Pagina successiva o scrollbar: senza dubbio scrollbar

Bella fotografia di soggetto con un libro aperto appoggiato sulle gambe: quando le pagine successive su internet sono fatte solo ed esclusivamente per piazzare più pubblicità non mi piace
Pagine successive… (photo by Josh Applegate on Unsplash)

Pagina successiva o scrollbar: è sicuramente preferibile lo scorrimento verticale che evita di creare tante pagine spesso inutili.


Le pagine successive le trovo irritanti.
Soprattutto se sono così corte, da non andare oltre lo schermo del dispositivo.
Ancora peggio se contengono poche informazioni, quanto cerco da un sito, e pubblicità.
La pubblicità la ospito anch'io, ma creare pagine così corte, un'intera pagina “above the fold” solo per avere pagine in più dove poter inserire altra pubblicità, non mi piace.

Tante pagine quando ne basterebbe solo una

Prendi un articolo di discreta lunghezza, ci si augura con un buon contenuto, diviso in 4 paragrafi.
Che da soli potrebbero riempire lo schermo del PC.

4 paragrafi che potenzialmente possono risultare 4 pagine, invece che una sola con 4 paragrafi.

Ne consegue che la pubblicità invece che essere presente su di una pagina sola che contiene un articolo composto da 4 paragrafi, trovi 4 pagine che ospitano 4 volte la pubblicità.

Di un solo articolo, si fanno 4 pagine, quindi 3 in più, dove avere spazi pubblicitari.

Puoi comunque avere, come in questo sito, più inserti pubblicitari, in una sola pagina.

E poi per il sito, invece che avere tot pagine, ne ha tot+3.

Si sarebbe dovuto pubblicare un solo articolo con 4 paragrafi, quindi una sola pagina.

Invece, 1+3=4, quindi 3 pagine in più, avendo suddiviso un articolo/4, dalla pagina 1 alla pagina 3 sarà presente l'insopportabile tasto (o link testuale) che recita: pagina successiva.

Suddividere l'articolo in più pagine: perché?

Suddividere in più pagine del testo, dello stesso articolo soprattutto, dovrebbe avere un motivo ben preciso; dei corsi on line, dei tutorial, delle guide, banking on line, il catalogo di un sito e-commerce, etc.

Ma dove il contenuto di ogni pagina, trova logica giustificazione per essere diviso dalle altre pagine, perché altrimenti si crea confusione, almeno per quanto mi riguarda.

Se invece il contenuto di un unico articolo, viene diviso in più pagine, i conti non mi tornano.

Ma perché mai? Lo scorrimento verticale delle pagine è prassi acquisita, soprattutto dai dispositivi mobili, che non potrebbero usare internet, diversamente.

La scrollbar, la barra di scorrimento verticale, esiste per questo: per essere usato.

L'utente talvolta, esige di vedere la fine della pagina, ancor prima di cominciare a leggerla.

Vuole avere il controllo della situazione, sapere se ha trovato quello che cerca, e vedere l'articolo per intero: poi decide se leggerlo oppure no, tutto o solo una parte, ma questa decisione spetta soltanto all'utente.

Voglio vedere la fine dell'articolo

Non vedere la fine di una pagina, è tanto irritante quanto tentare di leggere un articolo suddiviso in più e più pagine.

Mi è capitato di voler cliccare il link del Centro assistenza di un sito, in fondo alla pagina, ma continuavano a comparire nuovi commenti, ogni volta che ci arrivavo quasi, ogni volta che il footer della pagina sembrava avvicinarsi, ecco che si allontanava di nuovo.

Alla faccia dell'usabilità.

Diversi siti adottano questo fastidioso stratagemma, è frustrante che il sito vada a compiere azioni non richieste.

Un paradosso, una pagina con poche informazioni; un altro, una pagina che letteralmente non finisce mai.

Perché creare tante pagine quando ne basterebbe solo una? Perché creare una sola pagina, dove non si vede la fine? A Cosa serve?

