Rent to buy: comprare casa in modo graduale

Rent to buy: comprare casa in modo graduale
Rent to buy (Photo by Tierra Mallorca on Unsplash)

Rent to buy: metodologia per comprare casa in modo graduale per l'acquirente che presenta vantaggi rispetto alla compravendita tradizionale.


La formula rent to buy

La formula di compravendita chiamata Rent to buy, è state introdotta in Italia dal consulente immobiliare Andrea Russo nel 2009, fondando la società di consulenza Rent to buy consulting.

La metodologia di compravendita

Questa metodologia di vendita, già presente da tempo in paesi anglofoni, come scrive lui stesso sul suo sito: guarda.

Questo tipo di contratto, prepara il cliente, ed il venditore, alla compravendita dell'immobile che vedrà preliminare prima, e rogito notarile poi, con clausole ben definite e mutuo erogato dalla banca, dopo il periodo di tempo in affitto concordato e prestabilito.

Il rogito alla vendita

Il rogito ovviamente viene eseguito alla vendita.

Esempio:

1) Prezzo di acquisto bloccato per tot anni (3 o 5 max) e preliminare dal notaio;

2) un acconto iniziale (anche del 5 o 6% rispetto al prezzo stipulato);

3) rata di affitto mensile; superiore alla media degli affitti, con una parte a fondo perduto che paga l'affitto, un'altra parte che viene accantonata e detratta dall'importo del prezzo bloccato dell'immobile;

4) Dopo il periodo di tot anni (3 o 5), viene erogato il mutuo per la parte restante da pagare, circa l'80% del prezzo.

Un accordo personalizzato per ambo le parti

Ogni accordo, è pensato per la specifica esigenza, ed il ruolo svolto dal consulente finanziario, e dalla società che rappresenta, è fondamentale, in quanto dovrà seguire tutta la prassi fino al rogito che sigla la compravendita definitiva.

Questo contratto, è certamente indicato per persone che hanno un buon reddito, ma ancora non riescono ad ottenere il mutuo; non subito almeno.

Gli anni in cui il compratore è in locazione, servono sostanzialmente, grazie al lavoro del consulente finanziario, a dare credibilità al compratore stesso, presso la banca che poi erogherà il mutuo.

Le spese di consulenza

Oltre il prezzo per l'acquisto dell'immobile, è da tenere in considerazione quello relativo al lavoro di consulenza, il cui compito è quello di far ottenere il mutuo al cliente, dopo il periodo concordato, e far vendere casa al venditore.

L'intervento notarile, mette le due parti, acquirente e venditore, davanti alle proprie responsabilità, in caso di eventuali inadempimenti, e clausole non rispettate, in modo da proteggere chi ha rispettato il proprio impegno, e non è venuto meno a quanto stipulato.

A cosa serve il lavoro del consulente finanziario

Tutto questo serve a rendere più facile la concessione del mutuo, costruendo, per così dire, una credibilità economica dell'acquirente, la cui banca erogatrice potrà concedere il mutuo con maggiore garanzia, ed il prezzo del mutuo potrebbe essere più abbordabile per il mutuatario.

L'investimento comincia dai soldi pagati per l'affitto

Il locatario e futuro compratore, inizia ad investire i suoi soldi appena inizia il contratto di affitto, parte del denaro sarà detratta dal prezzo bloccato, al momento della stipula del contratto, dell'immobile.

Il venditore ha, non la garanzia, ma concrete possibilità di portare a termine la vendita dell'immobile.

La tutela del venditore

Nel caso il locatario dovesse rinunciare all'acquisto, i soldi dell'affitto non verrebbero più né detratti, né ovviamente restituiti; in questo caso il locatore avrebbe ricevuto un ottimo affitto dell'immobile negli anni in cui il locatario vi è rimasto.

Considerazioni

Qualsiasi formula di compravendita, per qualsiasi immobile si vada a sottoscrivere, è necessario avere, per ambo le parti, nero su bianco, tutto scritto con le dovute clausole di modo che si sia protetti in caso di inadempienze, o fallimento di eventuale impresa.

Occorre stabilire preventivamente, che l'immobile non sia gravato da ipoteca al momento della sottoscrizione dei contratti (locazione e futuro acquisto), e avere opportuni strumenti assicurativi, stipulati per proteggersi nel caso dovessero sorgere problemi.

Una compravendita che può soddisfare cliente e venditore

Questa metodologia di compravendita, “non è un favore”, nessuno fa nulla per nulla, e se un venditore decide di adottare tale formula, è perché impossibilitato a vendere subito l'immobile.

Se il compratore decide per il rent to buy, è perché il mutuo non gli è concesso, non ancora almeno.

Da pretendere da ambo le parti massima trasparenza e garanzie scritte.