Piastrelle di grandi dimensioni per esaltare lo spazio

    
aggiornato il  
Le piastrelle di grandi formati aumentano la percezione visiva dello spazio disponibile
Piastrelle di grandi dimensioni

Le piastrelle di grandi dimensioni per il pavimento di casa amplificano la percezione visiva degli spazi soprattutto in ambienti di piccole dimensioni.

 

Piastrelle di grandi dimensioni: posa in diagonale

La posa in diagonale delle piastrelle è quasi d'obbligo se si intende migliorare la percezione visiva di uno spazio, specialmente se limitato: saper trasformare un limite in un vantaggio.

La percezione degli spazi

L'importanza della percezione degli spazi va a migliorare sensibilmente quello che è il comfort abitativo; anche un piccolo spazio ben sistemato può risultare estremamente confortevole.

Per ottenere un ottimo effetto visivo con le piastrelle di grandi formati, si parte almeno da 60×60 cm; o si fa il botto per bene, oppure si lascia stare -:)

Se si decide per i grandi formati, che grandi siano.

Soprattutto quando si hanno case di spazi non oltre i 90/100 mq, amplificare la percezione visiva degli spazi potrebbe risultare la scelta più giusta per migliorare il comfort abitativo.

La maggior parte delle persone quando compra casa, non ha la possibilità di acquistare appartamenti dalle grandi metrature, sopra i 200 mq complessivi per intenderci, quindi, a maggior ragione è importante valorizzare al meglio gli spazi disponibili: a cominciare dal pavimento.

Pareti dai colori chiari e piastrelle di grandi formati posate in diagonale, aumentano il comfort visivo degli ambienti.

Ricorda che la posa in diagonale migliora notevolmente rispetto a quella diritta.

Oltre all'indicativo 60×60 cm, ci sono misure tipo 60×120 cm, maxi lastre da 300×150 cm; è possibile trovare e scegliere, con un po' di pazienza, il rivenditore che può soddisfare le soggettive esigenze in base al proprio spazio disponibile sul quale andranno posate le piastrelle.

Posa in opera delle piastrelle di grandi formati

La posa in opera delle piastrelle di grandi formati deve essere realizzata da personale specializzato; come sempre del resto, indipendentemente dalle dimensioni delle piastrelle.

Chiedi al piastrellista le modalità della posa in opera

A maggior ragione con lastre di grande formato, occorre usare specifici accorgimenti che le persone del mestiere conoscono bene, ogni bravo piastrellista prima di eseguire il lavoro di posa in opera considera sicuramente gli aspetti fondamentali, come:

  • condizioni e natura del supporto;
  • dimensione del formato delle lastre;
  • utilizzo a cui è destinato il locale (camera adibita a palestra, salone, etc.); essendo una casa probabilmente non ci sono molte differenze da questo punto di vista, un conto è l'uso abitativo dell'ambiente domestico, altro discorso spazi enormi destinati a diversi utilizzi (fiere, congressi, palestre, etc.)

Così come la scelta più idonea degli additivi (classe S1, S2, etc.) è importante per il grande formato, di consistenze diverse e specifiche per ogni prodotto.

Poi altre attenzioni come la doppia spalmatura, che prevede la stesura del collante anche sulla lastra oltre che sul supporto, poi un cuneo inserito nei distanziatori per evitare dislivelli delle piastrelle, sono solo alcuni piccoli accorgimenti che un bravo piastrellista conosce bene.

Materiali dei grandi formati di pavimentazione

Le lastre di grandi formati indicativamente hanno lo spessore minimo di almeno 6 mm, del resto si comprende facilmente che si tratta di una cosa logica; sarebbe assurdo per lastre di grande formato uno spessore troppo esiguo.

Ma ad onor del vero, occorre anche valutare la specifica tipologia del materiale che può essere anche estremamente resistente, realizzato con le più recenti tecnologie.

Il gres porcellanato: è sempre garanzia di qualità del materiale, pratico e bello, disponibile nei più svariati effetti decorativi.

Sua maestà: il parquet.

Al di là dei gusti di ciascuno, il parquet è sempre capace di regalare una bellezza originale e ricercata, qualcosa di quasi unico.

Grandi listoni di 25 cm di larghezza per 300 cm di lunghezza, ad esempio, sono in grado di allestire uno spazio in modo davvero particolare, qualcosa che non si vede tutti i giorni, per dirla così.

Anche per quanto riguarda i grandi formati per la pavimentazione, la scelta dei materiali è davvero ampia, lo stesso vale per le finiture ed i colori, impossibile non trovare quello che risponde alle personali esigenze.

Nella scelta dei materiali, dei colori e delle finiture, fugato incluso, non dimenticare mai, e cerca di immaginare, l'impatto che queste possono avere sulla percezione dello spazio di casa tua una volta che le lastre di grandi dimensioni sono state posate.

Quale materiale scegliere

La ceramica ha sempre il suo valido perché: molto funzionale, facile da pulire, disponibile con disegni e finiture che possano rispondere alle esigenze del compratore, scegliendole anche in base al colore delle pareti.

Inoltre la ceramica è offerta sul mercato in diverse tipologie, come il grès porcellanato, molto resistente e duraturo a livello di conservazione.

E il legno? Come amo ripetere, sua maestà il legno, richiede certamente maggiori cure ed attenzioni del grès, ma la sua sempre originale bellezza è fuori discussione.

Va ricordato che i trattamenti a cui viene sottoposto il legno oggi, riescono a farlo diventare particolarmente resistente, anche da eventuali graffi, macchie, etc.

è disponibile anch'esso in grandi formati, listoni, parquet delle essenze che preferisci.

La scelta del colore per le lastre di grandi formati è importante, in quanto è in grado di determinare, di marcare l'arredo di casa ed il comfort abitativo.

 


Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.

 PayPal è il metodo rapido e sicuro per pagare e farsi pagare online

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)