Logica, buon senso, correttezza nei confronti dell'utente.

Quale soluzione adottare

Le pagine successive, trovano logica e utile collocazione in diverse tipologie di siti web.

Mentre stai visionando i movimenti sulla home banking, oppure mentre stai scegliendo un prodotto dal catalogo di un sito e-commerce che li ha suddivisi con la paginazione, per dare modo di vedere tutti gli articoli presenti, e disponibili, prima di procedere con l'acquisto.

Ovviamente ci sono situazioni in cui “pagina successiva” ha logico motivo di essere; ma se non c'è, si cade nell'errore.

Secondo l'argomento specifico trattato dall'articolo, e le eventuali opzioni a disposizione nella pagina, quando serve compiere procedure ben precise: eseguire una disposizione nella banca on line, oppure procedere all'acquisto e pagare con carta di credito, etc.

In queste operazioni, l'utente deve necessariamente avere a disposizione l'intera pagina, per visionare tutte le informazioni presenti, prima di eseguire operazioni, che se sbagliate, potrebbero creare problemi.

Sito da leggere

Se il sito è da leggere, la scroll bar entra in gioco con tutta la sua versatilità, e le pagine successive ben difficilmente trovano logico e valido impiego.

Lo scorrimento delle pagine può anche essere in orizzontale.

Sul sito qodeinteractive․com trovi questo esempio che mostra diversi siti di questo tipo: 17 Stunning Examples of Sites with Horizontal Scrolling.

In questo caso, torna utile lo scroller orizzontale del mouse.

A meno che vengano inseriti un elevato numero di commenti, a tal punto che torna comodo dividerli in più pagine, per non appesantire eccessivamente una sola con centinaia o migliaia di risposte.

Non temere la lunghezza delle pagine

Un articolo che tratta anche di argomenti complessi, che vanno necessariamente approfonditi, quindi sviluppa pagine lunghe, nessun problema; esistono i link interni alla pagina, quelli che oltre l'URL hanno il cancelletto (#) seguito da una definizione, esempio: Indice contenuti.

Con i link interni alla pagina, puoi inserire il riassunto dei titoli, con relativi link, che puntano a ogni paragrafo, soluzione intelligente e comoda.

Mi chiedo se togliere parte dell'usabilità a un sito, esempio con una pagina che non finisce mai perché al suo scorrere e prossima alla fine inizia ad apparire materiale e poi altro ancora, possa essere penalizzante per i motori, oppure se un sito con migliaia, milioni di utenze può fare ciò che vuole punto e basta.

Scroll infinito

Alcuni siti invece, hanno nelle loro pagine degli archivi, gli articoli che si caricano automaticamente facendo scorrere la pagina: però dopo un certo numero di post visualizzati, appare il pulsante, che chiede, vedi altro, e in questo modo almeno ogni tanto ti fermi, per capire dove sei.

L'infinite scroll invece, non da questa possibilità, e più che un virtuosismo tecnico a livello di programmazione, non vedo altra utilità.

Mostra le pagine per intero: evita la pagina successiva.
Io non la uso nemmeno nelle categorie.

In quelle con un certo numero di articoli, ho messo una sitemap specifica per ogni categoria, in modo da rendere semplice trovare quanto si cerca.

Non dimenticare il browser

Nei browser ci sono tante funzioni utili.

Disgressione: sono convinto che con un'adeguata informazione relativa all'uso dei browser, si sarebbe potuto evitare l'obbligo di esporre gli orrendi banneroni che recitano l'uso dei cookie su ogni sito.
I cookie, sono totalmente gestibili dal browser.

Menu ⋮ Trova nella pagina (su desktop) o Trova (sui dispositivi mobili)

La funzione Trova nella pagina, disponibile nei browser, non è stata messa lì per caso; specialmente per quanto riguarda i dispositivi mobili, i più usati su internet, che senza lo scorrimento verticale delle pagine, andrebbero reinventati.