Organizzare il trasloco: impresa o fai da te?

 🕢 7 min.
Bicicletta colma di bagagli: un modo decisamente interessante e originale per traslocare, per pochi bagagli si può anche fare, ma organizzare il trasloco è fondamentale
(photo by Stefano Ferrario on Pixabay)

Per organizzare il trasloco è necessario muoversi in anticipo sulla data dello stesso per facilitare il lavoro.


I fattori principali sono due: il prezzo che deve essere compatibile con il servizio richiesto e le proprie disponibilità economiche, e l'affidabilità dell'impresa di traslochi.

Organizzare il trasloco per tempo

Ogni volta che si trasloca, si ricomincia daccapo, per molti aspetti. C'è chi si augura che il trasloco che esegue sia l'ultimo, anche quando è il primo, e chi invece non vede nessun problema nel fatto di traslocare per tutta una serie di motivi, che possono andare dalla disponibilità economica, al piacere di cambiare residenza, etc.

Per chi il trasloco lo fa per necessità, occorre valutare il miglior servizio disponibile al miglior prezzo. Missione impossibile? Assolutamente no, serve un po' di tempo, pazienza, e buona volontà.

Il lavoro di smontaggio, trasporto e rimontaggio dei mobili, cucina, sala, supporti vari, specchi a parete, etc. ovviamente è compito dell'impresa, se non se ne avessi la necessità non sarebbe necessario chiamare nessuno, in quanto in grado di eseguire il lavoro da soli.

Prepara quanto puoi per l'impresa

• Sei nella condizione di contribuire in qualche misura al lavoro?

Se sei in grado di preparare tutto ciò che è di modeste dimensioni, in scatole e valigie, come suppellettili, vestiti, quadri, etc. può rappresentare un buon risparmio sul prezzo, in quanto l'azienda di traslochi deve movimentare la merce, caricarla sul camion, ed eseguire l'operazione opposta quando trasloca il tutto nella nuova abitazione.

È un buon risparmio di tempo e denaro: le imprese di traslochi impiegano meno tempo a smontare i mobili e caricarli, invece che riempire le scatole con relativo imballaggio per tutta la mercanzia di casa, chincaglieria varia, piccoli oggetti, etc.

• Hai la possibilità di iniziare a trasportare gli oggetti che riescono a stare nell'automobile?

Come il televisore, l'impianto stereo, l'acquario (ebbene sì), le scatole con le vettovaglie delicate (piatti, bicchieri, tazzine, etc.).

Tutto ciò che è fragile, rappresenta un costo in più, in quanto l'impresa di traslochi ha merce delicata da trasportare. Più la merce è delicata, più il costo aumenta.

Portati avanti con il lavoro

Nel limite del possibile, più lavoro riesce a fare il proprietario di casa, più risparmio può avere sul prezzo del trasloco. Se puoi lasciare all'impresa il solo, ed immane, lavoro del trasloco di mobili completamente vuoti, il risparmio sulla spesa è buono.

Chi ha maggiori disponibilità economiche, può acquistare un servizio all inclusive; l'unica fatica da fare è consegnare le chiavi di casa del luogo da traslocare all'impresa, e quelle del nuovo appartamento.

Può pensare a tutto l'azienda di traslochi; svuotamento mobili, vestiti, imballaggio suppellettili vari, proprio tutto, un servizio completo.

Sono necessari diversi preventivi

Occorre rivolgersi a diverse imprese, per valutare la migliore offerta, in base al servizio richiesto.

Il preventivo è gratuito; nessuno pagherebbe per avere solo il preventivo.

Dev'essere scritto, e dettagliato, per non avere sorprese spiacevoli, né per il cliente, né per l'azienda.

Se il preventivo è stilato per un certo carico prestabilito tra le parti, non è possibile aggiungerne altro pretendendo che sia gratuito. Per questo, è bene fare un preventivo preciso.

• Ogni impresa di traslochi seria, dispone di copertura assicurativa per la merce trasportata, quindi bene essere certi che ci sia, altrimenti in caso di eventuale incidente, cosa che potrebbe capitare, poiché nessuno è perfetto, sarebbe arduo farsi ripagare della merce danneggiata.

• In caso di movimentazione merce sul suolo comunale (palazzi in città, case che si affacciano su strade comunali, etc.) occorre avere il permesso temporaneo di sosta per occupazione del suolo pubblico, operazione a cui deve ovviamente provvedere l'impresa di traslochi per offrire il servizio.

Il canone si aggira indicativamente dagli 0,30 ad 1 € per metro quadro o lineare (tariffa giornaliera), che dipende anche ovviamente dalla vicinanza di circonvallazioni, luoghi di pubblico accesso, etc.

Preventivo preciso

Nel preventivo deve essere incluso tutto, in quanto quando l'incaricato dell'azienda di traslochi che viene a visionare l'appartamento da traslocare, prende nota di tutte quelle che sono le situazioni da adottare.

Piattaforme aeree, camion o furgone, occupazione di suolo pubblico invece che interno ad eventuale cortile, rispettando le regole condominiali in modo da non impedire il totale accesso ed uscita, etc.

Anche la distanza, quindi il trasporto, ha un costo, più lungo è il tragitto e più il costo è destinato ad aumentare, sebbene ciò che incide sulla spesa, è la quantità di mobili, e specialmente gli oggetti delicati, fragili, che devono essere imballati con cura, ed altrettanta per trasportarli.

• Una volta ottenuti almeno 3 preventivi, si può già capire quale sia il servizio più conveniente, in base alle specifiche esigenze.

