Menu

af1.it

Uno che scrive

Tende (e drappi) per interni in tessuto pesante

5 minuti
aggiornato il
Tende imponenti in tessuto pesante che possono contribuire a controllare in modo notevole la luce solare, e arredano sempre in modo originale

Tende imponenti in tessuto pesante

Le tende in tessuto pesante anche con drappi (juta, cotone, lana, lino) hanno buone caratteristiche insonorizzanti e attenuano notevolmente la luce solare.
Quando realizzate con stoffe piuttosto pesanti, oltre che contribuire in modo significativo nell'arredamento possono presentare interessanti caratteristiche fonoassorbenti e migliorare l'insonorizzazione dell'ambiente oltre che la vivibilità mitigando l'eventuale eccesso di luce solare quando occorre.

Tende in tessuto pesante per interno

La luce solare è in abbondanza è quanto di meglio ci possa essere in una casa, significa risparmio energetico e grande impatto su di una piacevole vivibilità, non c'è come vedere le stanze di casa illuminate dal sole per avere un'immediata iniezione di buonumore, di serenità.

Ripeto: sempre meglio avere luce solare in abbondanza, anche perché quando è troppa si possono facilmente oscurare le stanze quanto si desidera, con le persiane oppure con i tendaggi, che se realizzati con stoffa pesante sono in grado di oscurare in modo notevole.

Anche un tendaggio senza drappo se si preferisce, i drappi certamente hanno uno stile più antico ma pur sempre attuale, dipende dal contesto dell'arredo. Inevitabilmente conferiscono all'ambiente uno stile che ben si contraddistingue da qualunque altro.

Tessuti come cotone, lino, lana, velluto, sono validi anche per realizzare tendaggi dallo spessore notevole, quindi anche pesanti.
Tale spessore influisce in modo determinante sulla caratteristica del tendaggio di oscurare parecchio anche intervenendo poco quando lo si chiude per attenuare la luce del sole.

Dal momento che il tendaggio è pesante la riloga deve essere robusta di conseguenza, non è una tendina leggera e non impiegherebbe molto a cadere se non stabile su di un robusto supporto.

Riloga nel caso si desideri che la tenda possa assumere un aspetto ad onda più o meno accentuato secondo le esigenze ed i gusti.
Quindi se la finestra ha una larghezza ad esempio di 1 metro il tessuto dovrà essere largo almeno il doppio in modo da poter formare le onde ampie (in questo caso la definizione tende arricciate è riduttiva data l'imponenza di una tenda in tessuto pesante), caratteristica importante anche per l'insonorizzazione acustica, questo aspetto può migliorare sensibilmente la qualità della riproduzione sonora.

Quando la tenda viene imbottita, ovvero si applica uno strato sotto il tessuto della tenda, poi foderata, la capacità di insonorizzazione è ancora maggiore, e la tenda ovviamente più pesante, quindi ancora una volta entra in gioco l'importanza del supporto.
È importante che per avere buone caratteristiche di insonorizzazione le tende siano lunghe fino al pavimento, in caso contrario l'isolamento acustico non risulterebbe ottimale a meno che non si va ad inserire un specifico materiale fonoassorbente che riempie lo spazio tra tenda e pavimento.

Una tenda dal tessuto pesante personalmente trovo sia ideale con la riloga (fissata al muro con 2 solidi tasselli), in legno, o in metallo (acciaio, alluminio, ottone) satinato.

Il colore chiaro del tessuto non è da sottovalutare in quanto molto spesso, quindi in grado comunque di oscurare in modo notevole.
Un colore scuro è più adatto a grandi ambienti, e per non risultare cupo dovrebbe risaltare sull'arredo che dovrebbe essere di colore chiaro, in caso contrario risulterebbe piuttosto opprimente, gusti a parte.

La tenda inoltre può essere raccolta sia in altezza che ai lati quando si intende chiuderla, dipende da come la si desidera applicare alla finestra.
Nel caso di una tenda con riloga l'apertura e la chiusura possono essere manuali, può essere una soddisfazione, un piacere aprire e chiudere tende dal tessuto così pesante; tuttavia nel caso di grandi finestre l'operazione potrebbe non essere così comoda, quindi potrebbe tornare utile un meccanismo motorizzato per azionare l'apertura e la chiusura della tenda.

Il meccanismo manuale prevede sistemi a catenella anche piuttosto complessi visto il peso della tenda. Nel caso in cui si preferisca raccogliere la tenda in verticale quando la si apre (come per le tende a pacchetto) occorre tenere presente lo spazio necessario dato che il tessuto è pesante, quindi più abbondante e parecchio voluminoso.

Il drappo, o più d'uno, presenti, arricchiscono ulteriormente la tenda, altro tessuto che influisce sul risultato estetico dell'arredo, oltre che sulla caratteristica insonorizzante.

Tipi di tessuto per tende pesanti

● La juta è una fibra naturale molto usata per realizzare robusto tessuto, come quello dei sacchi per prodotti agricoli per la sua caratteristica di traspirabilità. La trama può essere molto fitta o più larga; il tessuto può anche essere sovrapposto o imbottito e poi foderato (con raso, seta, cotone).

La juta è un tessuto che presenta di suo riflessi lucenti, dorati, il classico colore del sacco che può adeguarsi molto bene in tanti tipi di arredamento, sebbene la presenza di tessuto colorato la rende disponibile per i diversi gusti ed esigenze di arredo.
È uno di quei tessuti il cui utilizzo nell'industria è ampio, e può rivelarsi particolarmente azzeccata la scelta di utilizzarlo nell'arredo.

● Il cotone è anch'esso robusto, soprattutto quando di elevato spessore per realizzare tendaggi pesanti, versatile, molto interessante quando grezzo, capace di dare all'ambiente uno stile caratteristico dato dal tessuto meno sofosticato.

● Anche la lana è indicata per tessuti pesanti, quindi anche tende con questa prerogativa. Anche le vecchie e pesanti coperte di lana possono essere utilizzata come tendaggi, modificate con lavoro di cucitura.

● Il lino si presta anch'esso ad essere utilizzato pesante, indicato per le tende.

● Il velluto può essere sia naturale che sintetico, la cui caratteristica principale è di presentare sul dritto una sorta di vello, più o meno rasato, da cui prende il nome.
Anticamente veniva impiegata la seta per produrre un velluto morbido, ricco, poi anche cotone, lino, lana, mohair che sono più resistenti della seta.
Per il tessuto sintetico si utilizza il poliestere, la viscosa e il nylon.

In generale uno dei vantaggi del tessuto sintetico rispetto a quello naturale è di essere più leggero, con i vantaggi che ne comporta quando anche il peso ha il suo peso (!!!).
Nel caso di tende in tessuto pesante anche con drappi, il tessuto naturale è probabilmente da preferire, anche per le caratteristiche fonoassorbenti per chi ne è interessato.

 

               

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.
Dona con PayPal