Menu

af1.it

Scrivo sul mio blog

 

Scarponi da escursione (trekking)

5 minuti
aggiornato il
Le scarpe da trekking nonostante l'aspetto talvolta imponente e severo possono (e devono) essere di estrema comodità

Scarpe da trekking

“A dispetto dell'aspetto” imponente gli scarponi da escursione (trekking) possono essere molto comodi e sufficientemente leggeri da portare.
Ergo, devono essere molto comodi se si vuole stare bene mentre si fanno delle belle camminate anche su terreno impervio.
Occhio ai prezzi troppo convenienti; potrebbero trarre in inganno sull'effettiva qualità del prodotto.

Caratteristiche principali delle scarpe da trekking

Gli scarponi da trekking (da escursione, o da escursionismo), hanno solitamente un aspetto massiccio, roba robusta, fatta per durare a lungo nonostante le pesanti sollecitazioni a cui vengono sottoposti.

Occorre valutare la scarpa più indicata per la specifica attività che si svolge.

Nel mio caso ad esempio, uomo di pianura, esco a fare passeggiate nei campi con il cane, in mezzo all'erba, su strade sterrate e sconnesse in genere, un po' di fango quando piove o è appena piovuto; ebbene sì, mi piace uscire a camminare anche quando piove, è una delle cose più interessanti quando si amano le camminate, o la corsa leggera, come piace a me.

La mattina specie quando fa più freddo l'erba è molto bagnata e l'impermeabilità è una caratteristica importante per gli scarponi da trekking; sebbene personalmente li preferisco più traspiranti possibile, quindi non impermeabili, o comunque poco.

Del resto, nel mio caso, la presenza di acqua in cui camminare è piuttosto limitata, quindi non avrebbe senso per quanto mi riguarda acquistare una scarpa impermeabile, che comunque limita la traspirazione del piede.

● Gli scarponi da trekking possono essere traspiranti anche se impermeabili, logico, caratteristica importante se lo specifico uso lo richiede.

Se i percorsi che si fanno abitualmente comprendono abbondanti pozze d'acqua, è ovvio che necessariamente si deve puntare anche sull'impermeabilità dello scarpone.

La differenza tra quelli impermeabili e gli altri, è una membrana posizionata tra la tomaia e la fodera interna della scarpa, di modo che l'acqua non possa passare attraverso.

Tessuti sintetici evoluti permettono di avere un'ottima impermeabilità e risultare comunque sufficientemente traspiranti.

Gli scarponi da escursione sono robusti di loro, altrimenti non sarebbero adatti a quanto devono sostenere.
Suola e tomaia devono essere roba forte, calzare comodi, meglio 1/2 numero in più che in meno; anzi, in meno è proprio impensabile, semmai col mezzo in più si possono utilizzare solette sottopiede.

Tipologie di scarponi da trekking

Gli scarponi da trekking possono essere alti, medi o bassi.

High (alti), offrono una protezione alla caviglia, adatti per percorsi particolarmente impegnativi;

Mid (medi), che supportano il malleolo, per percorsi meno ardui rispetto agli High;

Low (bassi), come una scarpa, offrono maggiore libertà di movimento, quindi per percorsi più semplici dei primi 2.

E ricorda una volta in più: devono calzare a pennello, quando le stringhe sono allacciate, devono risultare un tutt'uno con il piede.

Come scegliere gli scarponi da trekking

● Serve ricordare che la totale impermeabilità di un tessuto ne impedirebbe la possibilità di essere traspirante.

Soprattutto quando si pratica attività fisica intensa, la traspirazione (nella fattispecie del piede) assume ancora maggiore importanza, in quanto se il sudore non trovasse sfogo resterebbe imprigionato nei tessuti, facendo potenzialmente maggiore danno di quanto potrebbe fare l'acqua.

Puntare alla totale impermeabilità non conviene, è utile invece scegliere un materiale capace di essere sia traspirante (caratteristica fondamentale) che sufficientemente impermeabile.

Un tessuto come il Gore-Tex®, il PTFE, sintetico dalle alte capacità traspiranti e impermeabili: 2 in 1.

I microfori di cui sono dotati tessuti come questo, impediscono alle gocce di pioggia di entrare perché più grosse, permettendo però la traspirazione contemporaneamente all'impermeabilità, in quanto le molecole di acqua sono più piccole dei microfori, quindi permettono al vapore acqueo creato dal sudore, di uscire, di traspirare.

Tessuti come questo vengono utilizzati anche per le membrane inserite tra tomaia e fodera interna per dare una buona impermeabilità alla scarpa.

Serve anche ricordare, che la traspirazione, non è la proprietà di lasciar passare l'aria, bensì quella di far fuoriuscire il vapore acqueo (come il sudore).

La capacità di una data misura di tessuto di lasciar passare vapore acqueo in un determinato periodo di tempo viene misurata in MVTR.

Il RET misura invece la resistenza all'evaporazione.

Questi parametri di riferimento sono presi in considerazione da chi pratica professionalmente escursioni molto impegnative, se ti servono solo un paio di scarpe robuste per uscire a passeggiare senza preoccuparti di fango e un po' d'acqua, ovviamente puoi tirare un sospiro di sollievo e trovare buoni prodotti per quanto riguarda il rapporto qualità/prezzo.

Ci sono scarponi da trekking a prezzi interessanti, che offrono buona comodità e dimostrano buona durata rispetto al prezzo pagato.
Li usi solo per lo specifico utilizzo, e quando comodi, pratici ed efficienti, non ti devi preoccupare d'altro se non di goderti le tue escursioni, ovunque tu sia.

Da ricordare anche che almeno l'altezza media dello scarpone da escursione, è particolarmente comoda e supporta bene il piede fin sotto la caviglia, sebbene apprezzi parecchio anche l'estrema comodità della scarpa da trekking low, particolarmente confortevole, andando in pianura.

Ancora una volta però attenzione ai prezzi stracciati, che spesso sono proprio un prodotto che costa poco e vale meno, quindi non conviene, a conti fatti.
Una robusta ed efficace scarpa da trekking deve, necessariamente, avere il suo prezzo per poter durare concretamente nel tempo offrendo qualità costante, irrinunciabile per un paio di calzature che si indossano in percorsi anche impegnativi.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

 

 

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi