Accessibilità sito web

🕐 7 minuti @ Condividi via Email
Aggiornato:
Accessibilità sito web
(Image by Gerd Altmann from Pixabay)

Accessibilità sito web: deve permettere una facile navigazione per utenti con esigenze e dispositivi significativamente diversi.


Gli utenti in età più avanzata quando sono su internet hanno la percezione più lenta rispetto a persone sensibilmente più giovani.

Le persone ipovedenti, non vedenti, daltoniche, o con diverse esigenze motorie, sebbene possano essere aiutati dai software, dovrebbero trovare siti web accessibili, e facili da navigare.

Ecco perché è importante l'aspetto dell'accessitilità, perché sia semplice, intuitivo e facile da consultare, per chiunque.

Comportamento degli utenti sul web

L'obiettivo principale di ogni proprietario di un dominio web, dovrebbe essere quello di rendere il proprio sito web usabile, facilmente accessibile per chiunque; il più possibile almeno.

Le nuove generazioni, quelle cresciute insieme alla tecnologia, con i tablet a portata di mano, che usano il notebook da quando erano piccoli, che hanno massima confidenza con i gli smart(i)phone, sono molto più avvantaggiati nel comprendere in breve tempo, come si svolge la navigazione, in un sito.

Avvantaggiati rispetto a persone più vecchie di loro, come me, che sono diventate adulte senza il PC, che facevano i conti con foglio e matita. Quando da adulti si inizia a imparare qualcosa daccapo, è più difficile che farlo da piccoli.

Poi ci sono persone con diverse esigenze, come sopra citato.

Ecco perché rendere i siti web semplici e intuitivi facilita chiunque, nell'utilizzare il web e renderlo davvero accessibile.

Indicazioni semplici e chiare. A partire dalla formattazione del testo, che si deve leggere con facilità, il sito dev'essere intuitivo nella navigazione, per arrivare a distinguere i link senza doversi chiedere se sia un collegamento ad un'altra pagina, oppure no.

Un semplice campo di ricerca

Non trovare in un sito quello che si cerca, è frustrante, ed è questo che prova l'utente quando non trova quanto cerca.

E non è giusto, semplicemente perché chi ha progettato il sito, seppur in buona fede, non ha tenuto conto anche delle sue esigenze, e avrebbe dovuto.

Ad esempio, inserire nel menu presente in ogni pagina, un semplice campo di ricerca, facilita molto le cose, in modo facile e veloce.

La frustrazione che si prova quando si è collegati a un sito, e non si trova ciò che si cerca, è ancora più sgradevole quando si è certi, o si deve per forza di cose presumere, che ciò che si cerca ci sia, ci debba essere, ma non si riesce a trovarlo.

A me è capitato sul sito dell'INPS: in un'occasione dovevo per forza trovare una specifica pagina, e quasi per caso l'ho trovata; in un'altra occasione mi serviva di sapere determinate informazioni, e dopo ricerche inutili ho lasciato perdere.

Ho fatto una ricerca su Google, della pagina INPS che mi interessava, e l'ho trovata li, invece che sul motore di ricerca interno del sito.

Un paradosso.

In un'altra occasione, sempre sul sito INPS non riuscivo a distinguere i link sebbene fossero in una sidebar alla sinistra della pagina, non erano evidenziati in nessun modo, sembravano immagini.

Il layout

Una chiara, semplice e netta distinzione tra i link e il resto del testo, è importante.

Anche la navigazione di un sito web dovrebbe essere intuitiva, semplice, guidare l'utente senza che debba cercare dov'è questo o quello.

A maggior ragione nei siti di e-commerce, dove vengono richiesti dati anagrafici, codici numerici come quello della carta di credito, codice fiscale, etc.

Il form

Sviluppare un form dovrebbe prendere un po' di tempo in più a chi realizza il sito, per creare moduli chiari e con grandezza dei caratteri adeguata; anche chi non ha alcun deficit visivo, apprezza comunque un sito più chiaro, rispetto a uno in cui deve fissare con attenzione i caratteri, per il timore di commettere un errore.

