Menu

af1.it

Scrivo sul mio blog

 

Radicchio rosso made in Italy

6 minuti
aggiornato il
Il radicchio rosso sa sempre essere un alimento unico e origjnale, sia crudo che grigliato, saltato in padella: uno dei prodotti in assoluto più apprezzato tra le verdure

Il radicchio rosso sa sempre essere un alimento unico e origjnale

Il radicchio rosso è una delle varietà della Cicoria (Cichorium intybus), pianta prelibata con interessanti proprietà, particolarmente apprezzata in gastronomia.
Questa buonissima verdura è davvero qualcosa di straordinario, caratteristica, originale, il radicchio rosso di Treviso, Verona, Chioggia, e il variegato di Castelfranco sono prodotti IGP.

Caratteristiche di un prodotto ortofrutticolo unico come il Radicchio rosso

La bontà e le importanti proprietà come le particolari caratteristiche organolettiche ne fanno un prodotto pregiato, può essere cucinato in diversi modi, anche da solo, oppure un classico abbinato alla pasta o al riso.
Dall'inconfondibile colore rossastro violaceo con inserti bianchi, c'è quello lungo, tondo, il tardivo, variegato (bianco, verde chiaro con le classiche striature violacee), e quello rosa.

Non si esagera affatto quando lo si definisce uno straordinario prodotto ortofrutticolo, un vero e proprio dono della Terra, che come molte altre verdure ha rappresentato e rappresenta ancora oggi uno dei modi più semplici per procurarsi il cibo, coltivando la terra con fatica ma con grandi soddisfazioni e grandissimo riscontro in termini di utilità, perché le preziose caratteristiche e proprietà delle verdure sono indispensabili per una sana e corretta alimentazione.

Il celeberrimo scrittore Gaio Plinio Secondo, meglio conosciuto come Plinio il Vecchio (23 – 70 d.C.) nella sua opera Naturalis historia narrava già, tra le altre meraviglie, anche del radicchio descrivendone le importanti proprietà utili all'organismo.
Questo sta a significare come sia un prodotto che l'essere umano conosce bene, e da quanto tempo, nel momento stesso, o quasi, in cui ha iniziato a lavorare la terra e coltivare frutta e verdura.

Per una massiccia coltivazione del radicchio rosso è necessario arrivare intorno al XVI secolo.
La varietà primitiva del radicchio si è così ottenuta grazie alla necessità di adattarsi ai diversi ambienti di coltivazione, dove sia la Natura che l'uomo hanno provveduto a incrociare e selezionare le diverse cultivar.
Il 1900 ha visto uno straordinario riconoscimento a Treviso di questo ortaggio che, finalmente, dopo tanti anni di impegno da parte dei coltivatori è stato considerato come un prodotto eccellente, non comune.

Come se non bastasse il radicchio in generale non ha particolari esigenze di coltivazione, cresce piuttosto bene in situazioni diverse, questo non significa affatto che la sua cura debba essere trascurata se si intende ottenere un ottimo prodotto.
Predilige terreno soffice, con un buon drenaggio, e che rispetti le caratteristiche richieste dal disciplinare di produzione previsto dall'IGP.

Caratteristiche organolettiche del radicchio rosso

Il tardivo presenta coste bianche allungate, la parte superiore delle foglie ha il classico e bellissimo colore violaceo del radicchio rosso, le foglie del tardivo sono particolarmente carnose, sode, consistenti, al gusto croccante, le note amarognole sono inferiori rispetto agli altri radicchi, è più aromatico, più delicato, eccellente cucinato in diverse maniere.

Il radicchio rosso di Treviso è detto anche “spadone trevigiano”.

Tra le proprietà più apprezzate del radicchio rosso ci sono quelle di depurativo, diuretico, tonificante, quando cotto regola la funzionalità epatica e intestinale.

Ricco di potassio, vitamina C, antiossidanti.

