Menu

af1.it

Uno che scrive

Tavolo allungabile (estensibile)

8 minuti
aggiornato il
Il tavolo allungabile, estensibile, contribuisce ad un ottimale risparmio di spazio e quando serve incrementa la superficie disponibile

Tavolo allungabile

Usare lo spazio solo quando serve per un preciso utilizzo e poi destinarlo ad altro con il tavolo allungabile.
Il tavolo estensibile può essere interessante soprattutto dove gli spazi sono ridotti, non sufficienti a svolgere più compiti nel medesimo spazio, che se occupato da un mobile non potrebbe esserlo da un altro.
Un tavolo solido, robusto, stabile che con facilità da 4 posti è in grado di arrivare a 12 e oltre rappresenta senza ombra di dubbio un modo interessante per sfruttare bene lo spazio disponibile.

Tavolo allungabile: semplice e funzionale per usare spazio in più solo quando serve

È una cosa molto semplice, scoperta secoli or sono, praticamente due assi sovrapposte che all'occorrenza cambiano la disposizione per aumentare la superficie di utilizzo.
Forse per un certo periodo di tempo il tavolo estensibile, allungabile o che dir si voglia, è stato sottovalutato, forse anche dalle tendenze stilistiche degli arredi, considerato magari come soluzione di ripiego, di seconda scelta.

Invece si tratta a tutti gli effetti di una scelta che può essere bella e funzionale, pratica, e concretamente comoda.
Viene sfruttato uno spazio minimo sulla superficie del pavimento, comunque sufficiente per ospitare tavoli di dimensioni oltre i 3 metri di lunghezza, e dove di spazio non se ne può sprecare questo è il modo migliore per arredare in modo intelligente e pratico non rinunciando al gusto estetico.

Un tavolo deve sempre essere robusto, solido, in grado di garantire una concreta stabilità, a maggior ragione quando estensibile dove le parti sono da movimentare, la solidità della struttura non può certo venire meno.
Utile e dilettevole; in realtà di dilettevole c'è ben poco, oltre l'indispensabile funzionalità la soddisfazione di avere un oggetto che deve anche piacere ogni volta che lo si guarda.

Come scegliere il tavolo allungabile da acquistare ? Occhio alla qualità

Se si decide di acquistare un tavolo di questo tipo, è importante fare una scelta ben precisa, è una cosa molto irritante acquistare un prodotto di quelli destinati a durare per lungo tempo, a doverlo vivere senza che sia di completo gradimento, ogni volta che lo si adopera si pensa: facevo bene a…
Quindi è meglio dedicare un po' di tempo in più, quel tempo necessario che divide il buon acquisto dall'acquisto mediocre.
Un tavolo estensibile deve piacere (che debba essere solido è appurato), specialmente se lo si usa tutti i giorni e più volte al giorno; sarebbe stressante tribolare per aprirlo e chiuderlo, posizionarlo, non sarebbe un buon acquisto.

Forse conviene anche spendere qualcosa in più pur di avere in casa propria un tavolo funzionale, pratico, facile e veloce da movimentare, funzionale e ben integrato nell'arredo: anche questo è un requisito importante tanto quanto la praticità.
Perché il tavolo è inevitabilmente il punto conviviale della stanza dove è presente, per colazione, pranzo e cena, ma tolta la tovaglia dev'essere in grado di essere utilizzato altre funzioni, studiare, leggere, fare i compiti di scuola, ospitare amici, discutere, etc.

E anche quando non serve, quando non viene usato, dev'essere visto, quando guardato, come ben integrato nell'arredo, essere anche il punto di richiamo della stanza, un importante e funzionale elemento di arredo.

Un acquisto di questo tipo deve durare una vita, o quasi, non può essere un tavolo poco stabile, complesso da movimentare per la scarsa qualità della costruzione.
Quando l'acquisto di un prodotto che viene utilizzato diverse volte al giorno si rivela azzeccato, lo utilizzi senza nemmeno pensarci, lo sfrutti al meglio senza soffermarti a pensare al suo funzionamento, lo vivi e basta.

Un tavolo allungabile dev'essere piacevole da utilizzare, facile, veloce, che ogni volta che viene movimentato faccia pensare: ma che buon acquisto è stato.
Molto spesso il tempo a disposizione è quello che è, non si può perdere tempo per fare cose semplici come aumentare l'estensione del tavolo, proprio perché è una cosa semplice deve funzionare a meraviglia come un violino ben accordato.

Ecco perché è importante verificare, valutare com'è costruito il tavolo, la solidità della struttura, sia quella fissa che quella scorrevole che regola il meccanismo estensibile, e soprattutto che la stabilità e solidità siano sempre ottimali quando viene movimentato, aperto o chiuso.

Solitamente il tavolo viene posizionato dove conviene e poi non si sposta in modo così frequente, e poi quando lo si apre e chiude nella funzione estensibile si tratta di un'operazione che dev'essere svolta in modo veloce, facile e sicuro.
Dato che anche se semplice si tratta di un meccanismo scorrevole, la sicurezza durante la movimentazione non può venire meno; non è davvero il caso si schiacciarsi le dita per fare un'operazione che può essere ripetuta più volte al giorno, per esigenze e necessità.

La solidità del tavolo dipende dai materiali con cui è realizzato e dalla qualità della realizzazione, un lavoro anche semplice per certi aspetti ma necessariamente eseguito a regola d'arte; molto spesso sono proprio quei lavori che sembrano semplici a dover necessitare di un'indispensabile cura nel dettaglio e nei particolari, affinché possano essere considerati prodotti di qualità, facili da utilizzare al punto che la loro funzione la si dà ormai per scontata.
E proprio questo è il punto: considerare la movimentazione del tavolo allungabile durante l'apertura e la chiusura, qualcosa di scontato, di cui non ti devi minimamente preoccupare, anche a livello di sicurezza.

Deve semplicemente essere componente di arredo bello e piacevole da vedere, facile, veloce e sicuro da movimentare.
Occhio alla qualità, sempre.

I supporti del tavolo (che sia aperto o chiuso) non devono dare fastidio alle gambe quando seduti.

Sicurezza e comfort dei materiali del tavolo allungabile

Non che un tavolo crolli così spesso, tuttavia proprio perché non accada e indipendentemente dal materiale con cui è realizzato (truciolato, legno massello, cristallo, vetroresina, materiale plastico, etc.) è bene accertarsi della concreta e robusta solidità e stabilità.
È bene ricordarlo una volta in più e non lasciarsi fregare da un'estetica più accattivante di un'altra.

Una volta certi di questo, si è a metà dell'opera nella scelta di un tavolo allungabile che valga di essere acquistato e utilizzato per lungo tempo.
La scelta di un materiale rispetto ad un altro non può prescindere dalla sicurezza di uno a discapito di un altro, la qualità dipende soprattutto da questo.

Un tavolo allungabile può anche essere in cristallo, ugualmente pratico, robusto, stabile e funzionale come uno in legno massello, o qualsiasi altro materiale, perché la qualità non può e non deve prescindere o dipendere da nulla, la qualità del prodotto deve sempre essere, ed è, indispensabile.

Oltre a questo è capace di essere un elegante, interessante, apprezzabile e originale elemento di arredo; bello da vedere integrato nell'ambiente e comodo e pratico da vivere, tolta la tovaglia per il pranzo appare tutta la bellezza trasparente del cristallo temperato.
I meccanismi che permettono la funzione estensibile, inevitabilmente a vista, non devono che esaltare l'oggetto in sé, essere una funzionale parte integrante nell'estetica del tavolo, capace di integrarsi al meglio, proprio per la sua trasparenza in molteplici tipologie di arredo.

Supporti, o base, di inequivocabile solidità e stabilità, sempre.

Il legno massello è un altro di quei materiali che si ama o si odia, non ha mezze misure.
Indiscutibilmente bello, robusto, ben si integra in un arredo a tema, come il cristallo è importante (più di altri materiali) che sia protetto con un mollettone quando si eseguono lavori che lo potrebbero rovinare; mollettone e tovaglia per un tavolo sono, o dovrebbero essere, cosa normale quando si pranza per preservarne la superficie in modo ottimale.

Anche i materiali plastici sono interessanti, come quelli composti, o ancora inserti in vetro, marmo, in cornici di legno che formano la superficie scorrevole; i meccanismi di scorrimento devono sempre essere adeguati al peso che devono sostenere e spostare, ancora si notano sovente in commercio prodotti ben realizzati, offerti a prezzi interessanti, dove però il risparmio è stato ottenuto lesinando sulla qualità e solidità di quei particolari, di quei dettagli dai quali dipende la funzionalità del prodotto stesso, nel caso del tavolo estensibile, il meccanismo che permette la funzione scorrevole.

Il meccanismo, anche semplici aste in legno, metallo, sono il vero e proprio cuore pulsante del tavolo allungabile, senza il quale non sarebbe possibile facilmente, velocemente ed in sicurezza la caratteristica estensibile.

Quando il tavolo risulta aperto in tutta la sua lunghezza non deve essere in alcun punto meno solido, meno stabile o meno sicuro di quando è chiuso, altrimenti vanificherebbe la sua caratteristica.
Un tavolo di questa tipologia ben realizzato, con materiali scelti accuratamente e con un solido meccanismo è un prodotto originale e sempre attuale, e contribuisce all'ottimizzazione degli spazi sfruttandoli al meglio.

Se ben scelto può essere interessante dove le dimensioni dei locali sono ridotte e non si vuole sacrificare tutto (o quasi) lo spazio disponibile con il tavolo.

 

               

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.
Dona con PayPal