Hygrophila corymbosa

@ Condividi via Email
Aggiornato:
Hygrophila corymbosa
( CC BY-SA 3.0, Collegamento)

Hygrophila corymbosa è una bella pianta palustre coltivata con successo in acquario, robusta e si adatta bene quando sono rispettate le esigenze basilari.


Morfologia

Trova origine nel continente asiatico, in biotopi paludosi, e in piccoli corsi d'acqua.
Presenta il fusto eretto, ramificato, di discreto diametro, 5-7 mm circa, con foglie disposte opposte le une alle altre, lanceolate, oppure strette e lunghe secondo le varietà, raggiungono una lunghezza che varia dai 5 agli 8 cm circa.

Raggiunge una dimensione in altezza, indicativa, da 15 a 30 cm secondo le cultivar della pianta.

Coltivazione

Come tante altre piante che si prestano ad essere coltivate in cattività in acquario dolce, che quindi arrivano da coltura idroponica prima di essere commercializzate, può accadere che una volta piantata in acquario, possa perdere diverse foglie, dato che fino a poco prima crescevano emerse, ma in breve tempo Hygrophila corymbosa si adatta bene anche alla vita sommersa, nella vasca di destinazione.

È una pianta di crescita rapida, con intensa illuminazione cresce meglio, e più robusta, sviluppando anche, in alcuni casi, una bella colorazione rossastra del fogliame, impensabile con scarsa illuminazione, che farebbe allungare troppo gli internodi.

Il fondo dev'essere piuttosto morbido, con apporto bilanciato di sostanze nutritive, buona erogazione di CO2, e la sua rapida crescita trova idonea collocazione anche in vasche appena allestite.

Le foglie non presentano lanuggine alcuna, ad eccezione di quelle emerse nella varietà Hygrophila pelosa.

Cresce bene in acqua di media durezza, anche con Ph alcalino, io ho sempre avuto nella mia vasca un Ph acido (6,0) e DGh 4-5° ma non ha mai dato problemi di sorta.

Crescita

Riesce a formare dei cespugli compatti particolarmente decorativi, ne ho sistemato un gruppo per nascondere la parete del filtro, posizionate a scalare, sotto intensa illuminazione, e quando le foglie non raggiungono la colorazione rossastra, si presentano di un bel verde carico, intenso, più o meno scuro.

È una pianta altamente consigliata, sia per il bell'effetto decorativo, che per la semplicità della sua coltivazione, non presenta particolari esigenze, se rispettare quelle fondamentali.

Con poche regole basilari (illuminazione intensa, erogazione corretta di CO2, apporto di sostanze nutritive in acqua e nel fondo), si ottiene una crescita rapida, rigogliosa, dal gradevole effetto estetico.

Hygrophila corymbosa: cimatura

Quando i getti laterali della Hygrophila corymbosa raggiungono una lunghezza di circa 7-8 cm possono essere tagliati, e piantati nel fondo, per dare vita ad altri esemplari.

Cresce bene anche emersa, come in natura del resto.

Le caratteristiche dei parametri chimico-fisici dell'acqua non sono così esigenti (come sopra), e una temperatura intorno ai 26°C completa il quadro.

Personalmente, in pochissime occasioni si è resa necessaria la cimatura, ho piantato il fusto nuovo cimato, e gettato la parte sottostante, e ha continuato a crescere bene.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho conosciuto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.
Invecchiando, ho scoperto che mi piace portare il cappello.