Menu

af1.it

Uno che scrive

Come scegliere la bistecchiera elettrica: potenza e materiali

4 minuti
aggiornato il
Doppia piastra di cottura elettrica (superiore inferiore) per cuocere il cibo in modo semplice e leggero

Doppia piastra di cottura

Cucinare il cibo con la bistecchiera elettrica è facile, veloce e pulito: sceglila con attenzione.
Molti tipi di cibo e non solo carne; verdure, pane, panini esagerati, e con la verdura ci si può realmente sbizzarrire.
Sempre comoda e facile da usare quando si desidera preparare il cibo con questa modalità di cottura.

Bistecchiera elettrica: elettrodomestico semplice ed economico

Si tratta tutto sommato di un elettrodomestico efficace ed economico, sebbene sempre meglio spendere qualche € in più per avere un prodotto in grado di durare davvero per molto tempo, in tutta sicurezza, se mantenuto ben curato nella facile manutenzione.

Molto interessante la bistecchiera con apertura a libro, molto comoda in quanto dispone di 2 piani di cottura.

Oppure si trovano in commercio quelle con piano di cottura singolo e con coperchio (anche in vetro trasparente) o senza.
Del resto chi preferisce la cottura libera lascia il coperchio aperto.

Sebbene siano presenti sul mercato anche bistecchiere con dispositivo antifumo e anti-odore (teoricamente), non ne vedo la necessità onestamente.

● Il cibo ha un odore gradevole;

la cottura eseguita come si deve non fa fumo o comunque è molto limitato;

● è sempre meglio posizionare la bistecchiera elettrica su di un apposito supporto in prossimità della cappa di aspirazione di modo che possa aspirare semplicemente i fumi, oppure vicina alla finestra.

Potenza di esercizio e materiali della bistecchiera elettrica

La potenza è un fattore molto importante, non solo per quanto riguarda il consumo energetico, bensì anche per la tipologia di cottura che si viene a creare.

Maggiore potenza permette di raggiungere temperature più elevate in tempi più brevi, a fronte di un maggiore consumo energetico.

Non dovrebbe mancare il regolatore di temperatura che viene così mantenuta a quella desiderata.

Con maggiore potenza la cottura è sì più veloce, ma diversa rispetto ad una cottura lenta: cibi diversi, cotture diverse.

Ecco perché il regolatore di temperatura aiuta e non poco.

La potenza di 1800 Watt è piuttosto frequente per una bistecchiera elettrica, potenza che comunque indicativamente va da 1000 a 2000 Watt; anche oltre, ma occorre stabilire se conviene oppure no, se tanta potenza serve effettivamente.

Poi ovviamente è sempre consigliabile lasciar riscaldare la piastra prima di fa cuocere il cibo.
Quando è stata raggiunta la temperatura desiderata si può procedere con le diverse cotture dei diversi cibi.

Anche il materiale della piastra della bistecchiera è in grado di fare la differenza, in meglio quando di ottima qualità.

La ghisa risulta avere caratteristiche importanti e ottime per la cottura.
Si trovano anche altri materiali, antiaderenti, tuttavia occorre essere certi di cosa si va a comprare, affinché non possano rilasciare sostanze nocive quando riscaldano, il che può accadere con prodotti troppo economici per essere veri.

Ci sono piastre lisce o rigate, ovvero con le scanalature dove i grassi colano e finiscono nell'apposito vano di raccolta sotto la piastra.
Oltretutto lasciano al cibo il classico aspetto rigato molto accattivante.

Le dimensioni della piastra sono da tenere in considerazione in base alle esigenze di cottura, cioè alla quantità di cibo che mediamente si prepara.

Anche i materiali della bistecchiera, non solo della piastra, sono molto importanti.

La plastica, sebbene largamente utilizzata, non ha sicuramente la tenuta e la resistenza dell'alluminio o dell'acciaio inox, il metallo sicuramente reagisce meglio al calore, se la bistecchiera elettrica dovesse scaldarsi più del dovuto.

Ovviamente un elettrodomestico è realizzato per funzionare in sicurezza, ma non dimenticarti mai di controllare bene il prodotto, e ricordati anche che se troppo economico sicuramente è stata sacrificata parte della qualità.

Conviene spendere qualche decina di € in più per acquistare una bistecchiera elettrica affidabile, sicura, realizzata con materiali robusti e di qualità.

Altro aspetto importante è la facilità con la quale si possono smontare le varie parti (piastra, raccoglitore di grassi) e pulirle, una volta lasciate raffreddare e staccato la presa di alimentazione dalla corrente elettrica.

Il corretto utilizzo della bistecchiera elettrica

La scelta della bistecchiera elettrica avendo messo la giusta attenzione alla qualità dei materiali, si rivela senza dubbio azzeccata.

Sebbene il suo funzionamento sia piuttosto semplice, non significa affatto che la qualità e la sicurezza debbano essere sottovalutate.

Un elettrodomestico di cui ci si può fidare darà tante soddisfazioni negli anni a venire.

Come utilizzare il sicurezza la bistecchiera elettrica ?

● Posizionare la bistecchiera elettrica in un posto sicuro, stabile, possibilmente vicino alla cappa di aspirazione oppure alla finestra aperta.

● Posizionare il cavo elettrico sempre in modo da garantire sicurezza, che non possa nemmeno accidentalmente avvicinarsi alla piastra.

● Lasciare arrivare alla temperatura desiderata la piastra e poi cuocere il cibo.

● Assicurarsi sempre che la temperatura nella postazione di utilizzo non diventi mai troppo elevata.

La bistecchiera elettrica non permette ovviamente di cucinare solo bistecche, e carne in genere …

● bensì verdure (come zucchine, melanzane tagliate per lungo dopo averle preparate e liberate dell'acqua);

● ottimi panini con pomodori tagliati a fette, formaggi, etc.;

● bruschette.

La bistecchiera elettrica può concretamente essere un elettrodomestico molto utile, facile, veloce e sicuro da usare.

Si possono preparare piatti gustosi in modo semplice, veloce e salutare, è comoda e facile da pulire.

 

               

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.
Dona con PayPal