Doppi vetri, caratteristiche, sigle, tipologie

Aggiornato:
Doppi vetri
(Photo by Nathan Fertig on StockSnap)

Doppi vetri (vetrocamera): quando inseriti in ottimi serramenti, possono contribuire al risparmio energetico, e a un miglior isolamento ambientale.


Caratteristiche: materiali, taglio termico, basso emissivo

I doppi vetri, possono migliorare in modo efficace l'isolamento termico, acustico, ambientale, delle mura domestiche o di qualsiasi altro edificio.

La loro caratteristica importante, è quella di inglobare aria secca, o gas nobili, all'interno dei due vetri (camera) posati nel serramento.

Questa intercapedine, di aria o gas nobile, aumenta sensibilmente l'isolamento acustico, termico, a tutto beneficio del risparmio energetico, tanto che il vetrocamera, altra definizione del doppio vetro, è ad oggi obbligatorio nelle case di nuova costruzione.

Sono inoltre disponibili agevolazioni fiscali per installare nuovi serramenti, quando si decide di ristrutturare la propria abitazione, in quanto è dimostrabile che contribuisce a ridurre il consumo energetico, sempre più critico, a favore di una maggiore salvaguardia dell'ambiente.

Dal punto di vista estetico, i doppi vetri risultano perfettamente inseriti nel serramento, e anche discreti, rispettando senza problema alcuno il design, e l'armonia dell'arredamento.

Sono composti da due lastre di vetro, dello spessore indicativo di 4 mm, di modo che l'intercapedine racchiusa all'interno, possa risultare più efficace nel suo isolamento.

Minor rumore, minor consumo del riscaldamento in inverno, in quanto il calore rimane distribuito in maniera più uniforme, quindi anche il fresco in estate.

Il taglio termico

Degli speciali listelli in poliammide (come ad esempio nylon e kevlar) inseriti nei profilati estrusi che compongono il serramento, danno vita al cosiddetto taglio termico.

Questo intervento, favorisce in maniera ottimale la separazione tra l'ambiente esterno e quello interno, con i vantaggi che tutti conosciamo, minor rumore, stabilità della temperatura, etc.

Aria secca e gas nobili nell'intercapedine

Quando l'intercapedine tra i due vetri, è riempita con gas (esempio argon), la capacità di isolamento ambientale aumenta in buona misura, rispetto ai comunque, già buoni risultati ottenibili con intercapedine che contiene aria disidratata, detta anche aria secca, per evitare ovviamente la formazione di condensa nell'intercapedine.

Tipologie del vetrocamera

• Il tipo di infisso conosciuto come vetrocamera chiaro, è il classico modello con intercapedine che contiene aria secca, o gas nobili.

Vetrocamera a bassa emissività: risulta più efficiente, in quanto ha una pellicola, un film metallico posto sulla superficie del vetro che consente di mantenere meglio il calore, ritardando la dispersione verso l'esterno.

Vetrocamera a bassa emissività con gas isolante: (gas nobili come argon, xeno, kripton), dove l'intercapedine risulta riempita appunto da uno di questi gas, un serramento particolarmente efficace dal punto di vista dell'isolamento termoacustico.

Ovviamente la tipologia dei serramenti incide sulla capacità isolante (pvc, legno, alluminio, alluminio – legno).

Vetrocamera con pellicola antisfondamento: va ad unire al potere isolante anche la sicurezza.

Sigle relative ai doppi vetri

I doppi, come i tripli vetri, sono installati in tutte le case nuove, e comunque di recente costruzione, negli ultimi 15 anni circa.

Oggi sono una cosa normale da trovarsi in una casa nuova, in quanto è obbligatorio realizzare edifici con i requisiti di risparmio energetico minimi per legge, secondo le zone climatiche.

A questo proposito ti indico:

1) la tabella dei valori limite dell'isolamento termico dei serramenti per zona climatica;

2) e lo strumento per calcolare on line la zona climatica di appartenenza e i gradi giorno.

Lettere, numeri e segni

Cosa significano le sigle composte da lettere, simboli e numeri presenti sul prodotto:

Esempio 1:

4/20/4 BE

Significa: doppi vetri dello spessore di 4 mm, con canalina distanziatrice (intercapedine) di 20 mm, Basso Emissivo.

Dove, nell'ordine:

4 è lo spessore in mm del primo vetro (esterno);

20 sono i mm della canalina distanziatrice;

4 è lo spessore in mm del secondo vetro (interno);

• e la sigla BE che sta per Basso Emissivo.

Vetri stratificati

Esempio 2:

3+3 oppure 4+4

Significa che sono vetri stratificati, incollati insieme per esigenze antinfortunistiche e di sicurezza.

Nel primo caso (3+3), si tratta di 2 vetri dello spessore ciascuno di 3 mm, incollati insieme in modo da formare un vetro unico; mentre 4+4 indica 2 vetri dello spessore di 4 mm ciascuno.