Un numero di preventivi inferiore a 3, forse non sarebbe sufficiente per fare un paragone adeguato.

Il primo trasloco che ho fatto, ho chiesto 4 preventivi, e il è stato quello migliore.

Un prezzo non si può discostare in maniera eccessiva, in quanto se il prezzo si aggira intorno agli (ipotetici) 800 €, ci potranno certo essere differenze importanti, anche di 100, 200 €, ma se da un valore indicativo di 800, si passa a 300 o a 1.500,00 c'è qualcosa che non va nelle imprese che fanno preventivi così fuori prezzo.

Imballare con cura gli oggetti delicati

Le scatole di cartone, vengono solitamente fornite dall'impresa: non sono gratuite, anche perché destinate a rimanere al cliente. Una scatola di cartone solida e capiente (cm40x40x40) può costare anche 3 €.

Se possibile, molto meglio chiedere ai negozi, di alimentari ad esempio, che di scatole ne buttano parecchie: per loro è indifferente, invece che gettarle nella raccolta differenziata, le possono dare a chi ne ha bisogno.

• Recuperare nastro adesivo per chiudere il fondo delle scatole, vecchi quotidiani, riviste, per utilizzare i fogli di giornale come imballaggio, carta per imballaggio, quella che contiene aria, vi sono anche piccoli sacchetti che contengono aria, tutto ciò che è sufficientemente morbido per poter proteggere oggetti delicati.

• A meno che non siano destinate ad essere leggere, le scatole non devono essere troppo grandi, perché poco comode da movimentare, e quando si fa un trasloco occorre lavorare parecchio, è bene che il lavoro sia organizzato come di deve.

Gli oggetti pesanti, non metterli nelle scatole, se non puoi fare diversamente, non aggiungere altro e assicurati che la scatola sia ben chiusa sul fondo, con robusto nastro adesivo.

Tieni nota del contenuto delle scatole

• Tutte le scatole, è bene che siano sufficientemente leggere (non oltre i 15 kg), per essere movimentate con facilità, anche perché sono sempre tante; fai un trasloco, e ti rendi conto di quanti oggetti saltano fuori, e riempiono scatole in un battibaleno.

• Imballa oggetti delicati come cristalli, piatti, bicchieri, etc. con carta di giornale, avvolgili bene, e poi posizionarli nelle scatole con materiale di imballaggio.

Scrivi con un pennarello sulla scatola cosa contiene, questo faciliterà poi dove recuperare oggetti che servono una volta terminato il trasloco; sono piccoli accorgimenti che tornano di estrema utilità.

Mai accatastare le scatole che contengono oggetti fragili. Per le altre, tipo quelle dei libri, si può fare, e un carrello trasportare alle imprese non manca certo.

Il lavoro di imballaggio richiede tempo, tanto, molto di più di quanto si possa pensare, specialmente per chi è al suo primo trasloco. Occorre iniziare anche parecchie settimane prima, lasciare a disposizione in casa solo il minimo indispensabile, e soprattutto fare le cose bene per non danneggiare gli oggetti più delicati da imballare, durante il trasporto e relativa movimentazione carico e scarico.

Ricapitolando

• Riuscire ad imballare tutto quanto possibile, incide in maniera importante sul risparmio della spesa richiesta dall'impresa, che troverà le scatole e gli imballi già pronti da caricare, e trasportare.

• Se riesci a mettere in condizione l'impresa di occuparsi del grosso del lavoro, i mobili della cucina, della sala, smontaggio e montaggio inclusi, è possibile risparmiare.

• Tutto ciò che si è in grado di trasportare da soli, specialmente le cose delicate, fa risparmiare tempo all'impresa, e denaro a te.

Organizzare il trasloco fai da te

Se decidi per il trasloco fai da te, i casi sono due: o hai pochi mobili da trasportare, oppure un gruppo di persone motivate e capaci.

• Capaci di smontare e rimontare i mobili, i lampadari, fissare supporti al muro con il trapano e tasselli, specchi e specchiere, e tutto quanto serve.

In caso contrario, è bene cercare di trasportare tutto il possibile da te, specialmente gli oggetti più delicati, poi lasciare all'impresa il grosso del lavoro.

Il noleggio di un furgone, o di un camion anche grande per chi ha la patente C, può certamente far risparmiare molti soldi; non c'è paragone, in quanto tutto il lavoro lo fai da solo. Occorre tempo e fatica.

L'impiego delle piattaforme aeree, è necessario dal primo piano in poi per movimentare mobili e imballaggi vari durante le operazioni di carico e scarico.

Le piattaforme aeree possono essere noleggiate, in base alle diverse patenti di guida (B, C, etc.) si possono noleggiare più o meno grandi, ma attenzione: occorre saperle manovrare in tutta sicurezza (tua e degli altri), in caso contrario si necessita dell'operatore, che è specializzato.

In qualunque caso, essere certi che l'assicurazione del mezzo sia in grado di coprire eventuali danni a persone o cose; è un aspetto certo non simpatico, ma è bene prevenire, piuttosto che risolvere poi.

Il risparmio sulla spesa è notevole con il trasloco fai da te: ma non dimenticare di calcolare il tempo necessario, se hai ferie o permessi retribuite sul lavoro, o se perdi la giornata.

A trasportare le scatole sono capaci tutti, smontare e montare mobili e tutto il resto, richiede più tempo, e la manualità necessaria.

Organizzare il trasloco anzitempo, può rendere il lavoro molto meno stressante.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho scoperto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.