Ho scoperto che invecchiando, mi piace portare il cappello.
Un buon prodotto, è fatto per durare, soprattutto quando è destinato a essere usato spesso.


[adv_category]

Cappello da cowboy in paglia Stetson Rancher

Il mio cappello da cowboy in paglia Stetson Rancher a cui ho personalizzato il cinturino intorno alla corona: quello originale onestamente è molto modesto, un semplice nastro di stoffa, qualcosa in più di poteva stare da parte di un brand come Stetson
Cappello da cowboy Stetson Rancher Shantung hat 10X

Il cappello da cowboy in paglia Stetson Rancher rispecchia il puro stile western con tese larghe e corona particolarmente alta, impermeabile e traspirante.


Portare il cappello: un piacere come pochi

Portare il cappello
Ronald Reagan in una foto d'annata (photo by WikiImages on Pixabay)

Portare il cappello: non è un accessorio ma un piacere da portare che ti fa sempre sentire a tuo agio ovunque tu sia.


Cappelli da cowboy, se cominci a portarli non smetti più…

Cappelli da cowboy
(Photo by Megan Markham on Unsplash)

Collaudo del cappello…

Il modo migliore per collaudare un cappello, per quanto mi riguarda, è indossarlo sotto la pioggia battente, sotto la neve, sotto il sole cocente; è in questi casi che da il meglio.

Real CowGirl
(Image by Keith Johnston from Pixabay)

I cappelli da cowboy sono nati per questo, per essere usati dai mandriani, pastori, e in Australia e America, viene spesso portato da chiunque; oltre dai vaqueros (thestoryoftexas.com), da carpentieri, falegnami, e non solo per lavoro, in quanto spesso, chi lo porta, lo porta sempre, come se il cappello fosse un'estensione di sé stessi.

I prodotti ben realizzati, fatti per durare, non possono costare poco.

I cappelli da cowboy originali, sono un investimento, in quanto durano davvero per notevoli periodi di tempo, negli anni a venire, basta mantenerli puliti, e appesi come si deve; ad esempio appesi appoggiati sulle falde, con la corona (crown) rivolta verso il basso.

Questo, permette di mantenere intatta sia la corona, sia le falde che, se dovessero restare appoggiate per lunghi periodi ad una superficie, potrebbero perdere la loro forma, e tendere ad appiattirsi.

Non sono da confondere, ma sarebbe difficile farlo, con cappelli cartonati di pochi euro, che vanno bene per i bimbi a carnevale.

Ci sono tuttavia anche cappelli western economici, di buona, ottima qualità, come ad esempio questo cappello in foglia di palma.

L'ho comprato qualche anno fa, e ne sono estremamente soddisfatto, per la buona stagione è ideale.

CowGirl
(Image by PublicDomainPictures from Pixabay)

Mentre quando si tratta di cappelli da cowboy in paglia, lana, o feltro, il prezzo sale, ma per quanto mi riguarda il gioco vale la candela.

Non mi sono mai trovato pentito dei cappelli che ho comprato, perché so che dureranno ancora a lungo, e li ho collaudati come piace a me; una soddisfazione come poche.

La pulizia: vapore, spugna, e spazzola.

How to keep clean cowboy straw hat

Fuori dagli schemi: quali schemi?!

Il 20 marzo 2021, sul TG della sera, ho seguito un breve servizio dove è stato intervistato Pat Metheny, bravissimo musicista, la cui chitarra ascolto da tanti anni a questa parte.

Nella breve intervista mandata in onda, ha detto:

Non mi è mai piaciuto classificare la musica, posso suonare insieme all'orchestra filarmonica, e anche con Beyonce. La musica, è musica, e basta.

Da semplice ascoltatore, mi trova d'accordo. Io non ho competenze musicali, ma mi piace ascoltare di tutto, dalla musica classica al rock, ascolto quanto più mi garba in un preciso momento.
La musica, è musica.
Fuori dagli schemi, dalle etichettature, ma quali schemi, quali etichettature?

