Tappeti Orientali: un’elevata espressione artistica

aggiornato il
I tappeti orientali sono una delle espressioni artistiche più belle
Tappeto orientale (photo by Lauren Mancke on Unsplash)

I Tappeti Orientali, sono una delle più belle espressioni artistiche e culturali raggiunte dalle Popolazioni d'Oriente.

  1. Elevata qualità
  2. Tipologie del tappeto
    1. In Turchia
    2. Nel Turkestan
    3. La qualità dei materiali usati
  3. Qualità dei colori
    1. Antiche ricette
  4. I disegni
    1. La complessità del disegno
    2. Le diverse località
  5. I Paesi dei tappeti
    1. L'Iran
  6. Cosa si intende per tappeti orientali
    1. La lavorazione
    2. Prodotti realizzati a mano

Elevate qualità artistiche e culturali

Ciascun tappeto, è ricco di simbologia, di cultura, di maestria, che vengono rispecchiate attraverso l'uso dei materiali cui una determinata località dispone, il grado di abilità dei maestri tessitori, i disegnatori, la loro formazione influenzata da altri maestri presenti prima di loro.

Tipologie dei tappeti orientali

L'attenzione che viene posta nell'allevamento di singolari specie di pecore, è ben radicata nella tradizione di questi Popoli che sanno realizzare tappeti.

In Turchia

Più precisamente nell'Anatolia, un particolare tipo di pecora viene allevata sin da tempi remoti, famosa per le lane finissime cui è capace di produrre, ideali e particolarmente ricercate, per realizzare tappeti di pregio, di qualità.

In Turkestan

Nel Turkestan, si trova una pecora che presenta una coda adiposa, quando il pascolo è ricco, parte del grasso prodotto dalla pecora viene concentrato sulla coda, capace di arrivare sino a 20 chilogrammi, creando un enorme fiocco.

Questa particolare pecora, produce lane finissime e ricercate, molto apprezzate, e pregiate, per la produzione di tappeti.

La qualita dei materiali impiegati

Inutile dire che, la qualità dei materiali usati, riesce a fare la differenza in un tappeto pregiato, che parte già dalla sua concezione pensato con materiali fini e selezionati.

Lana, seta, entrambe, la qualità delle tinte, l'annodatura, la complessità del disegno, tutte cose che vanno ad arricchire la qualità finale del prodotto.

La lana impiegata, può essere anche di agnello, per particolari finiture, di cammello, anche mescolata a quella di pecora, per arricchire la qualità della lana stessa.

La seta, e la lana più sottili, rendono possibile un'annodatura più fitta, rendendo più pregiata la trama; ricordiamo che, maggiori sono i nodi, migliore potrà essere la definizione del disegno.

La qualità dei colori

I colori sono un altro punto fondamentale nella produzione del tappeto: quelli naturali donano risultati particolarmente apprezzati.

Sia vegetali, che animali, questi colori riescono a conferire al tappeto finito, delle sfumature, tonalità ed intensità di colori, davvero particolari.

Antiche ricette

Le antiche ricette, talvolta segrete, tramandate nei secoli dai maestri, comprendono ad esempio l'estrazione del colore dallo zafferano, da radici di piante, petali di fiori, succo della frutta, oppure ossido di ferro nel caso del colore nero; ecco quindi anche l'impiego dei colori di origine minerale.

Aggiungendo questi colori, dosati e mescolati a dovere, al bianco naturale di lana e seta, il maestro tessitore è in grado di realizzare il tappeto nelle tonalità desiderate.

Il disegno

I disegni presenti sul tappeto, rispecchia le caratteristiche culturali, artistiche, sociali del luogo in cui è stato realizzato.

Per molte Popolazioni Orientali, il tappeto non è solo un componente utile al luogo abitativo, ed alla sua vivibilità, può rappresentare al tempo stesso un'espressione artistica, una forma d'arte a tutti gli effetti, prettamente legata al luogo di origine.

I disegni e la loro complessità

Più è complessa la trama del disegno, maggiore risulterà il valore del tappeto, perché questo implica annodature eseguite da particolare maestria, operazione che richiede lungo tempo nella realizzazione via via che i nodi si intensificano.

Intensificando i nodi, è possibile donare al tappeto un disegno ben definito, dai soggetti focalizzati, nitidi, puliti, i cui colori esaltano il disegno stesso.

Il disegno e le diverse località

Secondo le regioni di provenienza, le località, anche da un villaggio ad un altro, i tappeti orientali presentano caratteristiche ben diverse, in quanto a trama, ordito, disegni, annodatura, impiego dei colori.

Ciascuna Regione infatti, realizza disegni secondo simbologie dell'arte islamica, od asiatica, che possono prendere spunto da tradizioni culturali, religiose, particolarmente significative secondo il gruppo di appartenenza etnica.

I Paesi dei tappeti orientali

Sebbene l'Iran, rappresenti un punto di importanza focale nella realizzazione di tappeti orientali, non possiamo dimenticare altri Paesi come la Turchia, il Caucaso, l'India, che producono tappeti di un certo valore.

Sono Paesi cha godono di una storia importante nell'arte di realizzare tappeti, ed esemplari antichi sono oggetto di acquisizioni, anche particolarmente costose, da parte degli appassionati.

L'Iran

Tra i tappeti persiani, troviamo alcune tipologie conosciute in tutto il mondo, per bellezza, e maestria di realizzazione.

Kashan, Kerman, Isfahan, Tabriz risultano essere tra i più noti, ed apprezzati.

La forte ed antica tradizione, fa della Persia il Paese forse meglio rappresentativo, per quanto riguarda il tappeto orientale.

Per poi proseguire con Paesi quali Turchia, Caucaso, Turkestan, Afghanistan, India, per citarne alcuni tra i più rappresentativi, il tappeto cambia di stile pur restando una forma di espressione artistica.

Cosa si intende per tappeti orientali

Per Tappeto Orientale quindi, si intende non un semplice pezzo di stoffa da adagiare sul pavimento, ma, indipendentemente dalle dimensioni e dal costo, una forma d'arte.

I materiali che lo contraddistinguono qualitativamente apprezzabili, lane e sete di buona qualità, colori di origine naturale, fine annodatura, disegni più o meno complessi, oggetti da vivere nel proprio ambiente domestico.

La lavorazione

L'annodatura a mano del tappeto, è quell'arte capace di renderlo un oggetto prezioso, raffinato, elegante.

I materiali impiegati, ottenuti dal vello animale (pecora, agnello, cammello, etc.), si distinguono per zona di provenienza del tappeto.

Anche se vengono usati, per esemplari meno costosi, colori sintetici che hanno ottenuto buoni risultati, i colori naturali sono certamente quelli preferibili, migliori anche dal punto di vista igienico.

Portare nel proprio ambiente domestico un tappeto orientale, significa acquisire un pezzo di storia, grazie ad un oggetto che in molti casi è opera che merita talvolta l'esposizione a parete.

Prodotti realizzati a mano senza prodotti sintetici

L'impiego di materiale sintetico, non ha nulla a che vedere con i tappeti orientali, tantomeno la produzione industriale.

La lavorazione artigianale è implicita, per la realizzazione di questi prodotti, al fine di ottenere disegni di qualità, attraverso fine annodatura, e materiali naturali.