Menu

af1.it

Uno che scrive

WordPress 3.7 migliora sensibilmente la ricerca

4 minuti
aggiornato il
Il motore di ricerca di WordPress è sensibilmente migliorato dalla versione 3.7 a tal punto che i risultati sono molto soddisfacenti e non serve nessun plugin specifico per migliorare ulteriormente i risultati delle ricerche

Motore di ricerca

Dalla versione 3.7 di WordPress rilasciata il 24 Ottobre 2013 il motore di ricerca interno è migliorato notevolmente, a tal punto che un plugin specifico diventa superfluo.
La piattaforma CMS di WordPress è in continuo sviluppo, la versione 3.8 (Parker) ad esempio ha rivoluzionato letteralmente la grafica anche per quanto riguarda l'area di amministrazione (oltre ad aspetti legati alla sicurezza).

Come è migliorata la ricerca interna di WordPress a partire dalla versione 3.7

Una delle lacune era la ricerca, il motore di ricerca interno al CMS, fino alla versione 3.7; restituiva tantissimi risultati (con tanto di paging ovviamente, ne;;a grande maggioranza dei casi per via delle impostazioni del webmaster) moltissimi non attinenti, si trattava di una ricerca piuttosto ampia, (brutale), che riportava qualunque articolo che all'interno del database contenesse anche una sola delle keywords della ricerca.

Dalla versione 3.7 (Basie) la musica è letteralmente cambiata.
Il motore di ricerca è migliorato tantissimo, evidentemente gli sviluppatori di WordPress hanno deciso di renderlo all'altezza della situazione del CMS.
In effetti mancava, un CMS così potente, versatile, con un motore di ricerca di default troppo approssimativo.
C'erano, e ci sono, comunque ottimi plugin che risolvevano il problema, con tanto di suggest research con AJAX.

Personalmente ora non li ritengo più necessari perché il risultato delle ricerche è soddisfacente, preciso nell'attinenza e limitato nella quantità a tutto vantaggio del risultato della qualità della ricerca eseguita, sia con una sola keywords specifica (non generica nel database) o più d'una, sia anche con le keyphrases.

Davvero interessante, tanto che non ritengo più necessario l'uso dei plugin per la ricerca, e quindi è un plugin in meno installato lasciando il sito complessivamente più leggero, sebbene ce ne siano di ottimi e piuttosto snelli che forniscono buoni risultati senza appesantire il CMS.
Si può verificare tranquillamente sul proprio sito cosa accade quando si esegue una ricerca quali sono, e come sono, i risultati.

Una parola chiave specifica, più d'una, una frase; ed è il risultato che parla, se non lo si ritiene soddisfacente per il proprio sito (ogni sito fa storia a sé) si può sempre ricorrere ad un buon plugin.
Tuttavia credo non sia necessario.
Chi gestisce un sito e scrive gli articoli, li conosce bene, quindi a quanto si vede facendo una ricerca, questa viene eseguita sulla rilevanza delle parole chiave, in questo modo, sia all'interno del titolo che del contenuto:

● ogni parola chiave;

● tutte le parole chiave insieme;

● l'intera keyphrase.

Come ovvio che sia, meno selettiva è la ricerca (esempio con una sola keyword “generica”) meno precisi anche i risultati, e ne vengono mostrati di più.
Invece quando la ricerca è precisa (più parole chiave od una frase) i risultati raggiungono un buono / ottimo livello di precisione, selezionando solo gli articoli pertinenti.

Del resto in qualunque motore di ricerca, più generiche sono le keywords, meno precisi saranno i risultati, è una cosa palese.
La cosa importante è che, quando si esegue una ricerca piuttosto precisa, i risultati lo siano altrettanto, ed WordPress questa lacuna l'ha colmata, e certamente va incontro alle aspettative che un CMS coì bello ed utilizzato deve offrire.

Moderato uso dei plugin

Un buon motore di ricerca interno al sito può contribuire a far rimanere gli utenti, come ho avuto modo di scrivere nell'articolo dedicato al box della ricerca nel sito web, se i risultati della ricerca sono buoni l'utente può essere soddisfatto trovando quanto cerca.
Ovviamente la versione 3.7 ha rinnovato anche altre caratteristiche, del resto ogni aggiornamento cerca di migliorare sicurezza e gestione; l'aggiornamento in automatico (per i blog che lo permettono) è un aspetto interessante.

Gli aggiornamenti automatici dalla versione 3.7 in poi vengono eseguiti sui file del core (del nocciolo, il nucleo di WordPress), sui plugin, i temi, ed i file di traduzione della lingua.
Alla pagina di supporto di WordPress si trovano tutte le spiegazioni dettagliate: configurare gli aggiornamenti automatici.
Tuttavia, per chi non desidera che l'update sia automatico per avere un maggiore controllo sul CMS, lo può disabilitare, seguendo le chiare istruzioni nella pagina al link.

Il miglioramento apportato alla ricerca interna è sicuramente qualcosa che tanti aspettavano, personalmente come ho scritto sopra ho smesso di utilizzare uno dei plugin specifici, molto belli e precisi, perché obiettivamente tendo ad utilizzare i plugin, in generale, se sono strettamente necessari, per non appesantire il CMS e cercare di rendere il sito il più veloce possibile.
Ogni plugin del resto ha il suo peso, e quasi quasi WordPress non ha bisogno di nessuno, o meglio: il grande Akismet è inserito, non a caso, di default di modo che i commenti spam possano essere facilmente debellati, e sostanzialmente il CMS è completo di suo.
Preferisco quando possibile utilizzare il file functions.php per alleggerire il carico del CMS, compatibilmente con i risultati che ottengo.

 

               

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!