Come scegliere un impianto Hi-Fi di qualità

aggiornato il
Come scegliere l	impianto Hi-Fi: valuta amplificatore e diffusori
Impianto Hi Fi

Come scegliere un impianto Hi-Fi di qualità: in base al denaro disponibile e al tuo abituale ambiente di ascolto.

  1. La giusta proporzione
  2. Scelta ponderata
    1. Due fattori fondamentali
    2. L'usato
  3. Preparare l'ambiente di ascolto
    1. Ambiente vuoto
    2. Zeppo di arredo
    3. Materiali insonorizzanti
    4. Fai da te
    5. Isolamento acustico
    6. L'arredo: possibile soluzione
    7. La seduta di ascolto
  4. Cerca un venditore professionale
    1. Componenti audio di qualità
    2. Le basi
    3. Diffusori e amplificatore

La giusta proporzione con la stanza di ascolto

Inevitabilmente, il denaro rappresenta un limite per effettuare una spesa; nel caso di un impianto Hi-Fi tuttavia, indipendentemente dal budget disponibile, anche il tuo abituale ambiente di ascolto della musica.
Se l'impianto è sproporzionato, rispetto a questo, il denaro è sprecato.

Ambiente di ascolto e componenti Hi-Fi: scelta ponderata

Avere a disposizione una stanza di 20 mq non può permettere l'ascolto ottimale di diffusori acustici che necessitano di almeno 3 metri di distanza tra loro, e almeno 1 metro dalle pareti laterali, e posteriore.

Quindi, anche avendo la disponibilità economica per acquistare diffusori di questa tipologia, e relativo sistema di amplificazione, non si potrebbe comunque farlo rendere al meglio, se non si dispone anche di un ambiente adeguato.

Sarebbe come comprare un'automobile supersportiva, solo per fare qualche km al giorno in mezzo al traffico. Un assurdo, un paradosso.

Due fattori fondamentali

1) Ambiente destinato all'ascolto,

2) e denaro disponibile, sono 2 fattori che non possono essere divisi, quando si intende acquistare l'impianto Hi-Fi per la riproduzione sonora di qualità.

La riproduzione sonora di qualità, non la ordina il medico, è passione per la musica e per l'elettroacustica, è il piacere di ascoltare la musica che più piace cercando di riprodurla al meglio.

Anche se non è necessario spendere cifre improponibili, o peggio ancora che non ci si può permettere, meglio comprendere da subito che componenti audio di qualità a buon mercato, non ne esistono.

Puoi puntare anche sull'usato

A meno che non si intenda acquistare l'usato, ricondizionato e controllato; che può far risparmiare qualcosa; purché si conosca un venditore specializzato e di fiducia.

Preparare l'ambiente di ascolto

Preparare adeguatamente quello che si è deciso debba essere l'ambiente di ascolto abituale, è il primo passo da fare.

Poi, in base a questo, e al denaro disponibile, si cerca di acquistare i componenti audio più adeguati e che possano suonare il meglio possibile nello specifico ambiente, risultare il meglio integrati gli uni agli altri.

Ambiente di ascolto vuoto: non va bene

Un ambiente di ascolto della musica eccessivamente spoglio, privo di tendaggi, ampie poltrone imbottite, mobili, risulta troppo vuoto, per avere un'acustica idonea.

Zeppo di arredo: non ci siamo ancora

Analogamente, anche una stanza piena zeppa di arredo, potrebbe far rimbombare il suono e rovinare inevitabilmente l'ascolto.
Equilibrio nell'arredo.

Materiali insonorizzanti

Acquistare materiali insonorizzanti prêt à porter del mercato audiofilo: anche questo richiede esperienza, per comprendere quanto possono fare, e denaro, sono piuttosto costosi, e inserirli in un ambiente privo di tutto, è comunque impensabile.

Insonorizzazione fai da te

Se decidi di isolare fai da te, cartongesso (piuttosto efficace se ben coibentato), materiale insonorizzante, occorre comunque sapere cosa si va a fare e come.

Quindi, il parere di un esperto è fondamentale, per comprendere se gli interventi da eseguire potranno effettivamente migliorare l'acustica dell'ambiente di ascolto, oppure no.
Il tuo venditore di fiducia, sa certamente consigliarti in merito.

