Amplificatore integrato impianto Hi Fi

🕐 7 minuti @ Condividi via Email
Aggiornato:
Amplificatore integrato impianto Hi-Fi
(Image by kleincrossi from Pixabay)

Amplificatore integrato impianto Hi Fi: svolge il ruolo di preamplificatore e amplificatore di potenza insieme, ci sono prodotti davvero validi.


Le offerte sul mercato

L'elevata qualità che il mercato è in grado di offrire, può definirsi eccellente, sia per i componenti separati (Pre+Finale), che per quelli integrati.
È una scelta precisa rispetto alle 2 unità, ma anche in questo caso la scelta di acquisto si deve basare su quello che si intende ottenere.

Amplificatore integrato: un solo componente

Nel caso di un componente integrato, all'interno dello stesso sono comunque presenti, ben distinte, le due sezioni: quella che si occupa di trattare il segnale audio prima di inviarlo a quella relativa al finale di potenza, che a sua volta deve dimostrarsi all'altezza di far cantare a dovere, gli altoparlanti.

La scelta di un integrato, invece che di componenti separati, può essere fatta in base alle soggettive esigenze e necessità, non ultime le disponibilità economiche.

Ma non solo: ci sono anche diverse scuole di pensiero, chi preferisce una sola unità, invece che due.

Oltre tutto, e al di là di ogni considerazione, la prova d'ascolto di un preciso componente dell'impianto Hi-Fi, è la valutazione oggettiva, per ciascuno.

Le diverse scuole di pensiero, quelle serie almeno, non sono dettate da manie, bensì da valutazioni oggettive ottenute durante l'ascolto.

Ed è anche normale, che ciascuno preferisca quello che pensa sia meglio, per il proprio impianto Hi-Fi, nel proprio ambiente di ascolto.

Ci sono amplificatori integrati, semplicemente spettacolari, che non hanno nulla da imparare dalle due unità Pre+Finale.

Questo ne è un esempio: Amplificatore integrato Mark Levinson No.5805 – La recensione – su afdigitale.it

Qualità della riproduzione audio

L'aspetto che risulta però fondamentale nell'acquisto di un amplificatore, è senza ombra di dubbio la qualità sonora che è in grado di esprimere.

Ed anche questa è altamente soggettiva: ciò che un orecchio percepisce, può essere percepito in modo differente da un altro.

Solo dopo avere ascoltato suonare un amplificatore, e avendo fatto prove comparative con altri prodotti, sarà possibile procedere all'acquisto che più soddisfa.

L'ambiente di ascolto

I negozi specializzati nella vendita di componenti audio, sono spesso allestiti con vere e proprie sale d'ascolto, dove permettere ai clienti di valutare la qualità di riproduzione sonora dei vari componenti.

Non di rado i venditori sono disposti a far provare al cliente il componente audio nelle proprie mura domestiche, nel proprio ambiente d'ascolto, mai dimenticare questo aspetto; anzi, è proprio quello da cui si deve partire quando si intende scegliere il componente audio in oggetto.

Ciò che può suonare bene in un ambiente, può suonare meno bene, quando non male, in un altro.

Un amplificatore non si può certo acquistare a scatola chiusa, come ogni altro componente audio del resto; il prodotto che intendi acquistare, lo devi conoscere, devi sapere che tipo di qualità di riproduzione sonora è in grado di offrire.

L'integrato, ha dalla sua il vantaggio di essere un unico componente, un pezzo solo, soprattutto per chi ha problemi di spazio, e comunque questo non significa affatto rinunciare alla qualità sonora di riproduzione.

I prezzi

Esistono prodotti di qualsiasi prezzo: abbiamo la possibilità di effettuare un buon acquisto, altamente selettivo e più consono al tuo budget, andando a comprare un amplificatore integrato in grado di soddisfare le tue esigenze.

In base a ciò che puoi spendere, effettua delle prove di ascolto, tra amplificatori della stessa fascia di prezzo.

Anche se ne esistono di qualsiasi prezzo, se si hanno limitate disponibilità economiche, meglio optare per un integrato: i componenti separati, per forza di cose, partono da un prezzo di base certamente maggiore.

Ha una certa versatilità, può essere qualitativamente molto apprezzabile, anche se si dispone di un budget limitato.

Senza contare che ci sono poi amplificatori integrati molto validi, e molto costosi, specificamente pensati e realizzati in un unico componente, senza rinunciare ad alte prestazioni qualitative, in quanto progettati diversamente dalle unità Pre+Finale.

Domande frequenti

Cosa significa amplificatore integrato?

Indica che si tratta di un componente unico, che svolge il ruolo di preamplificazione e fornisce la potenza ai diffusori; quando sono 2 unità separate, Pre+Finale, il Preamplificatore e l'amplificatore di potenza (finale) lavorano insieme ma sono 2 componenti separati, dove teoricamente le prestazioni sono sopra la media.

È meglio un amplificatore integrato o Pre+Finale?

Non esiste una ricetta migliore. Sono tante le variabili in gioco. A livello di prezzo base nei prodotti entry-level è superiore per le 2 unità separate, tuttavia ci sono anche integrati che costano cifre molto alte, e sono componenti audio di tutto rispetto.
Ogni progetto risponde a esigenze ben precise, e per scegliere serve valutare quali diffusori l'unità di amplificazione deve pilotare.
Non è da dimenticare nemmeno che in caso di Pre+Finale, i cavi di segnale sono di fatto parte integrante dell'accoppiata preamplificatore e finale di potenza, quindi il costo ha il suo perché.

Come scegliere un amplificatore integrato?

Devi valutare i diffusori che intendi comprare, o che già possiedi; amplificazione e casse sono un tutt'uno. Un buon amplificatore, che sia integrato invece che composto da 2 unità, deve essere in grado di far suonare al meglio le casse, e non è una questione di Watt, bensì di Ampere.
Esempio a spanne: se spendi 10 per i diffusori, per l'amplificatore dovrai spendere 30, affinché le casse possano suonare come si deve.
L'unità di amplificazione non può essere sottodimensionata rispetto ai diffusori, è l'amplificatore che deve pilotare e comandare il gioco.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho conosciuto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.
Invecchiando, ho scoperto che mi piace portare il cappello.