Menu

af1.it

Scrivo sul mio blog

 

Concreta praticità e sicurezza del corrimano lungo le scale

7 minuti
aggiornato il
Le scale libere, a parete, senza corrimano, sono molto belle a vedersi, ma la sicurezza è un aspetto troppo importante per essere sottovalutato, sicurezza e buongusto possono sempre andare di pari passo, non dimenticarlo mai

Le scale senza corrimano sono belle da vedere… ma attenzione alla sicurezza

Il corrimano lungo le scale, al parapetto o alle pareti, dev'essere comodo, stabile, robusto e sicuro, facile nella presa.
Ti è mai capitato di impugnare un corrimano e scoprire che non era stabile, o per niente comodo per via dell'impugnatura ?

Concreta sicurezza e praticità di utilizzo del corrimano

Le scale devono essere ampie, larghe, non ripide, come nei pianerottoli di alcuni edifici quando spesso si salgono e scendono senza appoggiarsi al corrimano, a meno che non si abbiano problemi di stabilità.
Se le scale sono lungo le pareti e manca il parapetto il corrimano assume un importanza ancora maggiore.

Qual è il miglior corrimano ?!
Quello che si impugna facilmente con tutta la mano, probabilmente quello rotondo, in quanto la mano quando si chiude forma una sorta di cerchio, le impugnature sono sempre pensate rotonde, mai quadrate.
Nulla di più concretamente pratico di un corrimano rotondo, robusto tubolare o tondino di un diametro approssimativo massimo di 30 mm di modo che possa essere facilmente impugnato da tutte le persone, indipendentemente dalla grandezza delle mani.

Personalmente mi sono accorto della fondamentale importanza del corrimano quando ho iniziato ad avere a che fare con scale alle pareti, senza parapetto, la cui unica sicurezza per non incappare in rovinose cadute è proprio data dalla praticità del corrimano.

Tempo fa ho abitato per qualche tempo in una casa con mansarda, le cui scale erano sì abbastanza larghe, non ripide, con una spalla di muro (sulla destra mentre si saliva, a sinistra quando si scendeva), che teoricamente avrebbe dovuto servire anche ad appoggiarsi ma era piuttosto basso rispetto al piano di calpestio di ogni scalino, quindi non serviva a granché.

Solo tempo dopo quando avevo smesso di abitarci mi sono chiesto se quella mancanza fosse a norma di legge, e non credo proprio.
La presenza di buona illuminazione nel vano delle scale è di fondamentale importanza per la sicurezza, e teoricamente è quando si scende che è più pericoloso in caso di cadute, perché inevitabilmente si rischia di ruzzolare fino in fondo alla scala potendosi fare davvero male.

È accaduto diverse volte che cadute dalle conseguenze molto gravi sono scaturite proprio da situazioni che sembravano sciocche, di quelle cui uno pensa sia quasi impossibile farsi del male.
E invece sono proprio quelle situazioni che non devono mai essere sottovalutate.

Normativa per la sicurezza delle scale

Legge e Decreto di riferimento:

Legge 9 gennaio 1989 n. 13
Disposizioni per favorire il superamento e l'eliminazione delle barriere architettoniche
Decreto Ministeriale 14 giugno 1989 n. 236
Prescrizioni tecniche necessarie a garantire l'accessibilità, l'adattabilità e la visitabilità degli edifici privati e di edilizia residenziale pubblica sovvenzionata e agevolata, ai fini del superamento e dell'eliminazione delle barriere architettoniche.

Lungo le scale di salita di un edificio il parapetto deve avere un'altezza non inferiore ad 1 metro, il corrimano può essere collocato ad un'altezza compresa tra i 90 cm ed 1 metro di altezza (quindi può risultare anche interno al parapetto se questo è più alto), le rampe delle scale devono avere una larghezza minima di mt 1,20 con pendenza mite e regolare per gli scalini (gradini), la pedata (profondità dello scalino) non deve essere inferiore ai 30 cm.

La somma tra il doppio dell'alzata (altezza scalini) e la pedata deve essere compresa tra i 62 e 64 cm.
Esempio: se l'altezza dello scalino è di 16 cm e la pedata 30 cm: 2A (Alzata) + P (Pedata) = 62 (cm).

Ogni 10 metri di lunghezza deve essere previsto un rompitratta, un ripiano orizzontale che interrompa la salita e discesa, con dimensioni minime di mt 1,50 x 1,50.
Inoltre il parapetto non può permettere aperture laterali superiori ai 10 cm, ovviamente per impedire che non si possa cadere sporgendosi attraverso.
Questo per quanto riguarda le scale di uso comune.