Si vedono form che fanno letteralmente paura; eppure i CSS offrono la possibilità di stilizzare anche i form, i campi, le textarea, i pulsanti, etc.

Semplificare quanto più possibile l'inserimento dei dati ove richiesti, partendo anche da un aspetto gradevole, e soprattutto chiaro, delle select, quei campi con menu a discesa, sovente troppo strette e con caratteri piccoli.

Anche nei pulsanti, è possibile far comparire caratteri della giusta dimensione, colore scuro su sfondo chiaro.

Nel form delle zone climatiche dei comuni italiani, ho cercato di fare questo.

Un form dovrebbe semplificare le cose

Per quanto riguarda tutte quelle informazioni che si possono ottenere grazie a un primo dato inserito, è conveniente semplificare il lavoro all'utente, esempio: regione, provincia e città.

Grazie alla prima informazione selezionata, cioè “regione”, si possono elencare le provincie di pertinenza, quando selezionata anche la provincia, le città, etc.

Laddove in un form sia possibile inserire dati senza che l&E;utente li debba scrivere, come luogo e data di nascita, gli si rende più gradevole compilare i dati, e si riduce il margine di errore degli stessi dati inseriti.

Configurare un buon layout per un form, è un lavoro che dovrebbe richiedere attenzione da parte del programmatore, al fine di ottenere un buon risultato.

Inoltre, decidere come gestire eventuali errori: evitare che il form cancelli totalmente i dati inseriti. Una buona gestione dei cookie, e un salvataggio temporaneo dei dati inseriti nella sessione, evitano di far ripetere all'utente quanto già inserito.

Rendere un sito accattivante, con un buon layout, incentiva l'entusiasmo dell'utente; questo almeno è quello che provo io, quando su di un sito mi trovo bene.

Con un po' di misura, non dimenticarti mai la semplicità, e soprattutto mai eccedere; immagini animate, flash, testo lampeggiante, etc.: il sito così diventerebbe una sorta di incubo.

Form UX: How to Design a User-Friendly Form; in questa pagina sono presenti esempi su come realizzare un form accessibile.

Accessibilità sito web: la progettazione

Quando si progetta un sito web, che lo si faccia da soli o si incarichi una persona specializzata, o si acquista un template, o si utilizza un CMS (Content Management System) come WordPress, che mette a disposizione una scelta davvero molto ampia di temi, usabili, accessibili, leggeri.

Io mi sono sempre trovato bene con WP, ma ci sono altri ottimi esempi: Drupal, TYPO3, Joomla, etc.

Accessibilità sito web e usabilità, sono parametri importanti, da tenere in considerazione.

Non a caso molti dei temi disponibili per i CMS, sono realizzati in modo da avere un layout molto semplice, con un menù di navigazione intuitivo, un box della ricerca sempre posizionato in modo comodo, dimensioni adeguate dei caratteri, compatibili, e adattabili con dispositivi dai display molto diversi.

Un sito accessibile è usabile da chiunque

Un sito accessibile può essere consultato facilmente, anche per quanto riguarda le dimensioni della pagina, quando si ingrandisce lo zoom anche in modo corposo, il layout deve rimanere ordinato, se invece si scompone e la pagina non si vede più nel corretto ordine, occorre portare delle correzioni.

• Se lo schermo è monocromatico, occorre pensare che comunque, tutto quanto (testo, menù di navigazione, immagini, link) sia ben visibile.

Anche il validatore W3C (World Wide Web Consortium) offre ottime indicazioni per correggere gli eventuali errori presenti in una pagina, e migliorarne l'accessibilità.

La progettazione di un sito web dovrebbe tenere conto degli aspetti che possano permettere a tante persone, con diverse esigenze, di navigare con facilità.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho conosciuto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.
Invecchiando, ho scoperto che mi piace portare il cappello.