Materiali isolanti in giusta combinazione per l’ambiente domestico

Aggiornato:
Materiali isolanti in ambiente domestico
(photo by Jeltovski on Morguefile)

Materiali isolanti per l'ambiente domestico: vengono utilizzate diverse tipologie di materiale (fonoisolante e fonoassorbente), per ottenere il miglior risultato possibile.


Negli immobili a uso abitativo di recente generazione, l'aspetto dell'isolamento termoacustico è tenuto in grande considerazione, in primo luogo perché vi sono precisi criteri di legge da rispettare per il risparmio energetico, in secondo luogo perché un potenziale acquirente, difficilmente acquisterebbe un immobile, tanto più se nuovo, senza un adeguato isolamento, dove si troverebbe a spendere ulteriore denaro per migliorarne la vivibilità.
Vediamo quali sono i principali materiali isolanti, utilizzati per insonorizzare un ambiente.

Materiali fonoassorbenti

Per quanto riguarda l'isolamento acustico in ambiente domestico, vengono usati diversi materiali, sia fonoisolanti (che impediscono il rumore di propagare), che fonoassorbenti (che assorbono il rumore).

I materiali fonoassorbenti presentano diverse caratteristiche che li suddividono per specifici utilizzi:

• materiali fibrosi;

• " porosi;

• " a celle aperte.

Dove:

• densità;

• spessore;

• rigidità;

• forma;

• tortuosità e irregolarità,

conferiscono caratteristiche ben precise a ogni materiale, tra le quali la capacità di incamerare aria, e convertire le onde sonore in calore.

Lana di vetro

È uno dei materiali maggiormente conosciuti quando si parla di isolamento degli edifici.

Fa parte del gruppo dei silicati (gruppo di minerali, sapere..it), non solo è molto conosciuto, anche molto utilizzato in edilizia per le sue ottimali proprietà di isolamento termico, oltre che acustico.

Viene commercializzata in diverse forme; rotoli, pannelli di diverse dimensioni e spessore, il rapporto qualità/prezzo è buono, è un materiale sufficientemente economico, con un ottimo rendimento per quanto riguarda l'abbattimento del rumore.

Oltre che isolare anche termicamente, non lega con l'umidità, ed è ignifuga.

Lana di roccia

Simile alla lana di vetro, un altro silicato con proprietà ignifughe, idrorepellente in quanto altamente drenante, anch'essa molto utilizzata in edilizia come isolante termico e acustico.

Sughero

Un altro ottimo materiale isolante, con caratteristiche più pulite rispetto ai silicati, non presenta alcun potenziale di tossicità, ignifugo e impermeabile, non così leggero come le lane cui sopra, però ottimo isolante, anche in caso di smaltimento è biodegradabile.

fibra di legno

Truciolato, è realizzato con gli scarti della lavorazione del legno, dove questo però non sia stato trattato con sostanze potenzialmente nocive.

Vengono incollati diversi fogli (con lignina, cemento, calce), fino a ottenere la misura desiderata, presenta buone caratteristiche fonoassorbenti e fonoisolanti.

Tappeti e tende

Moquette, tendaggi, e tappeti, aumentano in buona misura l'isolamento acustico di una stanza, di un ambiente, oltre che poter essere complementi di arredo particolarmente apprezzabili.

In lana, cotone, seta (come alcuni tappeti qualitativamente buoni), fibre sintetiche, migliorano ulteriormente l'insonorizzazione, e la risposta sonora, ideali per una stanza dedicata all'ascolto della musica.

Anche i tendaggi, specialmente quelli in stoffa pesante, dimostrano buoni risultati in tal senso.

La moquette in fibra naturale, può aiutare ulteriormente nel compito di insonorizzare un ambiente, contribuendo in modo deciso nell'arredamento.

Poliuretano espanso

Appartiene ai materiali fonoassorbenti a celle aperte, è un polimero (molecola dal notevole peso molecolare, quindi macromolecola), che dimostra elevate capacità isolanti, tanto dal punto di vista termico quanto da quello acustico.

Il costo è elevato, del resto lo sono anche le sue caratteristiche isolanti. Disponibile anche in schiuma spray, che una volta indurita triplica all'incirca il suo volume.

È disponibile anche in pannelli lisci, con bugnatura, sagomati a nido d'ape, etc. per rispondere alle esigenze più specifiche.

Il poliuretano è indicato anche con l'acronimo TPU (Thermoplastic Polyurethane).

TNT

Il TNT (Tessuto Non Tessuto, Nonwoven Fabric, English wikipedia), è un materiale legato con procedimenti termici, chimici, meccanici.

Viene definito non tessuto, in quanto non ha la classica trama del tessuto, e non è una maglia.

Trova un valido impiego nell'isolamento acustico, e talvolta utilizzato come alternativa alla schiuma poliuretanica.

Melammina espansa

Altro materiale apprezzato per le sue capacità isolanti, molto importante per la realizzazione di polimeri nell'industria chimica.

Polistirene espanso

Ovvero, il polistirolo, ben si presta come isolante anticalpestio, da applicare a un pavimento formato da piastrelle che già di loro possano avere discrete, o buone, caratteristiche isolanti, come ad esempio le piastrelle in cotto.

Altra tipologia di isolante della pavimentazione, è il pavimento flottante (galleggiante).

Dove il massetto, con relativo pavimento, appoggia flottando su di un materiale con caratteristiche di smorzamento, grazie alla sua elasticità, totalmente libero dalle pareti, in modo da renderlo indipendente da queste, quindi galleggiante.

I diversi materiali per parete, vengono anche ricoperti di tessuto, in modo da poter essere in sintonia con l'arredamento, offrendo così un aspetto interessante dettato da un particolare design, unendo la funzionalità del materiale isolante.

Materiali fonoisolanti: piombo e gomma

Tra i materiali fonoisolanti utilizzati, troviamo il piombo, e la gomma (spesso usati insieme), che producono ottimi risultati di isolamento acustico.

Sono entrambi materiali naturali molto malleabili, che ben si prestano quindi a specifiche lavorazioni, per essere realizzati secondo le esigenze più precise.

In taluni casi, la gomma utilizzata da combinare con il piombo è sintetica, alcune comunque con elevato potere insonorizzante.

L'ulteriore combinazione tra gomme/piombo come fonoisolanti, e materiali fonoassorbenti, consente di realizzare pannelli accoppiati (sandwich), con caratteristiche particolarmente elevate in quanto a insonorizzazione.

Alluminio e laterocemento

• L'alluminio in pannelli, viene anch'esso impiegato per isolare acusticamente un edificio, combinato con altri materiali in diversi strati.

• Il laterocemento (leggi l'articolo su professionearchitetto.it), viene impiegato nella realizzazione di solai insieme a elementi in calcestruzzo armato, dove, come elementi di alleggerimento, vengono usati materiali isolanti come argilla espansa, polistirolo espanso.

• Anche il cemento armato, può essere impiegato per isolare ulteriormente, anche su muri già esistenti.

Cartongesso e vetrocemento

• Il cartongesso, è un'altra soluzione molto impiegata, in grado di realizzare controsoffittature e contropareti.

Anche in questo caso, si possono combinare insieme specifici pannelli di diverso materiale, per ottenere il livello di insonorizzazione desiderato.

Altra soluzione interessante, è il vetrocemento.

Materiali isolanti e serramenti

• I serramenti con doppi vetri (finestre, porte finestre, lucernari, etc.), solitamente dovrebbero già di loro avere buone capacità isolanti, con una elevato isolamento termoacustico.

Anche nei prodotti meno prestanti, dato che caratteristiche minime di isolamento, sono per legge da rispettare.

Tuttavia, durante la realizzazione possono essere aggiunti materiali isolanti sia all'interno del serramento (nel profilato), e utilizzare vetro stratificato, dove un vetro viene incollato all'altro, interponendo lamine in PVC, per aumentare le prestazioni isolanti.

La coibentazione può avvenire ovviamente anche laddove non è presente vetro, come ad esempio in una porta blindata, dove oltre alla sicurezza, si aggiunge la caratteristica di insonorizzazione.

Posa in opera del materiale isolante

Soprattutto in caso di rumore particolarmente assordante, come quello dovuto al traffico, aerei, industrie vicine al centro abitato, casi limite se vogliamo, ma ci sono anche questi, soprattutto in questi casi è più che mai opportuno sapere con precisione, effettuando precise misurazioni, quanto è la soglia del rumore che disturba, e quanto è in grado di fare la miglior posa in opera e combinazione di materiali isolanti.

Materiali che possono avere anche un peso notevole, in caso di interventi massicci; già si comprende che i costi di interventi simili sono sicuramente alti, e nei casi limite, è bene informarsi se le società direttamente interessate, in quanto produttrici di inquinamento acustico e ambientale, non debbano partecipare alle spese per salvaguardare la vivibilità delle persone che vivono nelle zone attigue.

Ovviamente, queste sono azioni legali da intraprendere anche con la collaborazione dei Comuni interessati, e Associazioni di Consumatori.

Quantificare il rumore per intervenire a dovere

Per sapere con precisione quanto rumore disturba, e come intervenire, è consigliabile avere qualche preventivo da aziende specializzate in allestimento di materiali isolanti per uso domestico; una specializzazione nella specializzazione.

A maggior ragione, in caso di edifici già esistenti, dove presenti lacune nell'isolamento, o comunque dove questo non sia sufficiente a far fronte alle soggettive esigenze.

Se invece si desidera procedere da soli perché si hanno le giuste competenze in edilizia, ci si può far consigliare per la scelta dei materiali da persona esperta in isolamento acustico, il risparmio sulla manodopera sarà decisamente ottimo.

L'abbinamento tra i diversi materiali, è in grado di far ottenere ottimi risultati se ben combinati, esempio: parete di forati, intercapedine, pannelli in poliuretano, etc.

Ogni precisa posa in opera, di un preciso insieme di materiali isolanti, va fatta con criterio e calcoli ben precisi, perché possa dare i risultati che si desiderano ottenere.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho conosciuto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.
Invecchiando, ho scoperto che mi piace portare il cappello.