passaggio quindi potenzialmente più sporchi di un normale ambiente domestico).

Utilizza sempre parecchia acqua per diluire la candeggina, approssimativamente 1 parte di candeggina 9 di acqua, oppure in un secchio pieno per 1/3 di acqua, a spanne 1/2 bicchiere di candeggina, secondo poi lo sporco della superficie da pulire ci si regola con le quantità.

● Quando maneggi la candeggina metti sempre la dovuta attenzione, usala sempre in modo sicuro e moderato, non dimenticare mai che è molto irritante e potenzialmente molto pericolosa, come tanti altri prodotti del resto se non utilizzati con cognizione di causa: attenzione, sempre.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

In Igiene

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per offrire pubblicitĂ  contestualizzata, per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa. Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie. Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi