Menu

af1.it

Scrivo sul mio blog

  | 

Come usare la lavatrice per ottimizzare i consumi

4 minuti
aggiornato il
Due lavatrici in una lavanderia self service: a conti fatti potresti anche risparmiare denaro, e tempo, utilizando le lavatrici nelle lavanderie self service, ci avevi mai pensato ? Anche se non sempre almeno in qualche occasione

Lavatrici di una lavanderia self service

Come utilizzare correttamente la lavatrice per ottimizzare i consumi, lavare bene e mantenerla efficiente ?!
Con attenzione e un pizzico di logica, come sempre.
Per ottenere buoni risultati nei lavaggi occorre mantenerla pulita, efficiente ed igienicamente corretta, vediamo come con semplici attenzioni.

Pulizia delle specifiche parti della lavatrice

Per mantenere efficiente la lavatrice ed eseguire lavaggi efficaci, cercando anche di ottimizzare i consumi, occorre un po' di attenzione e qualche semplice rimedio.

● Come prima cosa è importante mantenere pulito e asciutto il cestello quando si è terminato il lavaggio.

● Quindi quando si è terminato di lavare è bene togliere subito i panni umidi dal cestello e lasciare aperto l'oblò perché possa asciugare per bene con l'aria, magari lasciando anche la finestra del locale aperta per migliorare l'aerazione e l'asciugatura.

• L'umidità infatti forma immediatamente muffe e batteri responsabili anche di eventuali cattivi odori; per non arrivare a tanto occorre intervenire prima, quindi con una certa frequenza controllare a dovere.

Di tanto in tanto è bene eseguire una pulizia del cestello con un panno, acqua tiepida e succo di limone, o aceto, o acqua ossigenata, per eliminare la presenza di muffa e batteri, o meglio ancora per prevenirne la formazione.

● Controllare periodicamente i tubi e gli attacchi che siano sempre efficienti e non perdano acqua, oltre che assicurarsi non si formino residui calcarei sulle guarnizioni.

Quindi, periodicamente:

• a lavatrice spenta staccare la presa di corrente dalla rete elettrica;

• chiudere il rubinetto che manda acqua alla lavatrice;

• svitare il tubo dal raccordo e controllare che sulla guarnizione interna al tubo, e sul tubo stesso, non vi siano formazioni di calcare;

• mettendo il tubo in controluce e guardandoci attraverso, si può facilmente verificare se pulito per bene oppure no;

• collegare nuovamente e con attenzione il tubo alla lavatrice e al raccordo, posizionando con cura la guarnizione;

• aprire il rubinetto che manda acqua alla lavatrice e ricollegare la presa alla rete elettrica.

Mantenere periodicamente controllato il filtro e pulirlo sotto acqua corrente, affinché sia privo di eventuali residui dei lavaggi (detersivo, lanugine del tessuto, etc.).

• La pulizia va eseguita anche se il filtro è autopulente, o almeno eseguire il controllo per verificare concretamente che sia pulito e quindi efficiente.
Se lo smontaggio in questo caso fosse complesso, o non si hanno gli strumenti necessari in casa (cacciaviti, chiavi inglesi) trova una persona competente che lo possa fare.

● Per combattere il calcare si possono utilizzare semplici soluzioni come aceto, o succo di limone, che sono acidi quindi hanno il potere di sciogliere il calcare.

Sovente si leggono consigli che indicano di usare il bicarbonato di sodio, che però aggiunto all'acqua diventa basico (alcalino), quindi calcareo, e non adatto a sciogliere il calcare.

Eseguire correttamente i lavaggi

● Per ottenere i capi di bucato puliti e disinfettati, quindi igienicamente corretti, il lavaggio a 60° ottiene ottimi risultati.

Tuttavia è possibile eseguire lavaggi anche a temperature inferiori, meno dispendiose dal punto di vista energetico, ottenendo comunque ottimi risultati.

Ad esempio utilizzare, insieme al detersivo, una parte di candeggina, oppure acqua ossigenata (perossido di idrogeno, H2O2), o ancora percarbonato di sodio (1 cucchiaio), per lavaggi a temperature 30/40°C.

Non sovraccaricare mai di panni il cestello, indipendentemente dalla capacità in kg delle specifiche tecniche.

Dove la capacità ad esempio fosse di 5 kg, il volume di alcuni capi potrebbe essere comunque eccessivo anche se non vengono raggiunti i 5 kg di portata max.

Come se non bastasse, se il cestello risultasse troppo pieno non riuscirebbe bene a scuotere i panni per poterli lavare accuratamente, e oltretutto andrebbe ad affaticare il motore della lavatrice, aumentandone i consumi energetici ma diminuendo l'efficacia del lavaggio.

● Non conviene utilizzare a tutti i costi detersivi costosi che promettono risultati mirabolanti.

Ottimizzare i consumi della lavatrice

● Ottimizzare i consumi energetici prevede pochi ma semplici passi.

Se il tuo fornitore di corrente elettrica ed il contratto prevede fasce orarie in cui è possibile spendere meno, solitamente dopo le 19 e prima delle 8, puoi usare la lavatrice la sera; sempre ovviamente ad un orario ragionevole (entro le 22) per non disturbare i vicini di casa con il rumore.

● Dosare bene i carichi di panni nel cestello è un altro modo semplice ed efficace per ridurre i consumi, ottenere una pulizia energica e concreta, e mantenere più efficiente la lavatrice.

● Mantenere pulito il cestello come indicato sopra, controllare i tubi e raccordi, contribuisce a mantenere l'elettrodomestico in buone condizioni e durare più a lungo.

Anche se spesso non ci si pensa, o quasi ci si rifiuta di crederlo, con soluzioni semplici insieme al corretto uso di prodotti di quotidiano utilizzo, si riescono ad ottenere ottimi risultati, senza spendere cifre folli di prodotti che offrono risultati troppo belli per essere veri.

Talvolta, se dovesse risultare comodo, si potrebbe ricorrere a qualche lavanderia self-service per risparmiare tempo.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it dai il tuo contributo.
PayPal.me af1it

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi dare un contributo, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi