Glossostigma elatinoides

Glossostigma elatinoides: una delle piante più gradevoli in grado di creare un vero e proprio tappeto d'erba in acquario
(photo by wja73199 on Reddit.com)

Glossostigma elatinoides: una delle piante più gradevoli in grado di creare un vero e proprio tappeto d'erba semplicemente unico in acquario.


Un bellissimo tappeto verde sul fondo dell'acquario

Ritengo, che la Glossostigma elatinoides, contribuisca in modo notevole a raggiungere risultati esteticamente unici, andando a ricreare un biotopo particolarmente gradevole, anche per i pesci.

Il mio primo maldestro tentativo: una disfatta

Avevo provato, tanto tempo fa, ad inserire degli esemplari ad acquario pieno: non potendo ovviamente piantare una ad una le piante, ho cercato di togliere il più possibile della spugna sintetica su cui erano alloggiate al momento dell’acquisto, andando ad inserire nel fondo piccoli gruppi di esemplari.

Fiducioso che, dopo poco tempo, la spugna sintetica si sarebbe sciolta (impossibile), dando il tempo ai piccoli esemplari di Glossostigma di attecchire.

Purtroppo i risultati sono stati deludenti: la spugna sintetica (fibra di materiale spugnoso), non si è affatto sciolta; al contrario, ha dato vita a piccole zone stagnanti, portando la completa marcescenza delle piccole radici prima, e dell’intera pianta poi.

Una disfatta.

Ma al secondo tentativo il successo

Dopo la prima esperienza fallimentare, forte del mio errore, avevo già in mente da tempo di rifare completamente l’arredamento della vasca, per errori iniziali poi molto difficilmente gestibili.

Scelta idonea del materiale di fondo

Questa volta, oltre che fare un'accurata scelta dei materiali da impiegare per il fondo dell'acquario, ovvero: Materiale di fondo idoneo (AquaSoil), corretto fertilizzante nel substrato.

Il cavo riscaldante sul fondo della vasca

Il tutto, sopra il cavo riscaldante posizionato sul fondo della vasca, che in questo caso, a mio parere, assume un valore ancora più importante.

Il lieve ma costante movimento dell'acqua nel materiale di fondo, creato dal calore che si sale verso l'alto, va a beneficio delle piccole, tenere, fragili radici di Glossostigma elatinoides.

Ho inserito le piante a vasca vuota di acqua

Ho messo un bel gruppo di piante appoggiate al substrato, con acquario completamente vuoto di acqua.

Avevo comprato 30 piccoli vasi, ho ripulito accuratamente le piccole radici da tutte le impurità sotto acqua corrente del rubinetto, ed ho appoggiato le piccole piantine nel materiale di fondo, già allestito, ricoprendole totalmente con un centimetro circa di morbido terriccio.

Non sapendo ancora se mi fosse andata bene, ho iniziato a riempire parzialmente la vasca di acqua, e via via inserire altre piante, oltre ad alcune rocce e legni, lasciando ben libero lo spazio dove la Glossostigma elatinoides avrebbe dovuto crescere.

In pochi giorni hanno iniziato a crescere

Pochi giorni dopo, cercando la luce, hanno iniziato a sbucare dal materiale di fondo i primi esemplari; in un primo momento, temevo fossero foglie staccate, che sarebbero poi salite in superficie, con un nulla di fatto.

In breve tempo invece, le altre piantine le hanno seguite, ed hanno iniziato a formare un bellissimo tappeto verde che non ha mai smesso di crescere rigoglioso, di un bel verde chiaro brillante.

In questo modo sono riuscito a far attecchire le piante, che per via delle piccole radici risulta arduo (da panico) piantare una ad una.

Altri tentativi di coltivazione

Ho letto di tentativi, alcuni andati a buon fine, inserendo le piccole piante in una rete, tipo quella da capelli, legata successivamente ad un sasso o ad un legno, per dare tempo alla pianta di radicare.

Personalmente la preferisco di gran lunga nel fondo, dal quale può acquisire tutte le sostanze nutritive utili alle radici, e soprattutto queste restano ancorate.

Se un appassionato nega di desiderare nel proprio acquario, una folta e rigogliosa crescita di questa piante, forse dice una bugia.

Come la penso

Personalmente è così che la coltivazione di questa bellissima pianta mi ha dato soddisfazione, partendo ad acquario vuoto.

Posizionarla nel terreno ad acquario già allestito, beh, purtroppo non so dare suggerimenti in merito, ma ti auguro tanta pazienza.

Serve illuminazione intensa

L’illuminazione dell'acquario, risulta fondamentale per questa pianta.

Una regola empirica, dice 1 watt ogni litro di acqua, ma come ho detto è empirica, quindi sconsigliabile, ogni acquario vive esigenze proprie e non è mai uguale ad un altro.

Per via del fatto che la Glossostigma elatinodes rimane piccola, non va oltre i pochi centimetri di altezza, vive ovviamente sul fondo della vasca, dove la luce arriva maggiormente filtrata dall'acqua.

Questo comporta di darle una forte illuminazione, di buona intensità, e nessuna ombra da parte di altre piante che dovrai avere premura di sfoltire, se vanno a togliere luce alla piccola elatinoides.

Uno spettacolo vederla crescere sana e rigogliosa

È uno spettacolo della Natura, vedere questa lattughina che cresce a meraviglia, andando a ricoprire con il suo splendido colore verde chiaro, buona parte del fondo dell’acquario, quando non nella sua totalità.

Anche questa à una pianta palustre, che proviene dall&#39Australia, Tasmania e Nuova Zelanda.

Sviluppo

Le foglie della Glossostigma elatinoides non vanno oltre i 4, 5 mm di lunghezza, e 2, 3 mm di larghezza.

I suoi cespugli crescono alti 4, 5 cm.

Non è consigliabile coltivare questa pianta in vasche troppo alte, oltre i 50 cm; l'illuminazione intensa di cui ha bisogno, non la raggiungerebbe in modo ottimale.

L'acqua deve essere tenera, leggermente acida, ben equilibrata di oligoelementi e sostanze nutritive, ed un'ottima somministrazione di CO2 possono realizzare il sogno di coltivare con successo questa piante nell'acquario.

Parametri dell'acqua

Importante mantenere l'acqua limpida e pulita, per non far depositare eventuali residui organici, sulle piccole e tenere foglie.

Il filtraggio con farina di diatomee fossili, mi è stato molto utile.

pH: 6,06,5

dGH: 46

dKH: 35

CO2: 2530 mg/litro

temperatura: 26°C

illuminazione: da media a molto intensa