Se nel tardivo la consistenza delle foglie è particolarmente carnosa, anche nelle altre varietà comunque sono molto coriacee, anche nel variegato e in quello rosa.
Il particolare gusto amarognolo, la consistenza e colore delle foglie, e il gusto caratteristico e inconfondibile ne fanno un prodotto molto apprezzato in cucina, in molteplici ricette che inevitabilmente diventano originali e particolarmente gustose proprio grazie all'impiego del radicchio rosso.

Sia quello rotondo, allungato, ha dalla sua foglie croccanti che ben si prestano alle ricette più diversificate.
Nel variegato la colorazione è verde chiaro con striature dal classico colore rosso violaceo del radicchio rosso.

Il radicchio rosso in gastronomia: sempre unico e sempre originale

È utilizzato tanto in piatti raffinati quanto semplici, rendendo di fatto speciali anche quelle ricette che sembrano più modeste, in realtà non è così, in quanto materie prime semplici e di elevata qualità sono già di loro qualcosa di straordinario, unico, originale.

Tanto buono crudo quanto grigliato, sbollentato, al forno, cotto, abbinato a uova, carne, formaggio, pasta, risotti, si presta davvero a tante ricette diverse e tutte rese originali proprio dal radicchio in oggetto e dal suo caratteristico colore.

Si tratta di uno di quei prodotti ortofrutticoli semplicemente straordinari, non si esagera descrivendolo un prodotto unico, indipendentemente dai gusti soggettivi, oggettivamente è una di quelle preziose materie prime che arrivano dalla Terra, la presenza del radicchio rosso non si può non notare, ed esalta ogni ingrediente con cui viene abbinato.
Un altro prodotto italiano di quelli che rendono la cucina del tricolore originale, unica, pregiata, di alta qualità.

Perché l'alta qualità inizia dai prodotti della Terra, anche quando produce foraggio specifico per gli animali, foraggio come quello per le mucche che poi producono latte adatto per la produzione di Parmigiano reggiano, Grana padano, Bella Lodi, formaggio grana della Pianura padana.

Il radicchio rosso è apprezzato in tanti paesi nel mondo, quasi ovunque sia presente un ristorante italiano che desideri concretamente offrire ai propri clienti la vera cucina italiana, e le località dove viene prodotto alle quali è riconosciuto il marchio I.G.P. che garantiscono la qualità dettata dal Disciplinare di produzione del Radicchio Rosso di Treviso.

Il Consorzio di tutela del radicchio rosso di Treviso e del variegato di Castelfranco IGP pubblica notizie interessanti riguardo l'ambiente, il territorio dove il Radicchio rosso trevigiano viene coltivato, informazioni di cucina, e la gazzetta del radicchio.

Altri siti interessanti sono quelli del Radicchio di Verona I.G.P. e del Consorzio di tutela del radicchio di Chioggia IGP, dove sono presenti interessanti informazioni che trattano nello specifico di ogni singola varietà.

Anche gli abbinamenti dei vini assumono notevole importanza nelle ricette dove è presente il radicchio rosso, per esaltare al meglio i sapori del cibo.
Il fiore che si mangia, così come viene spesso definito il radicchio rosso, è l'ennesimo semplice prodotto alimentare made in Italy a dare alla cucina tricolore un tocco unico, originale, inimitabile, sebbene nel mondo ve ne siano di ottime.

Ma un prodotto come questo esaltato a dovere da bravi cuochi rappresenta, una volta in più, un fiore all'occhiello della cucina italiana.
Va ricordato che se i cuochi italiani continuano a rimanere apprezzati ad alti livelli nel mondo è perché non si sono mai seduti sugli allori, non si sono mai sentiti i migliori ma hanno continuato, e continuano a sperimentare interessanti abbinamenti gastronomici senza perdere la tradizione, senza la quale l'innovazione non esisterebbe nemmeno.

Prodotti come il radicchio rosso sono un vanto nella cucina italiana, e ancor prima nella produzione di materie prime di qualità.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi