Menu

af1.it

Scrivo sul mio blog

 

Pigiama: comodo, traspirante e pulito

5 minuti
aggiornato il
Il pigiama è un capo di abbigliamento capace di essere estremamente confortevole, caldo o fresco, sempre traspirante e morbido sulla pelle, può migliorare il sonno

Pigiama: ha sempre il suo perché

Come dev'essere il pigiama ? Comodo, adeguato alla stagione, sempre pulito, traspirante.
Eppure non è per tutti, è un capo di abbigliamento che non ha mezze misure: o lo si ama o lo si odia, ci sono persone che non lo sopportano, altre che non ne farebbero mai a meno: “quando ben ci sta, concilia il sonno.”

Il tessuto del pigiama: sempre traspirante

Quale tessuto per il pigiama ?
Cotone, e per chi la tollera senza problemi, lana se la preferisce al cotone.

Adeguato per pesantezza alla stagione, tuttavia nemmeno quando fa freddo un pigiama che tiene eccessivamente caldo probabilmente è troppo, in quanto già il piumone, o comunque la coperta, dovrebbe tenere un buon caldo anche dormendo solo con mutande e canottiera.

Il cotone, di diversa consistenza, ben si adatta in ogni stagione, è traspirante quindi igienico come la lana, e come tutti i pigiami, dev'essere cambiato e lavato spesso.

La seta è un altro tessuto, anche in questo caso, che si ama o si odia; chi la predilige sicuramente ama avere un pigiama di questo tipo, fresco, asciutto, leggero.

Tessuto che anche se poliestere la cosa importante è che sia traspirante, in modo da favorire la respirazione della pelle durante il sonno, quello della traspirabilità del pigiama, lenzuola e coperta è importante ai fini di ottenere un riposo qualitativamente apprezzabile, evitando eccessiva sudorazione e conseguente stress.

Giacca con bottoni, o semplice maglia da indossare dal capo ?
Secondo le soggettive preferenze.

La cosa importante è che una volta indossato il pigiama sia estremamente comodo, non impedisca i movimenti, il che sarebbe parecchio fastidioso durante il sonno, quando a null'altro si pensa se non a dormire.

Proprio per questo la taglia è sempre meglio sia un po' più comoda, sebbene il pigiama in genere sia, o comunque dovrebbe essere, piuttosto comodo anche della taglia su misura.
Le taglie poi in base al tipo di pigiama possono risultare più o meno comode; uno stile più elegante, con pantaloni e giacca, è solitamente più vicino alla taglia della persona sebbene offra comunque buona comodità mentre altri tipi più scanzonati, allegri, come quelli per bimbi, sicuramente tendono ad essere leggermente più abbondanti nella forma.

Disegni, tinta unita, colorati ?!
Il pigiama rispecchia tanti stili diversi; dal tipo “qualcosa da indossare per dormire” al capo tagliato ad hoc, dallo stile più elegante e ricercato.

Dai colori più classici (“teribbile” l'intramontabile azzurro), scuri più impegnativi, chiari più rilassanti, parlando di tinte unita.

Quando colorati inevitabilmente richiamano il casual, l'informale, l'allegro, scanzonato, con molteplici colori; da quelli stagionali (feste natalizie, vacanze, etc.) con disegni appropriati al periodo per chi ama questo aspetto giocoso del pigiama, che è comunque qualcosa di intimo.

Igiene e pulizia del pigiama

Avere diversi pigiami di ricambio.

La cosa importante di quando si dorme è sempre mantenere un ottimo livello di igiene delle lenzuola e dei materassi (che anch'essi necessitano di pulizia periodica).

Indipendentemente dal fatto che si utilizzi il pigiama quando si dorme oppure no, è bene destinare al sonno indumenti puliti, destinati esclusivamente ad essere indossati quando si va a letto, non da portare un po' qua un po' là.

Mantenere una buona igiene del letto è sicuramente uno degli aspetti più importanti relativi al sonno, al buon riposo, e ovviamente all'igiene della persona.

Dato che passiamo circa 1/3 della nostra vita dormendo, quindi si presume a letto, è estremamente importante per la buona salute rispettare le condizioni igieniche necessarie a garantire un riposo qualitativamente apprezzabile.

A partire da una sana e quotidiana aerazione della camera da letto, con lenzuola e copriletto completamente tirati indietro fino ai piedi del letto per fare in modo che le finestre spalancate possano far cambiare aria oltre che all'ambiente, a materasso, lenzuola, cuscino, federe.

Umidità non adeguata dei locali non dimentichiamo che crea ambienti per niente salubri, quindi provvedere prontamente qualora si presentassero problemi di questo tipo dove l'umidità va a creare macchie sui muri; meglio prevenire comunque e non aspettare le macchie.

Controlli frequenti ai muri, anche negli angoli, aerazione abbondante e quotidiana.

Perché dormire è unA cosa seria, e se vuoi dormire sonni tranquilli pensaci prima e pensaci bene.

Importanza della traspirazione del tessuto del pigiama

L'importanza della traspirazione durante il sonno è fuori discussione, sia per avere un sonno adeguato e rilassante, sia per una corretta igiene.

Quindi il tessuto ha particolare rilievo, sia per pigiama, lenzuola, materasso.
La corretta traspirazione permette un sano riposo e mantiene una corretta igiene.

Il pigiama, quando si usa, va usato solo quando si è a letto e basta.
Utilizzarlo per fare di tutto un po' quando si è in casa non è una cosa corretta; sarebbe come portarsi appresso le lenzuola a destra e a manca.

Come sempre vale la logica quando si intendono fare le cose per bene, quindi per mantenere una corretta igiene il pigiama va usato sol a letto e lavato spesso.
Anche perché lo si indossa parecchie ore al giorno, indicativamente almeno 7 – 8 ore la notte, e proprio come i vestiti a partire dagli indumenti intimi (che si cambiano almeno una volta al giorno), il pigiama che viene indossato quando la traspirazione durante il sonno può essere anche abbondante, va necessariamente lavato con una certa frequenza.

Così come ci si mantiene puliti lavandosi quotidianamente, anche i vestiti devono rispecchiare la pulizia della persona.

 

                 

 

Felice Amadeo: autore di af1.it

af1.it è mantenuto dalla mia passione.
Se vuoi sostenere af1.it fai una donazione.

Se qualche articolo ti è piaciuto e vuoi fare una donazione, ti ringrazio.

Tanti anni fa, quando c'erano ancora le lire, un bravo artista di strada, terminata la sua esibizione di giocoliere disse alla folla intorno: se il mio spettacolo vi è piaciuto, dimostratemelo, se non vi è piaciuto scrivetelo su “un deca…”

(un deca, le vecchie 10.000 lire…)
So smile & stay in touch !!!

af1.it usa cookie tecnici anche di terzi per le statistiche visite e per annunci pubblicitari.
Per sapere come negare il consenso leggi l'informativa estesa.
Cliccando su Va bene, scorrendo la pagina o continuando la navigazione acconsenti all'uso dei cookie.
Leggi informativa estesa

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi