Menu

af1.it

Scrivo sul mio blog

 

Stivali (biker/western …) per il tempo libero

5 minuti
aggiornato il
Ragazza con stivali country/western

Stivali

Gli stivali per uomo e donna sono indossati anche nel tempo libero e si possono contraddistinguere in qualcosa di sempre originale.
Una donna può sempre indossare tranquillamente anche capi di abbigliamento pensati per l'uomo, in quanto la femminilità la contraddistingue sempre.
Vale anche per gli stivali ovviamente, che anche quando per uomo offrono una buona scelta di stili diversi.

Stivali: un “classico” delle calzature

Gli stivali sono spesso indispensabili per svolgere determinati lavori, o specifiche mansioni, poi sono calzature molto interessanti anche per il tempo libero, specialmente in inverno, sebbene non è raro vedere persone portarli anche durante le stagioni più calde.

Ci sono marchi storici di stivali, che hanno caratterizzato questa specifica tipologia di calzature, ricordo i Frye che avevano spopolato anche da noi tanti anni fa, sebbene continuino ad essere acquistati, l'azienda esiste dal 1863.

Ci sono stivali che sono spesso definiti come stivali Kentucky's western, texani, biker, in quanto specificamente creati per i cowboy o per i bikers, salvo poi piacere così tanto alle persone che praticamente li indossano spesso, indistintamente donne e uomini, specialmente in paesi dove sono entrati a far parte dell'utilizzo collettivo per tradizione.

In America sono molto utilizzati da tantissimo tempo, anche in Europa da tanto sono definitivamente entrati nei modelli di calzature ampiamente indossate.

Harley Davidson oltre ad essere un cult per le celeberrime moto, la più famosa al mondo probabilmente, la celeberrima casa motociclistica statunitense, ha anche una serie di capi di abbigliamento specificamente pensati per i suoi motociclisti, tra i quali spiccano anche gli stivali, pensati per la motocicletta ma tranquillamente portabili anche nel tempo libero.

Alcuni modelli sono particolarmente interessanti, con marchio Harley Davidson che li rende inequivocabili, con punta arrotondata quindi molto comodi per il piede, alti sul polpaccio, tacco basso.

Anche se non è raro che gli stivali di cuoio, prima di poter essere definiti comodi, debbano essere portati qualche tempo, è un impegno che chi ama questo genere di calzature assume volentieri, in quanto il cuoio ha bisogno di tempo prima di ammorbidirsi e risultare più confortevole, fermo restando le diverse caratteristiche dei pellami utilizzati per la realizzazione delle calzature.

Gli stivali sono ormai un classico delle calzature, tanto per donna quanto per uomo.

Tipi di stivali

Gli stivali stile western, o biker, sono piuttosto marcati, inconfondibili, capaci comunque di essere anche non invadenti, esteticamente parlando; con uno stile inconfondibile, ma non necessariamente “ostentato”.
Ce ne sono alcuni alquanto ostentati, pacchiani, piuttosto vistosi, non si si possono non notare, ma i gusti soggettivi non si discutono.

Bensì ci sono anche stivali discreti sebbene sempre marcati nello stile, capaci però di integrarsi bene nell'abbigliamento, almeno quello non troppo formale o classico.

● Questo è secondo me uno dei punti di forza di uno stivale: abbinarsi senza impegno in quasi ogni tipo di abbigliamento, senza risultare ostentatamente specifico.

Ad esempio, diversi tipi di stivali sono sì pensati per i bikers, e per un comodo utilizzo quando si è in moto, tuttavia risultano tranquillamente portabili anche nel tempo libero, senza essere tassativamente inequivocabili come ad esempio lo possono essere la scarpe antinfortunistiche.

Sebbene anche in questo caso, ne esistono modelli molto curati anche dal punto di vista estetico; sicurezza, comfort e stile. Why not ?!
Hanno avuto una notevole evoluzione, non paragonabili alle prime calzature di questo tipo improntate esclusivamente per la sicurezza e non oltre.

Alcuni stivali sono un classico con la punta quadrata, e gli anelli nei cinturini di cuoio ai lati delle caviglie, altri proprio a punta, di quelli che nella parte anteriore risultano sollevati.

Il tacco varia indicativamente dai 2 ai 4 cm per uomo, mentre per gli stivali da donna le altezze non finiscono mai …

La comodità degli stivali è un requisito irrinunciabile

Per stivale si intende una, almeno discreta, altezza, fino a metà o 3/4 del polpaccio per uomo, altezze sotto il ginocchio e anche oltre sono più prettamente femminili, a meno che non si tratti di stivali per specifici utilizzi.

Scarponcini, stivaletti, sono definizioni usate per intendere praticamente scarpe più alte, per così dire, sebbene siano anche queste calzature particolari, e per diverse caratteristiche anche particolarmente interessanti, come il sostegno alla caviglia, la suola robusta nei modelli più casual, sovente anche molto comodi e pratici.

Sebbene negli stivali per uomo ci siano anche calzature che puntano all'eleganza (secondo me non raggiungibile come quella di una scarpa), continuo a pensare che lo stivale debba essere comodo, pratico, e perché no anche accattivante, con uno stile, anche semplice ma inconfondibile.

Mentre per gli stivali da donna l'assortimento è davvero ampio, dal casual alla massima eleganza, senza dimenticare che una donna può tranquillamente portare anche stivali da uomo.

La comodità è un requisito irrinunciabile nell'indossare e portare gli stivali, quando è presente la cerniera aiuta in modo notevole nel calzare e togliere lo stivale, soprattutto se l'altezza sale sopra la metà del polpaccio.

Se gli stivali non fossero comodi sarebbero una bella scocciatura, tanto da indossare e togliere e soprattutto da portare.
Ce ne sono di particolarmente interessanti, molto pratici e utili in inverno, con suole robuste anche se non necessariamente da alpinista, l'importante è che siano antiscivolo.

Secondo me gli stivali non hanno mezze misure, o si amano o si odiano, vale la pena rischiare ?!

Oh yeah.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi