Ventilatore da pavimento

Ventilatore da tavolo o pavimento per favorire una circolazione ottimale di aria
(photo by Public Domain Pictures on Pixabay)

Ventilatore da pavimento come alternativa al climatizzatore: crea in modo importante una corretta circolazione di aria più fresca.


Ventilatore da pavimento come alternativa al condizionatore

Uno degli aspetti che penso più interessanti di un ventilatore da appoggio, senza colonna, definito anche da tavolo, sistemato sul pavimento, è quello relativo all'aria che è in grado di spostare, aspirandola dal basso vicino alle piastrelle e indirizzandola verso l'alto: questo può ridistribuire in modo omogeneo la temperatura, e l'aria nella stanza.

Circolazione dell'aria prodotta dal ventilatore

Dato che il calore si sposta verso l'alto, e ci possono essere differenze in termini di gradi della temperatura, nella zona superiore rispetto a quella inferiore, dove ci potrebbe essere qualche grado in meno.

Il fatto quindi che il ventilatore venga posizionato sul pavimento, con le ventole ovviamente inclinate verso l'alto di 30° circa, anche oltre, dipende dalle dimensioni della stanza, dovrebbe migliorare per quanto possibile la temperatura della stanza, nonostante il forte caldo umido.

Perché non è il caldo il problema ma l'umidità… (take a look)

Un ventilatore di questo tipo appoggiato sul pavimento, e un buon deumidificatore, potrebbero fare una bella differenza per migliorare la temperatura in casa, durante la stagione più calda.

Per quanto semplice possa sembrare il ventilatore ed il suo funzionamento, se è frutto di un ottimo progetto e realizzato bene, si rivela particolarmente efficace.

Qualità di progetto e costruzione del ventilatore

• Il diametro delle pale;

• la potenza controllata del motore;

• specifici supporti intorno alle ventole, in grado di veicolare meglio l'aria prodotta, e di raffreddarla parzialmente;

• la forza centrifuga generata dalla specifica conformazione delle pale;

• nonché l'impiego di specifici materiali;

sono alcuni parametri di un buon progetto per realizzare un ventilatore efficace.

Ecco perché i costi non possono sempre essere economici, quanto magari ti aspettavi.

Conviene ancora ricordare, che la rumorosità limitata dell'elettrodomestico in funzione, è importante, tutti immaginiamo perché; la silenziosità del ventilatore è un altro di quei fattori che fanno aumentare necessariamente i costi del prodotto.

Dietro l'assemblaggio di un buon dispositivo, ci sono pezzi progettati, realizzati e assemblati, seguendo criteri ben precisi.

I ventilatori possono essere una valida e concreta alternativa al climatizzatore

Per le più svariate ragioni, non tutti hanno la possibilità di utilizzare il climatizzatore per periodi di tempo prolungati.

Un valido deumidificatore, e un ventilatore da pavimento, possono diventare un'interessante accoppiata per combattere il caldo afoso, e mitigare in modo importante l'alta temperatura, per far tornare vivibili stanze e locali, che difficilmente lo sono se non si prendono contromisure.

Questo semplice rimedio, anche sufficientemente economico, tenendo conto del largo utilizzo che se ne fa durante la stagione calda, possono davvero rappresentare la soluzione ideale per mitigare la temperatura nel modo meno traumatico possibile.

A tutto vantaggio delle condizioni fisiche degli abitanti, perché temperature e umidità, quando si discostano troppo da quelle esterne, quando si esce di casa diventano un problema, e ovviamente non ci si può rinchiudere nelle proprie mura, perch&eacute il clima non è ideale.

Anche se ci sono ormai elettrodomestici come il condizionatore, per molte persone ormai irrinunciabile come il telecomando della televisione, ce ne sono altre che non lo reggono, per i motivi più diversi, legati comunque a problemi fisici, che anche se di lieve entità possono risultare fastidiosi, ergo non affatto piacevoli.

Nemmeno il caldo lo è: ma va affrontato con criterio e un po' di saggezza, senza ricreare un effetto congelatore ovunque.

 

Felice Amadeo - af1.it

Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho scoperto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.