Il simbolo + (più), può anche essere omesso, anche se il significato rimane uguale:

33, 44, etc. si tratta comunque di 2 lastre di vetro incollate tra loro.

Esempio 3:

44.40 – Cosa significa?

Che siamo in presenza di vetro stratificato: 2 pannelli da 4 mm di spessore dove lo strato intermedio è di 0,40 mm.

Significato delle sigle

• La sigla WE indica che il canale distanziatore dell'intercapedine è realizzato in materiale plastico (polimero), invece che in alluminio; questo migliora le prestazioni del serramento (taglio termico).

TL: Trasmissione Luminosa

FS: Fattore Solare

IS: Indice di Selettività

• dove IS = rapporto tra TL e FS

Ug rappresenta il valore della trasmittanza termica.

Troviamo delle sigle anche per quanto riguarda i gas nobili, utilizzati per riempire l'intercapedine come alternativa qualitativamente superiore all'aria secca (disidratata).

Ar: argon

Kr: kripton

Xe: xeno

Come valutare l'acquisto dei doppi vetri

Il vetrocamera che contiene in sé aria secca, è il prodotto più economico, ed il rapporto qualità/prezzo è da considerarsi ottimale, sebbene l'isolamento inferiore ai modelli che utilizzano gas nobile.

Tuttavia, nell'ottica di affrontare una spesa destinata a durare nel tempo, influendo in buona misura sulla qualità della vita all'interno delle mura domestiche, ed un maggior risparmio energetico tanto nei mesi invernali (riscaldamento), quanto in quelli estivi (condizionatori di aria), le intercapedini formate da gas nobile aumentano ulteriormente le capacità di isolamento termoacustico del serramento.

Vetrocamera con pellicole isolanti

Le particolari pellicole isolanti inserite nei vetri, rendono il prodotto più costoso, ma aumentano sensibilmente l'efficienza del prodotto, da considerare dunque l'investimento di denaro a lungo termine.

Una pellicola speciale nel vetro è quella capace di garantire una più elevata capacità di isolamento ambientale abbinata al gas presente nell'intercapedine.

Si parla dunque di vetrocamera a bassa emissività, quando questa è in grado di garantire il miglior isolamento possibile.

Ovviamente il prodotto è più costoso, ma è opportuno considerare magari la rateizzazione della spesa con un finanziamento, in modo da eseguire un acquisto oculato destinato a rimanere nel tempo.

La pellicola antisfondamento permette di rendere ulteriormente sicuro il serramento da possibili intrusioni.

Caratteristica da tenere in considerazione in particolar modo per chi abita ai piani più facili da raggiungere.

L'efficacia di questi prodotti, è ormai consolidata, rende migliore la vivibilità nelle case, e contribuisce in buona misura al risparmio energetico.

Importante rivolgersi ad aziende specializzate per la corretta posa in opera, un buon produttore non avrà certo timori nel descrivere in modo dettagliato tutte le caratteristiche del prodotto che vende.

I doppi vetri, sono ormai realtà, in tutte le case di nuova costruzione, o quando vengono ristrutturate, sono indispensabili per favorire la riqualificazione energetica di un edificio.

Domande frequenti

Perché si forma la condensa all'interno del vetrocamera?

Quando accade, l'intercapedine non fornisce più il corretto isolamento, quindi il serramento è da sostituire.
Che la condensa si formi all'esterno dei vetri è una cosa normale, ma in caso di doppi o tripli vetri, che si formi all'interno della camera, non lo è.
Questo può dipendere dall'usura del serramento, oppure da un difetto di fabbricazione. Ho doppi vetri da oltre 20 anni che non hanno mai presentato questo problema, quindi penso che la costruzione sia stata ben fatta.

Che spessore hanno i doppi vetri?

Ciascun vetro ha solitamente uno spessore di almeno 4 mm, non avrebbe senso logico se avessero uno spessore più sottile.
Possono essere di 3 mm quando sono stratificati, e in questo caso il vetro diventa di 6 mm, in quanto i 2 vetri che ne compongono 1 sono incollati insieme.
Attualmente i doppi vetri 4/20/4 sono quelli standard, per contribuire in modo significativo dell'isolamento termico, acustico, e conseguente risparmio energetico.

Meglio i doppi o i tripli vetri?

I tripli vetri vengono installati dove ci sono condizioni climatiche particolarmente rigide, e doppi vetri di qualità vanno più che bene se le temperatura non sono così severe.
Tuttavia, se desideri aumentare considerevolmente l'isolamento acustico e termico di casa, puoi anche valutare questa opzione.

 

Felice Amadeo - af1.it
Dal 2006 lavoro con internet, scrivo i contenuti e provvedo alla gestione del sito. Ho conosciuto WordPress tanti anni fa, e dal 2013 uso questo.
Invecchiando, ho scoperto che mi piace portare il cappello.