Per le scale invece destinate ad uso interno delle abitazioni la larghezza minima della rampa è di 80 cm, pedata minima di 25 cm, rapporto alzata e pedata sempre tra i 62 2 64 cm e altezza parapetto sempre non inferiore a 90 cm.

Come scegliere scale e corrimano ? Con criterio

Concreta funzionalità e sicurezza devono essere tenute a mente, normative di legge a parte, che comunque stabilisce quelli che sono i parametri minimi per un corretto e sicuro utilizzo delle scale, che siano ad uso comune o private.
Prima di virtuosismi estetici e stilistici occorre pensare prima di tutto che le scale siano sicure e facilmente agibili.

Nel caso di scale interne per uso privato, nei casi in cui il corrimano è presente sulla parete, la sensazione di necessità di sicurezza è maggiore, in quanto rappresenta l'unico sostegno presente in scale che sono adiacenti al muro ma non hanno, come ad esempio nel pianerottolo di un edificio, muro da un lato e parapetto con corrimano dall'altro, in questi casi c'è solo il muro e il corrimano in esso installato.

Anche quando si installano scale in abitazioni private per permettere di collegare 2 o più piani, occorre sempre eseguire lavori a norma e con i permessi comunali quando necessari, quindi è importante informarsi preventivamente presso l'ufficio tecnico del Comune dove si trova ubicato lo stabile.
Strutture di scale complete (prefabbricate) sono in vendita nei negozi specializzati.

Le scale a chiocciola non possono avere un diametro inferiore ad 1 metro, tuttavia non sono per nulla comode scale così anguste, quindi meglio non scendere sotto i 150 cm indicativi di diametro per fare in modo che sia agibile e comoda, oltretutto essendo a chiocciola non è da tutti gradita una salita e discesa del genere, quindi la praticità è un requisito che non dovrebbe mai mancare in nessuna scala, a maggior ragione in quelle a chiocciola.

Anche i modelli di scale prefabbricate ovviamente sono realizzati secondo la normativa in materia di sicurezza, anche perché contrariamente non potrebbero essere vendute, tuttavia va ricordato ancora che non sempre i requisiti minimi di legge sono sufficienti; si può essere tecnicamente a posto con la legge, ma la scala potrebbe comunque essere scomoda, difficilmente agibile, in poche parole: non sicura se non addirittura pericolosa.

Quando poi si salgono e scendono le scale, uno non è può stare a pensare a troppe cose, sale (o scende) gli scalini e basta, non deve preoccuparsi (almeno non dovrebbe) della sicurezza, perché è compito preciso di chi le scale le installa.

Dal momento che le scale quando rispettano la normativa in materia di sicurezza non possono essere troppo ripide, troppo strette, sta sempre al buon senso del padrone di casa installare scale agibili, comode e sicure, secondo ciascuno specifico progetto edilizio, e questo può implicare di installare scale più larghe, con parapetti più alti e gradini meno ripidi delle misure presenti nella normativa per la sicurezza, questo per rendere le scale più agibili e più sicure.

E poi quando si salgono e scendono le scale si deve trovare nel corrimano un valido e concreto sostegno, reale, non fittizio perché dettato da uno stile improponibile e che non serve a nulla.
Non oso pensare in quante occasioni il corrimano abbia evitato rovinose cadute, e deve necessariamente essere pratico per potersi aggrappare, per essere impugnato con sicurezza.

Ergo, il corrimano non può essere un accrocchio che serve solo per attirare l'attenzione ma che non ha nulla della funzione per cui dovrebbe essere progettato, ovvero: fornire sicurezza quando si percorrono le scale.
Anche se si è a casa propria, quindi in abitazione privata, per la serie: a casa mia faccio quello che voglio, sicuramente, ma rispetta sempre la sicurezza, quando e se ti capiterà di avere evitato incidenti perché, pur faticando, hai fatto le cose per bene, ti ringrazierai.

Il corrimano dev'essere concretamente facile da impugnare, e non solo nella parte superiore in quanto non si afferra nulla, certi corrimano sono così squadrati che la mano può giusto scivolarci sopra e null'altro.
Sicurezza, solidità, praticità, stile: nell'ordine.

Dove acquistare il corrimano per le scale

Prima di acquistare un corrimano, soprattutto se acquisti online, leggi sempre attentamente la descrizione del prodotto, che corrisponda appieno alle tue esigenze, e non dimenticare mai l'aspetto della sicurezza, per il quale il corrimano è principalmente realizzato.

Ricorda anche che sono ovviamente possibili realizzazioni su misura del corrimano per soddisfare ogni precisa e specifica esigenza, di sicurezza e di arredo.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi