Menu

af1.it

Uno che scrive

Calorifero in ghisa per migliorare la resa calorica

4 minuti
aggiornato il
Il calorifero in ghisa ha dalla sua sicuramente un migliore potere calorifico rispetto ad altri materiali più interessanti forse nella forma, tuttavia la ghisa ha grande capacità di trattenere a lungo il calore specialmente quando gli elementi sono piuttosto grandi

Calorifero in ghisa

Il calorifero in ghisa riesce a sviluppare una resa calorica migliore rispetto ad altri materiali.
In termini pratici infatti la ghisa permette di mantenere il calore molto più lungo rispetto ad altri materiali, con tutti i vantaggi che ne conseguono sul comfort abitativo ed il risparmio energetico.

Migliora il rendimento del potere calorifico con il calorifero in ghisa

Chi ha la fortuna di avere ancora nella propria casa caloriferi in ghisa difficilmente li vorrebbe sostituire con altri in materiale diverso, anche se esteticamente potrebbero risultare più accattivanti e potenzialmente inserirsi con facilità in ogni tipologia di arredo: ma conviene ?!

Il calorifero in ghisa fino qualche decennio fa era praticamente solo quello ad essere installato nelle abitazioni; chi non ricorda caloriferi in ghisa tassativamente bianchi ?!

Le proprietà della ghisa infatti, di accumulare calore e mantenerlo a lungo, anche una volta che l'impianto di riscaldamento è stato spento, fanno di questi caloriferi probabilmente il miglior componente radiante dove prevista questa tipologia di elemento riscaldante.

Addirittura è possibile verniciarli con smalti specifici, che supportano il calore (sono smalti realizzati specificamente per questo) e non rilasciano sostanza alcuna integrandosi in modo ottimale nelle abitazioni.

I caloriferi colorati possono essere un'interessante soluzione di arredo oltre che naturalmente componenti essenziali dove previsti dall'impianto, riescono realmente a diventare parte integrante degli arredamenti esaltandone i colori.

Altri materiali a confronto per il calorifero

Rispetto ad alluminio e acciaio, la ghisa presenta il vantaggio di mantenere molto più a lungo il calore.

L'alluminio, anche se riscalda velocemente, non irradia così bene come acciaio e ghisa, e disperde il calore piuttosto rapidamente.

L'acciaio ha la capacità di scaldare rapidamente ed emettere il calore su tutta la superficie, si raffredda più velocemente rispetto alla ghisa e costa circa il doppio rispetto agli altri materiali utilizzati per realizzare i caloriferi.

Quindi i caloriferi di ghisa sono, con tutta probabilità, la scelta migliore, quelli che offrono il miglior rapporto qualità/prezzo, e che sono in grado, cosa in assoluto più importante per un calorifero, hanno un'ottima capacità di mantenere e distribuire il calore in maniera ottimale, risultando anche gradevoli dal punto di vista estetico data la varietà di modelli e colori, altro aspetto particolarmente importante per migliore il comfort abitativo.

In quanto un elettrodomestico (il calorifero dipende dalla caldaia) non deve essere solamente funzionale (requisito basilare), bensì anche bello per migliorare l'arredo.

Avere una buona distribuzione del calore in casa dipende anche da altri fattori, come:

isolamento termico dell'edificio;

● altezza dei locali;

● resa dell'impianto di riscaldamento.

La ghisa comunque risulta ancora il materiale migliore per il calorifero, perché permette di avere gli ambienti ben riscaldati ed incidere positivamente sul risparmio energetico, dato che questi caloriferi riescono in una resa ottimale del calore molto interessante a livello di prestazioni.

Inoltre i caloriferi in ghisa hanno una durata davvero notevole mantenendo inalterate le capacità riscaldanti.

I vantaggi superano con facilità quelli che possono essere svantaggi, come il peso del calorifero che comunque una volta installato non presenta nessun tipo di problema.

Problema che può sorgere al momento dell'installazione che comunque deve sempre essere eseguita da parte di personale competente che certo non ha problemi nell'installare questo tipo di calorifero.

Design del calorifero in ghisa ? No problem …

Le mensole sopra il calorifero, una volta presenti in tutte le abitazioni o quasi, oggi non si vedono praticamente più in molte case, quelle di più recente costruzione, sebbene vi siano persone che le apprezzano e le trovano ancora utili.

Il fatto che oggi, nelle case di più recente generazione, ben coibentate, con serramenti di qualità e doppi vetri, con un occhio di riguardo al risparmio energetico (anche per obblighi di legge cui sono tenuti i costruttori proprio per risparmiare energia e inquinare meno), siano utilizzati ancora caloriferi di ghisa la dice lunga sul loro rendimento.

Senza dimenticare che anche l'estetica ovviamente ha il suo peso, soprattutto in componenti radianti come il calorifero, ce ne sono anche di dimensioni ragguardevoli con numerosi elementi come quelli utilizzati per riscaldare locali di grandi dimensioni.

Quindi non necessariamente solo bianchi, bensì anche colorati (rame, giallo, arancione, verde, blu, etc.), invece che grigio scuro che è proprio il colore della ghisa.

 

               

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!