Piastra di cottura in alluminio pressofuso

Piastra di cottura in alluminio pressofuso: un modo molto interessante per cuocere il cibo
Piastra di cottura in alluminio pressofuso

Piastra di cottura in alluminio pressofuso: un modo sicuramente interessante e semplice di cuocere il cibo senza condimento aggiunto.


Cottura senza condimento

Le piastre in alluminio pressofuso possono offrire una cottura gustosa e semplice del cibo, che può essere cotto senza condimento alcuno; provvede poi il calore, ad usare quello prodotto dal cibo stesso.

Molto facile anche la pulizia con un pezzo di robusta carta assorbente da cucina, con la piastra ancora calda per non rovinare la superficie antiaderente.

Piastra di cottura in alluminio pressofuso: semplicità di utilizzo

Per una cottura del cibo semplice ed efficace, sono disponibili diverse opzioni:

1) bistecchiera;

2) griglia elettrica;

3) tegami;

4) forno;

5) barbecue;

e la la piastra in alluminio pressofuso con un rivestimento antiaderente della superficie, che rappresenta un ulteriore metodo, facile e veloce, per cuocere il cibo: carne, pesce, verdure, uova, piadine, etc.

Ottimo rapporto qualità/prezzo

Si tratta di un prodotto economico, efficace, e il rapporto qualità/prezzo è davvero interessante, dato il prolungato utilizzo di questa padella, se ben mantenuta.

Facile e veloce da usare e da pulire; anche perché la classica pulitura delle stoviglie con il detersivo, o la spugna abrasiva, andrebbe a rovinare e compromettere il rivestimento antiaderente della piastra, mettendola di fatto fuori uso; e non sarebbe più sano cucinare il cibo.

Facilità di pulizia

Il metodo più semplice e facile per la pulizia della superficie di cottura, è quello di prendere un pezzo di carta assorbente da cucina, e pulire, appena terminata la cottura del cibo.

Il pezzo di carta, meglio sia ripiegato 2 o 3 volte su sé stesso, oppure usato accartocciato, in modo da avere uno spessore più consistente e proteggere le mani dal calore, facendo sempre attenzione a non scottarsi.

Data la semplice cottura che viene eseguita, senza condimento alcuno, la pulizia sarà relativa solo ai residui acquosi del cibo cotto.

Una comune padella

Questa piastra, è fatta quasi come una padella, solo che il bordo è molto ridotto in altezza, non arriva nemmeno al centimetro.

Il fondo ha un discreto spessore (indicativamente 6, 7 mm), una robusta e comoda impugnatura, la piastra risulta rigida, resistente e facile da usare, il diametro varia all'incirca da 24 a oltre 30 cm per le misure standard.

MASTERCLASS CAST ALLUMINIO PAN 28cm Crespo per piano cottura ad induzione

guarda

Importante la caratteristica antiaderente della superficie.

Il rivestimento della superficie

Il rivestimento della superficie ha notevole importanza, eseguito per rendere la superficie antiaderente, e non permettere al cibo di attaccare, ed è oggetto di discussione per la potenziale nocività di alcuni materiali, quando sottoposti a calore.

Ci sono diverse tipologie, impiegati per rivestire la superficie antiaderente di piastre e padelle, destinate alla cottura del cibo.

Studi e test di laboratorio

Studi e test specifici, eseguiti in laboratorio da agenzie europee, EFSA (European Food Safety Authority, efsa.europa.eu), AFSSA (Agence Françle;aise de sécurité sanitaire des aliments), e statunitensi, FDA (Food and Drug Administration) che si occupano anche della sicurezza alimentare.

È importante che il materiale antiaderente della superficie delle padelle, sia sempre mantenuto nel migliore dei modi, evitando graffiature; peraltro non così facili, a meno che non si usino metodi aggressivi di pulizia.

Inoltre, se risulta graffiata la superficie, la piastra è da sostituire, in quanto perdere l'importante caratteristica antiaderente.

Titanio, teflon, ceramica, sono tra i materiali utilizzati per rivestire la superficie, e creare la capacità antiaderente.

Pro e contro

Trovo che nella piastra in alluminio pressofuso con superficie antiaderente, i pro siano più dei contro.

Pro:

1) La cottura non necessita di condimento, anche se è possibile quando si desidera, o quando serve, ungere poco la superficie, ad esempio con pochissimo olio, o burro.

2) Non è necessario, (anzi è controproducente), usare un calore eccessivo per riscaldare la piastra.

3) Quanto ben calda, mantiene bene il calore e riscalda il cibo in modo ottimale, sfruttando i liquidi presenti nel cibo.

4) La superficie antiaderente (da mantenere integra), permette di non far attaccare il cibo alla piastra durante la cottura, facilitandone la pulizia.

5) Il cibo viene cotto in modo semplice, è gustoso e digeribile.

6) Si utilizza semplicemente su qualsiasi piano di cottura:

a gas;

radiante;

alogeno;

a induzione.

7) La pulizia è semplice e veloce, con robusta carta assorbente da cucina, o un panno simile.

8) Il prezzo è economico, e il rapporto in qualità, è buono.

9) Se la manutenzione viene eseguita in modo corretto, la durata della piastra è pressoché infinita, o comunque per molti anni.

Contro:

1) La pulizia della superficie deve essere eseguita immediatamente dopo la cottura del cibo, per impedire che residui possano attaccarsi, raffreddandosi, e rendendo più difficile pulire, con il rischio di rovinare la copertura antiaderente.

2) Durante la pulizia, non si possono utilizzare spugne o supporti abrasivi, o detergenti perché la superficie si può rovinare (graffi, rigature), con il rischio sopracitato.

3) Non si possono usare utensili di ferro, o acciaio, o materiali che comunque possono graffiare la superficie, durante la cottura per muovere il cibo.

Come scegliere la piastra antiaderente

1) Il manico deve essere robusto, solido, adeguato al peso della piastra, per offrire una presa facile e sicura, soprattutto quando è calda.

2) Anche quando di dimensioni contenute, la robustezza della piastra deve dimostrarsi idonea, e il peso adeguato alle dimensioni.

3) Assicurati della buona fattura del prodotto, e del rivestimento antiaderente della superficie.

4) Il fondo deve avere ottimo spessore.

5) Sceglie la dimensione più idonea, in base al cibo che intendi cucinare; meglio abbondante, compatibilmente con il fornello.