Possono tornare utili per un lavoro di classificazione, ma non cambia la sostanza.
Lo stesso concetto, per quanto mi riguarda vale per il cappello; mi piace portarlo.

Che poi sia una coppola, da cowboy, stile western, classico; è un cappello, che quando lo indosso mi fa sentire più a mio agio, perché so che c'è.

Per certi aspetti, è come farsi un tatuaggio, se decidi di farlo, lo devi fare perché piace a te, non per quello che pensano gli altri.

E talvolta non serve nemmeno che sia in evidenza, ma tu sai che c'è, e se lo hai fatto, è perché ti fa sentire meglio, è qualcosa di tuo.

Portare il cappello, per me è la stessa cosa; fa piacere a me indossarlo, pazienza se non piace agli altri, non lo indosso per loro, ma per me, perché mi sento meglio quando lo indosso, se non lo porto, ho l'impressione che mi manchi qualcosa, e da quando mi sono abituato a portarlo, non esco più senza.

Talvolta lo indosso anche quando sono in casa, e nessuno mi vede.
Non è logico? Forse no, però mi piace portarlo, mi sento meglio. Semplice.

Come ho iniziato a portare il cappello

È stato per necessità.
In inverno, ero solito portare una cuffia copricapo, in lana, o pile, per ripararmi dal freddo.
Da diversi anni a questa parte, in famiglia abbiamo con noi il cane.

È da portare fuori diverse volte al giorno, tutti i giorni, che sia bel tempo, oppure no, essendo anche di buona stazza, ha bisogno di uscire, correre, passeggiare, oltre che fare ciò che deve.

Quando pioveva, indossavo il cappuccio della giacca impermeabile, ma portando gli occhiali, si bagnavano, inevitabilmente, ed era una scocciatura.
Così mi sono detto: mi serve almeno una visiera, per proteggere gli occhiali.

Però l'idea della sola visiera, non mi piaceva granché.
Ho deciso di provare a comprare un cappello western economico, con le sue belle falde sulla circonferenza.

Non solo mi sono accorto della comodità, bensì che mi piaceva anche portarlo, e parecchio, tant'è che ho iniziato a metterlo ogni volta che uscivo, non solo quando portavo a spasso il cane.

Era un prodotto modesto, e mi è piaciuto a tal punto portarlo, che ho deciso di comprare un vero cappello da cowboy, lo Stetson Hackberry, in lana 100% (feltro di lana).

Cappello originale Stetson
(Image by Thomas B. from Pixabay)

Il mio primo Stetson

Ricordo come fosse oggi, l'emozione che ho provato la prima volta che l'ho preso tra le mani; ne ho apprezzato la soffice morbidezza, un piacere da toccare con le dita, morbido, caldo, oltre al fatto che gli Stetson hanno fatto la storia dei cappelli.

Era inverno, e tra una pioggia battente e una nevicata, ho potuto constatarne la bontà, la qualità del prodotto, fatto per durare, per proteggere dalle intemperie, e mantenere la testa asciutta, e al caldo.

Da quel momento, è nata la mia passione per i cappelli da cowboy originali, oltre gli Stetson ci sono tantissimi ottimi marchi che realizzano prodotti di alta qualità (Akubra, Atwood, Serratelli…), fatti davvero bene, con tanto di cura per i dettagli, destinati a durare negli anni a venire; questa è la cosa che mi da maggiore soddisfazione in un prodotto, nella fattispecie in un capo di abbigliamento, che siano cappelli, stivali, blue jeans.

Perché a conti fatti, quello che per me conta, per quelle che sono le mie possibilità, è il prezzo/durata=costo effettivo.
Un cappello come si deve, di buona, alta qualità, costa qualcosa in più, ma come minimo dura 10 anni, quando non 20.
Addirittura di più quando mantenuto bene, e facendo due conti, spendo qualcosa quando lo compro, poi però mi garba molto apprezzarne la qualità, costante, nel tempo.

Because wear the hat meaning