Allestire il filtro dell’acquario d’acqua dolce

Allestire il filtro dell'acquario merita attenzione, specialmente in vasche grandi con filtri sovradimensionati
Filtro dell'acquario (fonte immagine: AcquaSaur)

Allestire il filtro dell'acquario è un'operazione da valutare bene soprattutto in caso di vasche particolarmente grandi e filtri sovradimensionati.


Grandi vasche e filtri sovradimensionati

Vale davvero la pena spendere del tempo per sistemare a dovere, prima di riempire con l'acqua la vasca, i componenti da inserire nel comparto dedicato al filtro.

Allestire il filtro dell'acquario come conviene, può risparmiare un sacco di grattacapi, soprattutto in caso di vasche particolarmente grandi e filtri sovradimensionati, quando dovremo effettuare gli interventi periodici di pulizia del materiale filtrante, od anche quando si renderanno necessari piccoli lavori di manutenzione.

Sostituire o pulire la pompa dell'acqua, il termoriscaldatore, etc.

Reti per inserire il materiale filtrante

[amz_sedici]

Se vai ad inserire, come probabile, cannolicchi di ceramica oppure sfere di plastica atossica, o ancora materiale su cui possa proliferare la flora batterica, bene: procuriamoci una di quelle retine in nylon a maglia piuttosto fine, oppure elastiche in cotone, appositamente realizzate per contenere i suddetti materiali da inserire nel filtro.

Quando si renderà necessario, e non c'è ombra di dubbio che presto o tardi lo sarà, ripulire il materiale filtrante da residui organici che potrebbero ostruire il corretto passaggio dell'acqua.

Non dev'essere piacevole andare a togliere tutti i cannolicchi di ceramica, o altro materiale che sia, a manciate, o peggio ancora, uno a uno.

Facilità di pulizia

La rete in cui avrai inserito il materiale, ti permetterà di risparmiare molto tempo, facilitando non poco il lavoro, andando con un semplice ed unico gesto a togliere tutto il materiale filtrante, per sciacquarlo in una piccola vaschetta con acqua prelevata dall'acquario stesso.

Materiale che sia costituito da cannolicchi di ceramica, piccoli pezzi di granito di basalto, sfere sagomate di plastica atossica, granulato lavico di elevata porosità.

Non devi fare altro che inserirlo nella rete prima di riempire il comparto destinato al filtro.

Sulla scelta del materiale, anche in questo caso esiste un'ampia gamma.

La cosa importante, è offrire un supporto di giusta porosità alla flora batterica, affinché possa colonizzare, ed al tempo stesso un materiale che possa rallentare a dovere l'acqua, perché questo processo possa instaurarsi.

Filtro esterno costruito su misura

In caso sia utile un filtro di grandi dimensioni, sopratutto dove il filtraggio richiede un'elevata capacità filtrante, che nulla ha a che vedere con la velocità della pompa in litri/ora, bensì dove sia presente molto materiale su cui far sviluppare la flora batteria, si può far costruire dal vetraio, un contenitore rettangolare in vetro.

Vetro dallo spessore di 4, 5 mm con una capienza di 30 litri circa, ad esempio, un contenitore di 35 cm di lunghezza e larghezza, e 40 cm in altezza, in quanto il livello dell'acqua dovrà restare almeno 5 cm circa sotto il bordo.

Gli scomparti

Si possono inserire, incollati, 4 vetri di modo che possano creare dei vasi comunicanti, ed in ogni scomparto, lo specifico materiale filtrante, esempio, nell'ordine di entrata dell'acqua;
[amz_diciassette]
1) Materiale filtrante di porosità grossolana;

2) seguito da uno in porosità più fine;

3) cannolicchi di ceramica (inseriti nella rete);

4) bioballs (idem rete);

5) pompa di uscita dell'acqua.

Allestire il filtro dell'acquario specialmente quando sovradimensionato, merita la giusta attenzione, e fornire materiale a dovere dove la flora batterica si possa insediare, per svolgere il filtraggio biologico.