Base di raffreddamento PC portatile: quale uso

@ Condividi via Email
Aggiornato:
Base di raffreddamento PC portatile
(Image by Miguel Á. Padriñán from Pixabay)

Base di raffreddamento PC portatile: permette di migliorare le prestazioni del notebook e prolungarne la durata, specialmente quando ha i suoi anni.


Il primo tentativo

Per il mio vecchio notebook HP con schermo da 17 pollici, il cui problema di surriscaldamento è relativo alla CPU, la parte sottostante in alto sulla sinistra, è il punto cruciale quando scalda.

La prima base di raffreddamento PC portatile che avevo comprato, era, senza pretese; economica, con 5 ventole in tutto. Una grande al centro, e 4 ai lati; questo coincideva con la mia esigenza di raffreddare soprattutto il punto del notebook dove presente la CPU, punto nel quale, sempre in alto a sinistra nella parte sottostante, sono presenti le due entrate di entrata e uscita dell'aria, aspirata dalla ventola.

L'aria viene aspirata dalla parte posteriore, e l'uscita è laterale alla CPU.

Tutto sommato, il suo dovere lo faceva, sebbene plasticaccia, con una sottile rete metallica come appoggio del notebook, e un supporto metallico inserito nella base di raffreddamento PC portatile, per regolare l'inclinazione del notebook.

Dopo pochissimi utilizzi, le ventole hanno iniziato a ronzare fastidiosamente. Nella parte posteriore, sono presenti 2 pulsanti: il primo accende le due piccole ventole sulla sinistra, il secondo le altre 3.

Usando una sola di queste opzioni, il rumore delle ventole accese diventa davvero molto fastidioso, stridente, un casino non richiesto.

Spesso accade che, quanto un prodotto costa poco, vale meno di quanto costa.

Base di raffreddamento PC portatile Deepcool Multicore X8

Dato che cerco di prolungare il più possibile la durata del notebook, che, tutto sommato nonostante l'età non ha mai avuto problemi, se non la sostituzione dell'Hard Disk dopo 7 anni di utilizzo circa, e dell'alimentatore dopo 12 anni di servizio, ho deciso di provare a spendere qualcosa in più, ma comprare una base di raffreddamento PC portatile un po' più seria, e soprattutto che coincidesse con le precise esigenze di surriscaldamento del mio vecchio HP Pavilion DV7, comprato nel 2009.

Mi interessava trova un prodotto con una solida base metallica, sulla quale il notebook potesse appoggiare.
Dopo diverse ricerche, senza lasciarmi stupire dalla velocità di rotazione delle ventole in giri per minuto, ho pensato che la base di raffreddamento PC portatile Deepcool Multicore X8, potesse fare al caso mio.

Da circa 4 anni la utilizzo, e ne sono pienamente soddisfatto.
La base di appoggio, è costituita da 4 pannelli in alluminio dello spessore di 6 mm, 3 millimetri dei quali dedicati alle scanalature, creando così delle alette di raffreddamento.

La solidità della costruzione di questi 4 pannelli, facilmente smontabili, è immediata, il supporto sottostante è in plastica, ormai onnipresente ovunque, che tuttavia presenta una discreta qualità, rigida, robusta, con due solidi flip posteriori, che quando estratti sono altri 3 cm e danno una leggera inclinazione al notebook.

Il semplice fatto che, tra la base di raffreddamento PC portatile, e la parte sottostante, sia presente uno spazio per lasciar passare aria, è già di per sé un ottimo modo per mantenere una buona aerazione sotto il notebook.

Deepcool Multicore X8 caratteristiche

La Deepcool Multicore X8, è compatibile con notebook da 17 pollici, come il mio, a scendere.
Sono presenti 4 ventole del diametro di 100 mm per 15 mm di spessore, la cui velocità è di 1.300 RPM (Record Per Minute, ovvero Giri per minuto).

L'aspetto che trovo particolarmente interessante, è che ciascuna delle 4 ventole, spinge l'aria in una direzione diversa, andando a creare una sorta di senso antiorario, lavorando in diagonale.

O meglio; la ventola a sinistra in alto, sposta l'aria lateralmente, come quella in basso a destra, mentre le altre 2, la spostano in avanti, e indietro, le 4 ventole spostano l'aria in 4 differenti direzioni.

Le immagini presenti sul sito Deepcool, rendono meglio l'idea di tante parole.

Oltre al fatto della base in alluminio di buono spessore, la precisa caratteristica di spostamento dell'aria, mi ha fatto propendere per l'acquisto.

In questa bella recensione del prodotto, presente sul sito APH Networks, ho fugato ogni dubbio, prima di procedere all'acquisto.

Il fatto che rimarca la valutazione della base di raffreddamento PC portatile in oggetto, è la semplicità costruttiva, che non perde affatto d'occhio la qualità.

Proprio come un cacciavite, un martello, una chiave inglese, o un qualsiasi altro attrezzo di questo tipo, sebbene passano gli anni non cambia la sua semplice e duratura efficacia.
Ci possono essere modifiche di carattere estetico, con il passare del tempo, anche nella produzione di questi attrezzi, ma il loro servizio è sempre quello.

Questo, in poche parole, è parte di quanto scritto nella recensione.

Alimentazione

Come consueto, le basi di raffreddamento per PC portatili, hanno in dotazione un cavo USB, che può essere collegato al notebook.

Personalmente, la trovo una cosa illogica; se colleghi un'altra periferica al portatile, in questo caso la base raffreddante, che rimane in funzione tutto il tempo che è acceso il notebook, è un lavoro in più che il PC deve fare, ergo, questo aspetto contribuisce al surriscaldamento.

&9679; Quindi, preferisco usare una fonte di alimentazione esterna al notebook, usando la presa di corrente, dove al cavo USB ho collegato una semplice presa di quelle per ricaricare lo smartphone, che hanno l'uscita (output) di 5 Volt, proprio come le porte USB, e i 5 Volt servono per far funzionare la base di raffreddamento.

Non trovo sia un aspetto da poco, soprattutto se, come nel mio caso, il notebook è anzianotto, e cerco di farlo lavorare nel modo più agile possibile.

Cuscinetti idraulici

L'importanza dei cuscinetti idraulici, permette al perno di non entrare in contatto con il supporto di rotazione, questo aspetto influisce positivamente, non solo sulla durata del cuscinetto, bensì anche in termini di silenziosità.

I 23 dB di rumore, sono pienamente rispettati dalla Deepcool Multicore X8, è davvero particolarmente silenziosa, il che, non è poco.

La semplicità è il punto a favore

Prodotti come questo, sono semplici, ed eventuale illuminazione e luci a parte, non migliorano l'efficacia del supporto.
Si tratta di supporti che, quando realizzati per bene, durano a lungo, e sono efficaci nel loro lavoro.

In questa pagina del sito APH Networks, è presente un grafico che mostra le differenze di temperatura rilevate, con l'uso del supporto di raffreddamento, e senza.

Personalmente, con la base di raffreddamento PC portatile Deepcool Multicore X8, ottengo concreti risultati, la CPU lavora costantemente a 8, 9°C in meno, rispetto a non usarla.

Anche quando la CPU raggiunge un picco di 74°C circa, il calore viene dissipato molto rapidamente, rispetto a prima, dove la temperatura media era intorno ai 75°C.
Ora, si mantiene costantemente a una temperatura intorno ai 66°C.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho conosciuto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.
Invecchiando, ho scoperto che mi piace portare il cappello.