Calorifero scaldasalviette: comodo, pratico

 🕢 4 min.
Calorifero scaldasalviette, comodo, pratico, salvaspazio
Calorifero

Calorifero scaldasalviette: salvaspazio, indicato nelle metrature limitate, comodo per mantenere asciutti canovacci di frequente utilizzo.


Il calorifero scaldasalviette unisce l'utile all'utile, oltre che riscaldare, permette di stendere i panni lavati e umidi da asciugare, o mantenere gli asciugamani asciutti quando acceso, e questo non è un particolare da poco.

Utilità e comodità

Sono disponibili sul mercato anche a prezzi contenuti, e come ogni buon termosifone (radiatore), dura una vita, e una volta installato ti ricordi che è in casa solo perché scalda.

Indicato ovviamente per la stanza da bagno, risulta anche un interessante elemento di arredo, anche grazie alle differenti colorazioni che permettono di esaltare l'intera stanza.

Nelle stagioni in cui il calorifero è spento, far asciugare i panni è spesso un'operazione facile e veloce, panni stesi al caldo sole d'estate asciugano in un attimo.

Gli asciugamani stesi in bagno quando il riscaldamento è spento, spesso diventano umidi in fretta, e vanno fatti sostituiti spesso, dato che non hanno tempo per asciugare come si deve, tra un utilizzo e il successivo.

Quando ci si lava le mani, una volta pulite le si asciuga, e l'acqua asciugata è pulita; tuttavia rimane a formare umidità nella spugna, che non è affatto piacevole.

Cambiare spesso accappatoio, salviette per il bagno e asciugamani, è sempre una corretta regola igienica, sia d'estate che d'inverno.

Quando è il periodo in cui il riscaldamento è acceso, il calorifero scaldasalviette rivela tutta la su utilità, asciuga i canovacci piuttosto velocemente, e così li mantiene, con tutti i vantaggi che ne conseguono.

Fermo restando che il lavaggio frequente di tutti i panni del bagno usati per asciugare è di fondamentale importanza, mantenere asciutto il panno per le mani, e il viso, è comodo, semplice e utile.

Materiali e design del calorifero scaldasalviette

Il calorifero stendino è realizzato con inserti tubolari, perpendicolari a 2 tubi verticali, di sezione circolare o quadrata, alcuni modelli hanno gli inserti orizzontali che presentano una leggera bombatura.

I materiali solitamente impiegati sono acciaio, alluminio, si tratta di un radiatore la cui estetica è fortemente legata alla funzionalità, dev'essere facile, comodo e veloce appendere i panni da asciugare, e canovacci in genere.

L'acciaio è più costoso, ed è anche quello che trova maggiore riscontro quando si desiderano estetiche particolari del radiatore, è comunque migliore dell'alluminio, in quanto mantiene meglio il calore.

Anche l'alluminio è comunque un buon materiale, come l'acciaio non può essere paragonato alla ghisa, in quanto a capacità di mantenere il caldo.

Perché i primi due sono materiali che sospendono rapidamente l'erogazione di calore, quando l'impianto di riscaldamento viene spento.

Divagando un attimo, può essere un aspetto confortevole in case dalla coibentazione eccellente, tuttavia anche se hai caloriferi in ghisa, potresti impostare la temperatura a 1, 2°C in meno, e spegnere prima il riscaldamento, per ottenere ottimo comfort, e migliorare la resa energetica.

L'estetica

Gli stili sono davvero molteplici, a struttura fissa, oppure con i diffusori di calore a ribalta per permettere di stendere meglio i panni, o ancora i tubolari che somigliano a quelli della struttura fissa, e che invece si aprono alternati, come due porte attigue quando si spalancano.

In questo modo, i tubolari si aprono verso l'esterno, permettendo un ampio spazio di lavoro dove stendere i panni, si possono aprire e chiudere alternativamente, o insieme.

La gamma di colori disponibili in diversi prodotti, permette di sbizzarrirsi nell'integrare lo stendino nell'arredo di casa, oltre al classico colore bianco, e spesso il cromato.

Nella stanza da bagno, la temperatura aumenta quando si usa l'acqua calda per la vasca da bagno o la doccia.

Questo dovrebbe compensare in ogni caso, la resa di calore inferiore rispetto al calorifero in ghisa, anche in case dove la coibentazione non è a ottimi livelli.

Se invece non hai intenzione di avere questo tipo di di calorifero, ma ti serve solo lo stendipanni da applicare al termofisone, si trovano quelli in alluminio e plastica in misure standard, estensibili in larghezza, da appendere ai caloriferi di casa, a prezzi decisamente abbordabili.

Leggi anche

Calorifero in acciaio
Calorifero in acciaio
Ha dalla sua una buona efficienza nel rapporto prezzo/calore erogato, e risulta un gradevole elemento di arredo.

Calorifero in ghisa
Calorifero in ghisa
Riesce a sviluppare una resa calorifica migliore rispetto ad altri materiali e mantiene a lungo il calore accumulato.

Mensole caloriferi
Mensole sopra i termosifoni
Tornano ad essere attuali nelle case di recente costruzione: in legno, o marmo, sono sempre utili.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho scoperto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.