Ambiente insonorizzato per chi sta dentro e chi sta fuori

L'insonorizzazione, non serve solo a rendere ottimale la riproduzione sonora, e l'acustica della stanza di ascolto, bensì anche a non disturbare chi sta fuori; soprattutto se si abita in condominio, le pareti delle stanze sono comunicanti con altri appartamenti, etc.

Anche se ascoltare musica a tutto volume, non solo non è utile, ma nemmeno piacevole, non è affatto necessario.

Tuttavia, nemmeno ascoltare musica sussurrata dalle casse, risulta piacevole.

Un livello medio del volume, è indispensabile per un buon ascolto, quindi è bene pensare a non disturbare chi si trova fuori dalla stanza, facendo diverse prove.

L'arredamento della stanza può essere la soluzione

L'arredamento, in molti casi può essere fondamentale, per far avere alla stanza una buona acustica, e una buona insonorizzazione delle pareti risulta fondamentale, se si ha questa fortuna, si è a metà dell'opera.

La seduta di ascolto

Un'ampia poltrona imbottita, con lo schienale alto sopra la testa, e semi-avvolgente, rappresenta un'ottima soluzione per la seduta di ascolto.

Cerca un venditore professionale

Per acquistare componenti audio di qualità, occorre rivolgersi a rivenditori specializzati che trattano questa specifica tipologia di prodotti.

Soprattutto se hai poca esperienza (e quando si inizia tutti si è così), prova a farti fare 2 o 3 preventivi, da altrettanti rivenditori.

Appena inizi a parlare con un venditore, e gli fai qualche domanda, comprendi subito se è la persona giusta, oppure no.

Quando ci sono potenziali clienti, che non hanno alcuna esperienza, può accadere di incontrare persone che tendono a snobbare, sembra che si sentono autorizzate a parlare di audio solo a chi ha esperienza, quasi facessero parte di una ristretta élite.

I rivenditori capaci invece, non hanno alcun problema a rispondere anche a domande che per loro rappresentano risposte scontate, e la passione, la serietà e la professionalità, fanno sempre la differenza, in meglio, quindi non hanno alcun problema a rispondere anche a chi ha poca esperienza, o non ne ha alcuna.

Componenti audio di qualità

I componenti audio di qualità, sono privi di orpelli inutili, quindi non ti stupire se mancano i famigerati controlli audio negli amplificatori, i bassi e gli alti.

Sono molto spesso un'inutile interruzione del segnale, che più viene disturbato e più deteriora la qualità.

Questi dispositivi, sono molto spesso spartani nell'aspetto, il loro obiettivo primario è cercare di disturbare il meno possibile il segnale audio (elettrico prima, sonoro poi), e puntano su materiali e costruzioni qualitativamente elevati, anche a costo di sembrare spogli.

È sempre e solo l'ascolto che ti fa comprendere come suona un componente audio, non l'esame visivo.

Ogni componente audio dev'essere adeguato e proporzionato agli altri.

Impianto di base

Un impianto audio basilare deve comprendere almeno:

1) Sorgente audio (giradischi, lettore CD, etc.)

2) amplificatore (integrato, oppure Pre+Finale)

3) diffusori acustici.

Valutare diffusori e amplificatore

Avere diffusori acustici che non sono in grado di essere fatti suonare come si deve dal sistema di amplificazione, sarebbe un paradosso.

Ogni componente deve essere ben inserito con gli altri, adeguato per qualità e potenza.

L'amplificatore è il cuore dell'impianto, non lasciarti distrarre dalla potenza espressa in Watt per far funzionare adeguatamente i diffusori, guarda invece agli Ampere, in parole povere la forza del trasformatore.

L'amplificatore dev'essere in grado di far suonare nel migliore dei modi i diffusori acustici, le casse, come si usa spesso dire, le deve far aprire, sbocciare, devono dare il meglio: devono suonare.

D'altro canto, i diffusori acustici devono risultare idonei per l'amplificatore che li muove.

Se l'amplificatore è il cuore dell'impianto, l'immancabile e indispensabile accoppiata amplificatore e diffusori acustici è il cuore della riproduzione sonora di qualità.

Un amplificatore integrato può essere la soluzione entry level, in quanto partendo dal Pre+Finale separati, il costo è maggiore, sebbene non necessariamente una soluzione debba essere a prescindere migliore dell'altra.

Una volta trovata la soluzione migliore dell'accoppiata amplificatore e diffusori acustici, in base al proprio ambiente di ascolto, ci si può concentrare sulla sorgente.